Il denaro non salverà il pianeta, quindi la filantropia deve adattarsi

0
5

Il bilancio degli incendi boschivi che hanno devastato l'Australia dal settembre 2019 all'inizio del 2020 è sbalorditivo: più di un miliardo di animali sono morti nelle fiamme, 33 vite umane sono state perse, 2.500 edifici sono stati distrutti e più di 80.000 chilometri di terra sono stati bruciati.

Di fronte alle dimensioni di questa tragedia ecologica e umana, le manifestazioni di solidarietà sono state immediate. Abbiamo visto petizioni ed eventi di raccolta fondi sbocciare in tutto il mondo, su diverse piattaforme. Questo sfogo di generosità ricorda quelli che seguirono i disastri nel sud-est asiatico come lo tsunami del 2004 o il terremoto di Haiti nel 2010.

Questa richiesta di donazioni è stata trasmessa anche da celebrità e dal mondo culturale e sportivo. La storia più virale è stata senza dubbio quella di Celeste Barber, un'attrice australiana, che in quattro giorni è riuscita a raccogliere più di 44 milioni di dollari australiani per il Servizio antincendio rurale del New South Wales.

Ma questo afflusso di denaro è ancora rilevante alla luce del cambiamento climatico? Il nostro gruppo di ricerca, Phi-Lab, il Canadian Philanthropy Partnership Research Network, ha lavorato su questa domanda.

Il dono dell'urgenza e dell'emozione

I regali motivati ​​dall'urgenza e dall'emozione mirano, prima di tutto, a fermare ciò che è considerato insostenibile. Le immagini orribili devono essere fermate. La donazione immediata di capitale, in questo contesto, cerca di fornire mezzi tecnici e umani per porre fine alla crisi. A più lungo termine, le donazioni del sostegno filantropico verranno utilizzate per progetti di ricostruzione.

Siamo quindi in presenza di una filantropia nota come “filantropia classica”, qui intesa come una donazione in denaro fatta con l'obiettivo di soddisfare bisogni immediati.

Le truppe canadesi aiutano un elicottero della Marina degli Stati Uniti a scaricare il suo carico di aiuti all'aeroporto Jacmel di Haiti dopo il terremoto del gennaio 2010.
LA STAMPA CANADESE / Adrian Wyld

Questa forma di filantropia allevia le conseguenze generate da una situazione problematica, come quella australiana, che appare abbastanza eccezionale perché l'emozione umana occupi un posto centrale nella decisione di dare.

Senza mettere in discussione le buone intenzioni che stanno dietro ai gesti di solidarietà in situazioni di emergenza, la domanda che ci poniamo è la seguente: in un contesto in cui i disastri naturali sono e saranno sempre più legati ai cambiamenti climatici, la filantropia classica è rilevante come una volta?

Individuiamo tre limiti intrinseci a questa forma di filantropia: non può ricostruire tutto, può portare a una perdita di responsabilità, sostiene un'economia insostenibile.

I soldi non possono comprare tutto

Possiamo ricomprare un ecosistema distrutto? Se possiamo aiutare i cittadini a ricostruire le loro case distrutte da un incendio, la rivitalizzazione degli ecosistemi naturali ridotti in cenere è un'altra questione. Quando il danno colpisce la biodiversità ci sono cose che sono, purtroppo, insostituibili.

Pertanto, di fronte alla distruzione causata da tali disastri, dobbiamo ammettere l'impotenza del classico dono della filantropia. Il capitale non ricostruisce una specie vivente in quanto ripristina una cattedrale, non importa quanto simbolica.

Il denaro non farà risorgere una specie nello stesso modo in cui ricostruirà un edificio iconico, come la Cattedrale di Notre-Dame, che è stata distrutta da un incendio a Parigi nel 2019.
(Shutterstock)

La situazione recente, legata all'incendio della cattedrale di Notre-Dame de Paris, ha dato vita a una mobilitazione filantropica internazionale di grande intensità, che ha ampiamente travolto parigini e cattolici. In 24 ore, 850 milioni di euro sono stati offerti alle autorità interessate da alcuni miliardari internazionali, per loro conto o tramite la loro azienda o fondazione. In tal modo, sono state raccolte donazioni individuali in tutto il mondo.

