Il miglior uso dei droni in assoluto? Piantare una foresta

21

Non sono un fan dei droni – almeno non quando interrompono una scena altrimenti tranquilla quando sono fuori a fare escursioni – ma questa notizia potrebbe farmi cambiare idea. Quei piccoli bastardi orribili stanno finalmente facendo qualcosa di innegabilmente utile: ripiantare le foreste.

Ecco due ottimi esempi.

Vicino a Bangalore, in India, un'area di 10.000 acri nella catena montuosa di Doddaballapur a nord della città, è in fase di prova per vedere come la semina di droni possa funzionare nelle aree deforestate. I pendii ripidi significano che piantare a mano è quasi impossibile. Puoi vedere l'area nel video qui sotto:

"Quello che abbiamo in mente è di seminare almeno 10.000 acri, e lo faremo ogni anno, per tre anni consecutivi", ha affermato il professor S.N. Omkar, uno scienziato capo ricercatore presso l'Indian Institute of Science, Bangalore ha detto a Factor Daily. Gli scienziati terranno traccia di dove spuntano gli alberi e li confronteranno con dove sono stati lasciati i semi per determinare quali fattori e quali tipi di alberi reagiscono meglio alla piantagione del drone. Ogni seme è confezionato in una palla di letame per dargli il miglior inizio possibile.

"Il vantaggio con i droni è che abbiamo l'immagine prima di far cadere i semi e possiamo geotaggare il percorso. Successivamente, una volta ogni tre mesi, possiamo sorvolare quell'area e vedere l'impatto della caduta dei semi", ha detto Omkar.

Piantare aree precedentemente disboscate non riguarda solo gli alberi, ovviamente. "Oltre a dare una copertura verde, voglio riportare gli uccelli, le farfalle e le scimmie. Sono cresciuto con loro. Quando ero bambino, questa era un'area verde lussureggiante", ha detto Omkar del programma Bangalore .

Se questo piano di semina dei droni funziona, i ricordi verdeggianti e pieni di fauna della giovinezza di Omkar potrebbero essere resi realtà ancora una volta.

Combattere la deforestazione su più fronti

E questo uso intelligente della tecnologia dei droni si sta diffondendo. BioCarbon Engineering è un'azienda con sede nel Regno Unito focalizzata sulla lotta alla deforestazione su una scala grande quanto il problema. Per metterlo in prospettiva, la deforestazione distrugge oltre 25 miliardi di alberi all'anno. L'amministratore delegato Lauren Fletcher, un ex ingegnere della NASA, ha deciso di piantare 1 miliardo di alberi all'anno nei luoghi in cui la deforestazione ha avuto il maggiore impatto sulla popolazione locale e sul pianeta: le foreste pluviali e le giungle del Sud Africa e dell'Amazzonia in Brasile . È lui che spiega la sua passione per il progetto nel video qui sopra.

L'obiettivo è il "ripristino dell'ecosistema", afferma Fletcher, che vede il lavoro svolto dalla sua azienda come un modo per contrastare l'attività incredibilmente efficiente dell'abbattimento degli alberi, che ha accelerato la deforestazione negli ultimi decenni.

Gli schemi esistenti di piantagione di alberi non si stanno muovendo abbastanza velocemente: "Ci sono alcune volte in cui piantare a mano è assolutamente l'approccio giusto", ha detto Fletcher a Fast Company. "Ma, in altri casi, i droni possono essere uno strumento molto efficace per la posizione giusta al momento giusto".

Il metodo dell'azienda si compone di cinque parti: Mappatura (per raccogliere informazioni sull'area da seminare); Seedpods, che sono biodegradabili e progettati per aiutare il seme a germogliare; piantare un mix di semi in aree predeterminate dalla mappatura; monitoraggio per garantire che gli alberi crescano secondo i piani; e la raccolta dei dati, che consentirà al programma di diventare più intelligente ed efficiente nel tempo.

Finora, il programma BioCarbon Engineering è stato un enorme successo, secondo Good.

Un progetto avviato in Myanmar a settembre 2018 sta dando i suoi frutti. In un'area delle dimensioni del Rhode Island dove gli alberi non crescevano prima, ora ci sono migliaia di alberelli di mangrovie da 20 pollici.

"Ora abbiamo un caso confermato su quali specie possiamo piantare e in quali condizioni", afferma Irina Fedorenko, cofondatrice di Biocarbon Engineering. "Siamo ora pronti per aumentare la nostra piantagione e replicare questo successo".

Le aree boschive sono incredibilmente importanti, sia per l'umanità che per la salute planetaria a lungo termine: gli alberi contrastano attivamente l'aumento delle temperature e proteggono anche il suolo, i paesaggi ei fiumi dagli effetti dei cambiamenti climatici. "Ricostruendo foreste, non solo aumenti la qualità dell'acqua e dell'aria locali, ma puoi portare posti di lavoro e prodotti in una regione", afferma Fletcher.