Il film su Cape Town viene utilizzato per sensibilizzare e porre domande più ampie

0
30

Gli accademici hanno sempre più utilizzato video e altri metodi elettronici per raccogliere dati e acquisire riflessioni dai partecipanti. Ma, fino a tempi recenti, è stato meno comune utilizzare i film come mezzo per diffondere i risultati della ricerca. Sta iniziando a cambiare.

Il film può essere un modo potente per condividere i risultati della ricerca con un vasto pubblico. Ciò è particolarmente vero quando gli accademici stanno combinando) le tradizioni dell'etnografia, del cinema documentario e della narrazione.

Il cinema e il cinema sono sempre più utilizzati nelle scienze umane ambientali per completare – o sfidare – la ricerca basata sul testo. I registi delle arti, delle scienze e delle discipline umanistiche vedono il potenziale nell'uso delle immagini in movimento all'interno della filosofia politica, della politica ambientale, degli studi postcoloniali, della geografia umana, dell'ecologia urbana, degli studi postcoloniali, del design e della letteratura.

Un esempio di questo è il film One Table Two Elephants. È un'etnografia cinematografica creata da due ricercatori e registi svedesi Jacob von Heland e Henrik Ernstson. Basato su anni di ricerca a Cape Town, è stato girato nel 2015 come parte di una ricerca a più lungo termine e di un progetto cinematografico. Il documentario si occupa di razza, natura e politica della conoscenza a Cape Town come parte del progetto di ricerca sui modi di conoscere le ecologie urbane.

Concentrandosi sul sud globale, questo progetto ha cercato di esaminare criticamente le dimensioni sociali, culturali e politiche di come le risorse vengono gestite negli spazi urbani in rapida crescita. Si proponeva di rispondere e provocare dibattiti su questioni di sostenibilità e uguaglianza, comprese domande sull'identità e il potere nel contesto di una città postcoloniale. I creatori hanno cercato di sviluppare e definire le visual humanities come un ricco registro per parlare in modo eloquente, energico e con consistenza delle questioni ambientali.

Il film fa parte di un progetto più ampio per utilizzare il film come ricerca per sfidare e completare carta e penna. Seguendo questa prospettiva, e sulla base dell'idea esplorativa di trattare il film come ricerca / ricerca come film, i realizzatori utilizzano registri cinematografici e audiovisivi per strutturare la comprensione di Città del Capo da parte delle persone. Questi vanno dalle relazioni intime alle questioni strutturali. L'obiettivo è spostare il pubblico oltre le comprensioni semplicistiche fornendo al contempo possibilità di tradurre ciò che sta accadendo in conversazioni più ampie sulla razza, la natura e la città in altri luoghi del mondo.

Il film è stato candidato a diversi premi e proiettato a festival cinematografici di Copenaghen, Città del Capo, Tirana, Nimega e Stoccolma. È diventato uno spazio di apprendimento straordinario per i ricercatori e altamente produttivo soprattutto per gli studiosi e gli studenti più giovani che sono stati coinvolti.

La pellicola

Entrando nella città attraverso le sue piante e le sue zone umide, emerge la storia multiforme, dolorosa e liberatoria della città mentre il film segue come biologi, saltimbanchi e attivisti delle zone umide cercano ciascuno il modo per creare simboli di unità e coesione.

Il film inizia seguendo i ballerini neri, hip hop break che cercano di portare le proprie radici culturali nelle moderne tecniche di danza. Segue anche gli sforzi di conservazione perseguiti dai residenti bianchi della città.

Il documentario è rivolto al grande pubblico, a studenti e studiosi. Dà consistenza alla comprensione di una città come Cape Town. Allo stesso tempo offre la possibilità di tradurre ciò che sta registrando in conversazioni su altre città e dintorni.

Situato e fondato su esperienze vissute attraverso una serie di gruppi, questo film segue diversi modi di conoscere. Cerca di essere un veicolo verso conversazioni difficili ma urgenti su come la razza, la natura e la città si intrecciano nel mondo postcoloniale del Sud Africa, dove la storia è sempre presente in modi sottili e diretti.

Il film è insolito in molti modi. Il materiale è ricco e strutturato. Viene modificato senza una voce fuori campo. Ciò gli consente di trasmettere più storie correlate in tutta la città.

Il film offre la possibilità a non esperti così come esperti di riflettere e deliberare su come una città e i suoi ambienti possono essere conosciuti.

Un volantino per pubblicizzare una proiezione del film.

Lezioni imparate

Il film non tenta di formulare una teoria coerente. Piuttosto, dovrebbe essere trattato come un'indagine intellettuale che apre lo spazio a un territorio sconosciuto – l'interrelazione tra i creatori del film e il suo soggetto. In questo modo può aprire la discussione e tracciare possibili linee di ricerca futura.

Sviluppando studi approfonditi a Città del Capo, in Sud Africa, una città in rapida crescita modellata dal suo passato coloniale e di apartheid e altamente diseguale, culturalmente diversificata e alle prese con sfide di gestione delle risorse, il film mira a contrastare la conoscenza locale con quella occidentale dominante. . In questo modo, esplora la politica della conoscenza ambientale urbana nelle città postcoloniali. Cerca di trasmettere la "conoscenza" che è già prodotta verso un pubblico più ampio.

One Table Two Elephants (Film documentario, 84 min, 2018), creato da Jacob von Heland e Henrik Ernstson.