Il fungo che mangia la plastica può aiutare nella lotta contro i rifiuti di plastica

0
6

Gli esseri umani hanno prodotto circa 9 miliardi di tonnellate di plastica dagli anni '50, di cui solo il 9% è stato riciclato e il 12% incenerito. Il restante 79% si è accumulato nelle discariche o nell'ambiente naturale, e anche la maggior parte delle plastiche etichettate come "biodegradabili" non si decompongono nell'oceano.

Per aiutare ad alleggerire il carico della natura nel mezzo di questa crisi ambientale, i ricercatori stanno ora esaminando metodi alternativi per la riduzione della plastica. Una di queste soluzioni si presenta sotto forma di una certa specie di funghi con la capacità di consumare il poliuretano, uno degli ingredienti principali dei prodotti in plastica.

Cosa significa questo per gli sforzi ambientali? Se riusciamo a trovare un modo per sfruttare il potere di questi funghi mangiatori di plastica, alcuni scienziati ritengono che questi composti naturali potrebbero essere la chiave per ripulire il nostro pianeta.

Specie di funghi mangiatori di plastica

I funghi, che tecnicamente si riferiscono al corpo fruttifero (o alla struttura riproduttiva) di alcuni funghi sotterranei o del sottobosco, sono noti per il loro processo naturale di abbattimento delle piante morte. Dal materiale da costruzione al biocarburante, il potenziale nascosto dei funghi tiene i ricercatori all'erta da anni. E con da 2 a 4 milioni di specie di funghi là fuori, le possibilità sono apparentemente infinite.

Gli scienziati hanno scoperto alcuni funghi che mangiano la plastica nel corso degli anni e, sebbene alcuni siano incredibilmente rari, altri possono essere trovati nel mercato locale.

Pestalotiopsis microspora

Gli studenti in un viaggio di ricerca di classe da Yale hanno scoperto un fungo raro nella foresta pluviale amazzonica in Ecuador nel 2011. Il fungo, Pestalotiopsis microspora, può crescere sul poliuretano, un polimero comune nei prodotti di plastica, e usarlo come unica fonte di carbonio. Secondo il team di ricerca di Yale, il fungo marrone chiaro dall'aspetto semplice può vivere in ambienti con o senza ossigeno, scomponendo e digerendo il poliuretano prima di trasformarlo in materia organica.

Spore di Pestalotiopsis microspora.

Matthew Schink / Osservatore di funghi / Wikimedia Commons / CC BY-SA 3.0

In un esperimento che misurava la velocità con cui il fungo si decompone la materia, hanno notato uno spazio significativo nel materiale plastico dopo appena due settimane. La Pestalotiopsis microspora ha persino eliminato la plastica più velocemente dell'Aspergillus niger, il fungo noto per causare la muffa nera dannosa.

Pleurotus ostreatus e Schizophyllum commune

In una collaborazione tra la designer Katharina Unger di LIVIN Studio e la facoltà di microbiologia dell'Università di Utrecht nei Paesi Bassi, nel 2014 ha fatto notizia un progetto che utilizza il micelio (la parte vegetativa del fungo simile all'apparato radicale di una pianta) di due funghi comuni. Pleurotus ostreatus, noto anche come fungo di ostrica, e Schizophyllum commune, noto anche come fungo branchiale diviso, il team è stato in grado di trasformare la plastica in cibo di qualità umana.

I funghi sono stati coltivati ​​su baccelli circolari fatti di gelatina derivata da alghe riempite con plastica trattata con UV. Man mano che il fungo digerisce la plastica, cresce intorno ai baccelli di base commestibili per creare uno spuntino ricco di micelio dopo pochi mesi. Sebbene il progetto, noto come Fungi Mutarium, fosse solo un prototipo concettuale per supportare la ricerca, presentava il potenziale dei funghi comunemente mangiati come soluzione all'inquinamento da plastica.

Aspergillus tubingensis

Nel 2017, un team di scienziati ha scoperto un altro fungo che mangia la plastica in una discarica generica di rifiuti urbani in Pakistan. Il fungo, chiamato Aspergillus tubingensis, potrebbe abbattere il poliuretano poliestere in pezzi più piccoli dopo due mesi.

Cos'è Mycoremediation

La mycoremediation è il processo naturale che i funghi utilizzano per degradare o isolare i contaminanti nell'ambiente. È una forma di biorisanamento, che può essere naturale o introdotto deliberatamente, per abbattere diversi tipi di inquinanti ambientali. Mycoremediation utilizza funghi al posto dei batteri (sebbene a volte sia usato in combinazione), grazie agli enzimi che i funghi producono naturalmente.

Questa caratteristica unica del fungo ha dimostrato di essere uno strumento efficiente nella bonifica dei rifiuti. Ad esempio, uno studio del 2020 pubblicato su Biotechnology Reports ha rilevato che il mycoremediation applicato ai rifiuti agricoli come pesticidi, erbicidi e cianotossine è più conveniente, ecologico ed efficace.

Ciò è particolarmente rilevante nel caso della Pestalotiopsis microspora, che non solo vive di sola plastica, ma può farlo in ambienti bui senza ossigeno. Ciò significa che può prosperare nei centri di trattamento dei rifiuti, avere applicazioni nei sistemi di compostaggio domestico e persino sopravvivere sul fondo di discariche pesanti.

E puoi mangiarlo anche tu!

Sebbene lo studio di Yale su P. microspora non abbia esaminato le qualità commestibili dei funghi che degradano la plastica, il progetto dell'Università di Utrecht dimostra sicuramente che alcuni tipi di funghi rimangono commestibili anche dopo aver consumato la plastica. Katharina Unger, la designer dietro il progetto, ha detto a Dezeen che i funghi risultanti avevano un sapore "dolce con l'odore di anice o liquirizia", ​​mentre la consistenza e il sapore dipendevano dal ceppo specifico. Il team ha persino ideato una ricetta per aromatizzare il baccello base di gelatina di alghe e ha progettato una gamma di posate specializzate per mangiare i funghi.

Secondo uno studio dell'Università del Rajasthan in India, i funghi che mangiano plastica a volte possono assorbire troppo dell'inquinante nel loro micelio e quindi non possono essere consumati a causa di una grande quantità di tossine. Tuttavia, se verranno condotte ulteriori ricerche sugli aspetti di sicurezza, la mycoremediation attraverso la coltivazione di funghi potrebbe forse affrontare due dei maggiori problemi del mondo: lo spreco e la scarsità di cibo.

Pro e contro

L'idea di usare i funghi per abbattere la plastica non è priva di limiti. Rilasciare nuovi organismi in nuovi ambienti (ad esempio, nell'oceano, che ospita centinaia di migliaia di tonnellate di plastica) può essere un affare complicato. Un approccio, come riportato da Newsweek dopo la scoperta da parte del team di Yale di P. microspora in Amazzonia, sarebbe quello di raccogliere prima i detriti di plastica e lasciare che il fungo faccia la sua magia in un ambiente controllato.

Detto questo, la ricerca mostra chiaramente che questi tipi di funghi possono abbattere la plastica in settimane o mesi, producendo potenzialmente un alimento ricco di proteine ​​per animali, esseri umani o piante. Con ulteriori ricerche, i funghi potrebbero aiutare ad affrontare i nostri problemi di inquinamento da plastica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui