Il disinvestimento da combustibili fossili è la strada per la giustizia climatica

11

Nel 2017, in risposta alle pressioni di studenti e docenti, la McMaster University ha creato un comitato consultivo per valutare se cedere la propria dotazione dai combustibili fossili.

Nel suo rapporto, che raccomandava azioni per ridurre l'impronta di carbonio dell'università e promuovere la ricerca sui cambiamenti climatici, il comitato ha raccomandato di non disinvestire dai combustibili fossili. Le ragioni citate includevano la difficoltà di uscire da fondi di investimento in pool contenenti imprese Carbon Underground (CU) 200 (le prime 200 imprese di carbone, petrolio e gas classificate in base alle potenziali emissioni di carbonio delle loro riserve dichiarate); la rischiosità relativa degli investimenti in energie rinnovabili; e il rigetto del disinvestimento come gesto puramente simbolico.

Ragionamenti simili avevano guidato le università di tutto il Canada – ad eccezione di Laval – a rifiutare il disinvestimento dai combustibili fossili.

Ma da allora molto è cambiato.

La rischiosità relativa del petrolio e delle energie rinnovabili sta cambiando e alcune aziende hanno costruito solidi track record negli investimenti senza combustibili fossili. In modo più significativo, il rapporto 2018 dell'International Panel on Climate Change (IPCC) mostra che gli effetti del cambiamento climatico sono più rapidi e gravi di quanto previsto.

Tuttavia, il disinvestimento continua a essere difficile da vendere nelle università canadesi e vale la pena considerare il motivo.

Il dibattito sul disinvestimento

Entro nel dibattito sul disinvestimento da ambientalista, convinto dalla scienza che mostra il pericolo del cambiamento climatico e il ruolo dei combustibili fossili nell'accelerarlo. Il mio approccio riflette anche la mia ricerca nelle scienze umane ambientali, che analizza l'intreccio di valori liberali come la diversità, la sostenibilità e la resilienza con la cultura del colonialismo dei coloni e utilizza strumenti di studi culturali femministi e decoloniali per immaginare diversi modelli di giustizia climatica.

Il petrolio è la linfa vitale della nostra cultura attuale e della nostra crisi climatica. Questa intuizione e le sue implicazioni sono emerse attraverso il lavoro di studiosi nelle discipline umanistiche dell'energia. Imre Szeman, Sheena Wilson e Adam Carlson, ricercatori in comunicazione e media, osservano che: "Libertà, identità, successo: i nostri ideali più profondi e le fantasie sociali più importanti sono mediati e resi possibili dalle energie dei combustibili fossili".

La struttura concettuale della petrocultura – l'insieme di valori che la nostra dipendenza dal petrolio ha creato – mostra che la cultura alimentata dal petrolio non influenza solo i nostri atteggiamenti al riguardo; la petrocultura satura tutto, comprese le istituzioni in cui si collocano le decisioni di investimento e disinvestimento.

I manifestanti portano un cartello che recita "Fossil Free Universities" durante un incendio boschivo e un raduno di azione per il clima a Brisbane, in Australia, nel 2020.
(Shutterstock)

Dare forma al dibattito sul disinvestimento

In che modo la petrocultura dà forma al dibattito sul disinvestimento?

In Canada, un elemento ovvio è la centralità dei combustibili fossili per la nostra identità nazionale (sebbene i combustibili fossili rappresentassero solo il 10% del PIL nel 2019).

Un altro filone dell'argomento anti-disinvestimento è la narrativa del "posto a tavola". Lasciando da parte le domande sull'efficacia dell'attivismo degli azionisti, il suo potente fascino deve qualcosa ai valori petrolculturali dell'impegno. Se hai vinto un posto al tavolo, sembra una brutta cosa cavillare su domande come: Perché alcuni posti sono più vicini al tavolo di altri? Chi ha disegnato il tavolo? Chi lo possiede? Di cosa è fatto?

La definizione della strategia del posto a tavola come una scelta quasi esistenziale – “uscita contro voce”, “lotta o fuga” – evidenzia i valori di mobilità e positività che sono centrali per la petrocultura.

Questi valori informano anche l'elevazione dei principi di investimento ESG (Environment, Society, Governance), salutati dal premier dell'Alberta Jason Kenney come un'arma preziosa contro il disinvestimento delle sabbie bituminose.

À lire aussi:
Cos'è la contabilità di sostenibilità? Cosa si intende per ESG? Abbiamo risposte

Considerato da alcuni sostenitori come "più sottile e sofisticato" dello screening negativo, ESG guadagna anche appeal utilizzando la retorica dell'intersezionalità, un termine della teoria critica della razza che descrive le dinamiche di potere sovrapposte (patriarcato, razzismo, omofobia, ecc.) Che determinano paesaggi di disuguaglianza.

Gli attivisti collocano migliaia di cartelli di protesta davanti all'edificio del Reichstag, sede del parlamento federale tedesco, durante una manifestazione di protesta del movimento "Fridays for Future" a Berlino, in Germania.
(Foto AP / Michael Sohn, File)

Intersezionalità, petrocultura e cambiamento climatico

Nella sua ampia esplorazione della petrointersezionalità, la ricercatrice in studi sui media e sulla cultura Sheena Wilson, osserva che mentre il petrolio può aver alimentato l'autonomia delle donne in Occidente, esacerba la mancanza di potere delle donne nel Sud del mondo, che sono anche tra le più colpite dal clima. modificare.

Dice che l'aura di femminismo che permea la retorica del petrolio canadese "etico" è ulteriormente turbata dalla sua omissione di donne indigene, la cui opposizione politica è respinta e le cui comunità ne pagano i costi.

Quando le aziende di combustibili fossili parlano di intersezionalità, il termine evoca una visione del femminismo "snello" (un concetto creato dal COO di Facebook Sheryl Sandberg nel 2013 che da allora ha attirato critiche significative), che fonde perfettamente gli ideali di diversità e auto-avanzamento competitivo .

Per contrastare la positività di inclinarsi, il punto del disinvestimento è inviare un messaggio negativo, per minare la licenza sociale di un settore il cui potenziale di danno supera l'applicazione più rigorosa dei principi ESG.

Per capire perché le università hanno difficoltà con questo messaggio, possiamo tornare alla metafora del tavolo. I tavoli sono luoghi in cui vengono condivisi i pasti e vengono prese le decisioni sulla distribuzione delle risorse, le politiche e le procedure. Con la scomparsa dei finanziamenti pubblici, le aziende sono passate ai primi posti dell'istruzione superiore. Sebbene gli investimenti possano spostarsi da un settore all'altro, è essenziale che gli interessi aziendali rimangano in primo piano, anche se il discorso si sposta sulla responsabilità sociale.

Nel marzo 2021, alla fine di un anno fiscale che ha intaccato non solo i profitti del petrolio, ma anche la cultura dell'iper-mobilità, connessione e inclinazione che lo media, il presidente della McMaster, David Farrar, ha rilasciato una dichiarazione invitando il consiglio di amministrazione di I governatori disinvestiranno dai combustibili fossili "il prima possibile". La tempistica rimane vaga, anche se la via da seguire è chiara.

Con una piccola ma conseguente distinzione dal ritiro graduale da un settore non redditizio, richiederà all'università di dire "No", per allontanarsi da un tavolo che si è dimostrato iniquo e instabile ma che stranamente è difficile da lasciare.