il meglio e il peggio

0
53

I cambiamenti sociali ed economici in Africa sono guidati dalla crescente prosperità e da ingenti investimenti stranieri. Il denaro è stato investito in attività come la costruzione di strade, l'espansione della silvicoltura, l'intensificazione del bestiame e l'aumento dell'urbanizzazione. Tutti hanno aumentato la pressione sull'ambiente del continente.

Ma la ricerca precedente su questi cambiamenti si è concentrata principalmente sul modo in cui sono interessate specie o comunità specifiche all'interno delle aree protette. Sfortunatamente, le condizioni socio-economiche alla base del degrado ambientale in tutto il continente sono state ampiamente ignorate.

Non sapere quali condizioni portano a risultati ambientali peggiori o migliori limita la capacità dei leader africani di prendere decisioni sane per un futuro sostenibile.

Quindi, abbiamo deciso di esaminare i fattori sociali ed economici che sono alla base del degrado ambientale in Africa. Il nostro obiettivo era quello di elaborare una classifica degli indicatori ambientali per ogni paese del continente. Lo avevamo fatto prima di confrontare centinaia di paesi in tutto il mondo. Tuttavia, la nostra opinione era che l'Africa meritasse un sistema di classificazione personalizzato.

Abbiamo quindi adeguato il nostro sistema di classificazione per includere informazioni specifiche per l'Africa. Abbiamo combinato una serie di dati separati in un unico valore medio per classificare i paesi in base a tutte queste misure di salute ambientale.

Il nostro lavoro rappresenta la prima valutazione di quali fattori sociali ed economici siano collegati al degrado ambientale in tutto il continente. Secondo il nostro indicatore, i paesi con la migliore performance ambientale complessiva sono stati Repubblica Centrafricana, Botswana, Namibia e Repubblica Democratica del Congo. Quelli con gli ambienti peggiori erano Marocco, Algeria, Sud Africa e Ghana.

Questa classifica è importante perché aiuta i paesi a comprendere l'impatto ambientale che stanno avendo e ad adoperarsi per migliorare le proprie prestazioni.

Quello che abbiamo misurato

Più comunemente, gli studi esaminano aspetti particolari dell'ambiente in isolamento dell'ampiezza completa di questo concetto complesso. Ad esempio, guardano alla proporzione di specie minacciate nelle aree protette o ai modelli di deforestazione. Altri si sono concentrati su singole specie.

Per fornire una misura più ampia delle prestazioni ambientali, abbiamo combinato molte misure diverse. Alcuni sono specifici per i paesi in Africa:

  • un "indice di conservazione della megafauna" che valuta la capacità di un paese di conservare le sue specie più grandi,

  • una "impronta ecologica" nazionale. Questo misura le "risorse" ecologiche di cui la popolazione di un paese ha bisogno per produrre le risorse naturali che consuma e per assorbire i rifiuti,

  • la proporzione delle specie di un paese che sono minacciate di estinzione,

  • la quantità di foreste perse negli ultimi decenni,

  • quanta acqua dolce viene tolta dai suoi corsi d'acqua,

  • quanto bestiame e raccolti coprono la sua superficie terrestre, e

  • quanto gas serra emette.

Cosa importa

Il correlato più importante era la densità della popolazione umana. Maggiore è il numero medio di persone per chilometro quadrato in un paese, peggiori sono le sue prestazioni ambientali.

Studi precedenti che mettono in relazione i modelli della popolazione umana con le prestazioni ambientali sono stati equivoci per molte ragioni diverse. Ciò include ritardi nella risposta delle specie all'aumento della densità umana e il fatto che popolazioni umane elevate e diversità di specie tendono a verificarsi negli stessi luoghi. Un altro fattore è stato che gli scienziati usano una varietà di modi per misurare le prestazioni dell'ambiente.

Un effetto più debole era quanto fosse ricco un paese. Abbiamo scoperto che, in media, i paesi africani più ricchi tendevano a fare più danni ambientali. Questo risultato concorda con uno studio precedente condotto su centinaia di paesi.

Forse contrariamente a quanto la maggior parte delle persone potrebbe aspettarsi, abbiamo anche riscontrato un piccolo effetto di disuguaglianza di ricchezza. In effetti, una maggiore disparità di ricchezza ha portato a migliori prestazioni ambientali complessive. Ciò può forse essere spiegato dal fatto che nei paesi in cui esiste una distribuzione più asimmetrica della ricchezza, c'è meno capitale disponibile per lo sviluppo. A sua volta, ciò significa che ci sono meno opportunità economiche per sfruttare l'ambiente in modi che creano danni duraturi. Gli esempi includono l'abbattimento delle foreste, l'uso di tecniche minerarie inquinanti o il pascolo eccessivo della terra.

Infine, abbiamo scoperto che la governance non era un fattore importante. I paesi con una governance più povera non hanno necessariamente avuto un risultato ambientale peggiore. Ciò è coerente con gli studi precedenti.

Dove andiamo da qui?

I sistemi ecologici africani stanno affrontando pressioni crescenti. Il continuo degrado ambientale influenzerà il benessere umano dato che la qualità della vita umana è fondamentalmente legata a un ambiente sano.

Gli accordi ambientali multilaterali potrebbero aiutare a proteggere l'ambiente. E ci sono leve politiche che i paesi possono utilizzare per migliorare lo stato futuro dei loro ambienti. Inoltre, limitare la crescita della popolazione potrebbe dare un contributo positivo alla salute dell'ambiente africano in generale.