Il G7 è più unito ma non abbastanza efficace per affrontare i maggiori problemi del mondo

0
4

Quando il Regno Unito ospiterà il vertice del G7 in Cornovaglia tra il 10 e il 12 giugno, sarà il primo incontro intergovernativo delle sette democrazie più ricche del mondo da prima del COVID. Ospitando per la settima volta, il Regno Unito si trova in una posizione leggermente più forte rispetto al 2019, grazie al successo del lancio del vaccino.

Tra la pandemia e il peggioramento delle minacce del cambiamento climatico, della disuguaglianza e dei dittatori, il vertice del 2021 è un'opportunità diplomatica per il G7 di mostrare un fronte unito. I sette Paesi, che rappresentano quasi il 40% del PIL mondiale, sono sicuramente più uniti di due anni fa.

L'ultimo incontro del G7 a Biarritz, in Francia, nel 2019 è stato oscurato da questioni di unità su ambiente e politica, con difficili discussioni sulla Brexit e il ritiro degli Stati Uniti dall'accordo di Parigi sul clima all'ordine del giorno.

Il vertice è stato ampiamente diviso, con il presidente francese Emmanuel Macron che ha abbandonato il comunicato congiunto per la prima volta nei 44 anni di storia del gruppo a causa della "profonda crisi della democrazia". L'allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha gettato nel caos le procedure gestite dal palcoscenico, lanciando insulti al primo ministro canadese Justin Trudeau sul commercio.

L'ultimo vertice del G7 nel 2019 è stato caratterizzato da tensioni su Brexit, democrazia e politica ambientale.
Ian Langsdon/EPA-EFE

Il contesto era che Trump aveva bruscamente lasciato l'Accordo di Parigi sul clima nel 2017, nonostante gli appelli per convincerlo del contrario. La spinta di Trump a ripristinare la Russia – membro dell'allora G8 fino all'annessione della Crimea nel 2014 – era stata un altro punto di contesa, così come l'attenzione per gli incendi in Amazzonia.

Due anni dopo, la leadership degli Stati Uniti sotto il presidente Joe Biden è nuovamente impegnata nel multilateralismo e più disposta a collaborare con i partner del G7 su questioni di commercio, cambiamento climatico, ruolo di Russia e Cina nella cooperazione intergovernativa e rinascita autoritaria. Quindi è probabile che abbiano un vertice migliore?

La dimensione COVID

I paesi del G7 dovranno unirsi per affrontare il nazionalismo dei vaccini se c'è qualche possibilità di controllare la pandemia. Sebbene siano stati fatti enormi passi avanti nella vaccinazione dei cittadini dei paesi ricchi, i vaccini non sono stati distribuiti uniformemente. Secondo la People's Vaccine Alliance, un cittadino di un paese del G7 ha 77 volte più probabilità di ricevere un vaccino rispetto a qualcuno che vive nei paesi più poveri del mondo. Se il ritmo lento della vaccinazione continua, potrebbero passare diversi decenni prima che tutti nel mondo vengano vaccinati.

L'attenzione è attualmente sull'India, che affronta uno dei peggiori focolai di COVID-19 a livello globale, con casi in aumento principalmente dovuti alla scoperta di una variante più infettiva. L'India è un ospite invitato al vertice del G7, come lo era nel 2019 e lo sarebbe stato nel 2020, unendosi ad Australia, Sud Africa e Corea del Sud.

Assenza evidente è il Brasile, che sta anche affrontando un terribile focolaio di COVID-19 (e ha registrato il 12,3% dei decessi totali del mondo, con il 2,7% della popolazione globale). La leadership brasiliana sotto Jair Bolsonaro è stata presa di mira per aver minimizzato la gravità della crisi e aggravato la situazione. Sebbene includere Bolsonaro potrebbe non essere stato produttivo a causa della sua agenda ipernazionalista, l'esclusione di paesi chiave dal sud globale mina la rappresentanza nel corpo.

Nuove sfide

Come sempre, le questioni economiche sono in prima linea nell'agenda. Ma poiché il G7 coinvolge alcune delle più grandi economie del mondo, c'è un maggiore riconoscimento che le evidenti differenze nella sicurezza economica si sono riversate sulla sicurezza sanitaria e che l'insicurezza sanitaria ha un enorme impatto sulla stabilità economica globale.

Nel tentativo di affrontare la crescente disuguaglianza, il G7 ha raggiunto un accordo su un'imposta sulle società minima globale del 15%. Questo passo storico è già stato criticato come troppo basso per fare la differenza, senza alcun modo per fermare il funzionamento dei paradisi fiscali.

Oltre alla tiepida risposta all'impegno sull'aliquota minima dell'imposta sulle società, questo vertice sta anche affrontando un contraccolpo per l'inadeguata attenzione alla sicurezza ambientale e ai finanziamenti per il clima per aiutare i paesi in via di sviluppo a impegnarsi per l'energia verde.

Questo nonostante il fatto che i ministri del G7 abbiano già concordato di intraprendere nuove misure contro i combustibili fossili a maggio: in un pre-incontro, il G7 ha annunciato che avrebbe interrotto il finanziamento internazionale dei progetti sul carbone, imponendo alle aziende di rivelare i loro impatti climatici e investire di più in energia pulita. Ma gli attivisti per il cambiamento climatico hanno sottolineato l'ipocrisia dei paesi del G7 che spendono oltre 30 miliardi di dollari (21 miliardi di sterline) in più per sostenere petrolio, carbone e gas tra gennaio 2020 e marzo 2021 rispetto agli investimenti in forme di energia pulita.

Sorprendentemente, i problemi che devono affrontare i leader del G7 sono ancora più complessi e urgenti di quelli che il mondo ha affrontato nel 2019. Affrontare questi problemi richiede una diplomazia, un coordinamento e un seguito più inclusivi, tutte cose che il forum del G7 ha faticato a raggiungere. Nonostante le richieste di unità, il G7 è ancora afflitto da divisioni ideologiche che precludono la forza collettiva, mentre manca anche di una leadership dominante che possa effettivamente trasformare i suoi comunicati in azioni significative.