Acquistandoti una buona coscienza

Di fronte all'aggravarsi dei cosiddetti disastri naturali, le reazioni filantropiche, sebbene sincere, spesso sembrano essere un modo per aggirare le nostre responsabilità.

In altre parole, siamo di fronte alla sindrome di chi inquina paga, come la tassa sul carbonio. Se pago un'imposta finanziaria, mi sto acquistando il diritto di non cambiare atteggiamento. Questo concetto è simile a quello del commercio delle indulgenze della Chiesa cattolica romana nel XVI secolo. Tendiamo a reagire emotivamente scegliendo una soluzione compensativa che ci esenta dall'assumerci le nostre responsabilità.

La filantropia classica, limitandosi alla compensazione attraverso la riparazione e non alla prevenzione attraverso la consapevolezza e l'adozione di adeguate normative, appare come una risposta incompatibile ai problemi causati dalla crisi climatica. Progettato per spegnere le fiamme, dare è infatti soffocare un altro fuoco: quello della responsabilità umana di fronte ai cambiamenti climatici e alle grandi disuguaglianze sociali.

Sostenere un'economia insostenibile

Al culmine della crisi, il primo ministro Justin Trudeau ha esortato i canadesi a fare una donazione per aiutare l'Australia come gesto di solidarietà. Questo di per sé può sembrare appropriato.

Tuttavia, è il ruolo della politica fare appello al grande pubblico per colmare le lacune in un sistema economico globale al collasso? Non dovrebbe piuttosto proporre una revisione del nostro modo di vivere e del nostro rapporto con la natura? Oppure ascoltare il pubblico, soprattutto i giovani, che chiede cambiamenti profondi nel nostro rapporto con l'ambiente? Dove sono le politiche, le norme e i regolamenti responsabili coerenti con la solidarietà internazionale dimostrata dalle mobilitazioni per l'Australia?

Marzo per il clima a Montreal nel 2019.
(Shutterstock)

Per affrontare la grande sfida ecologica, i decisori politici dovranno mostrare coraggio nel proporre e sostenere i cambiamenti necessari. In questo modo sarà possibile conciliare la filantropia d'emergenza con la filantropia per il cambiamento sociale, coniugando donazioni finanziarie con un'azione responsabile. Questo cambiamento di prospettiva deve avvenire ora. È imperativo.

Ad esempio, sia l'Australia che il Canada possono fare di meglio nella protezione del loro patrimonio naturale. L'Australia ha il maggior numero di siti in via di estinzione, naturali o misti, ma non ha molte basi filantropiche (solo 5.000). Le antiche abitudini coloniali di rivendere le risorse su cui è stato costruito il paese, come le attività minerarie o estrattive, sono ancora molto presenti oggi.

Sebbene l'Australia non compia ogni sforzo per preservare il suo patrimonio naturale, fa comunque parte dell'equilibrio globale del pianeta. Come le istituzioni internazionali che si sono poste la missione di operare nel quadro di una comune umanità al fine di consentire il dispiegamento di una comune dignità, la filantropia ha il dovere di adattarsi a sfide e lotte che vanno oltre la dimensione caritativa.

Abbiamo la responsabilità di preservare il patrimonio mondiale. Su questo punto la filantropia può aiutare, purché sia ​​definita e presentata come strumento civico al servizio di cambiamenti sostenibili da realizzare e non come gesto portatore di un pensiero magico. L'idea è di non rallentare questa solidarietà che dà speranza in tempi di crisi. Tuttavia, la particolare natura del disastro australiano richiede una riflessione franca e critica in relazione ai movimenti filantropici spontanei.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui