Il nostro amore per l'olio di cocco potrebbe aver costretto alcune specie all'estinzione

358

Nato nei Paesi Bassi e cresciuto in Germania, è stato solo a 21 anni che ho incontrato la mia prima noce di cocco. Era su una spiaggia in Thailandia dove sono finito durante un soggiorno di un anno lontano da casa, cercando di crescere. Non avendo niente di meglio da fare, raccolsi un frutto buccia che giaceva nella sabbia e passai le ore successive cercando di aprirlo a mani nude. Dopo alcuni graffi e unghie rotte, sono riuscito ad arrivare al nocciolo del dado.

Dentro era asciutto, senza acqua. Probabilmente era da molto tempo che fumava al sole. Quella noce di cocco è stata una delle mie prime delusioni, ma mi ha insegnato a guardare oltre un guscio allettante.

Anni dopo, lavorando come scienziato della conservazione che studiava gli oranghi in Indonesia, una cosa iniziò a darmi fastidio. Avevo lavorato molto su un'altra coltura tropicale, la famigerata palma da olio, le cui piantagioni sono il flagello della fauna tropicale. Se i social media sono qualcosa su cui basarsi, le persone odiano la palma da olio, ma amano i prodotti della palma da cocco.

Una piccola piantagione di cocco a Gorontalo, Indonesia.
Matthew Struebig, autore fornito

Gli scaffali dei supermercati sono pieni di acqua di cocco, vaschette di olio di cocco e panna, cocco e barrette di cioccolato. Come l'olio di palma, il cocco sembra essere usato in quasi tutto, dal balsamo per capelli al repellente per zanzare. Allora perché una palma è amata e l'altra odiata?

Colture oleaginose e biodiversità

La palma da olio è leggermente più pesante, ma per il resto indistinguibile dalla sua cugina di cocco. La palma da olio è spesso associata agli oranghi e ad altre specie tropicali, perché il ruolo delle piantagioni nel distruggere l'habitat della foresta è ben noto. Intervistando persone sulla coltivazione della palma da olio nel 2018, ho scoperto che ben più della metà ha risposto che doveva essere negativa, o addirittura estremamente negativa, per l'ambiente.

Il cocco, d'altra parte, sembra godere di una reputazione più solare, con il 53% dei consumatori in un sondaggio globale che cita i benefici per la salute dell'olio di cocco, ma pochi ne identificano l'impatto ambientale. Dopotutto, cresce lungo le spiagge tropicali che le persone pagano un sacco di soldi per visitare, quindi come potrebbe essere brutto?

Le ultime stime indicano che ci sono 20 milioni di ettari di palma da olio piantata nel mondo e 12,5 milioni di ettari di cocco. Ma dagli anni '40, le palme da cocco sono state coltivate principalmente su isole tropicali, molte delle quali possedevano un numero notevole di specie che non si trovano in nessun'altra parte della Terra. Quindi, nonostante la sua buona reputazione, il cocco ha avuto un impatto negativo sorprendentemente ampio sulla biodiversità tropicale.

Come la produzione di cocco si confronta con altre colture oleaginose.
Meijaard et al. (2020) / Current Biology, fornito dall'autore

Secondo l'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN), il cocco minaccia circa 18,3 specie per milione di tonnellate di olio prodotto, seguito dall'oliva con 4,1 specie, dalla palma da olio con 3,8 e dalla soia, 1,3.

La Marianne dagli occhi bianchi.
Henrik Grönvold / Wikipedia

La coltivazione del cocco, infatti, ha contribuito direttamente all'estinzione di alcune specie. La palma da olio finora no, per quanto ne sappiamo. Queste specie includono un uccello chiamato Marianne occhio bianco (Zosterops semiflavus) dell'isola di Marianne alle Seychelles e la volpe volante di Ontong Java delle Isole Salomone (Pteropus howensis). Nessuno dei due è stato visto dal 1945, ma una volta sono stati trovati su isole che sono state per lo più convertite in piantagioni di cocco.

Altre specie minacciate dalla produzione di cocco includono il topo-cervo Balabac (Tragulus nigricans), endemico di tre isole filippine; il Sangihe tarsier (Tarsius sangirensis), primate endemico dell'isola indonesiana di Sangihe; e il pigliamosche del paradiso celeste (Eutrichomyias rowleyi), anch'esso endemico del Sangihe.

Il Sangihe Tarsier, una delle specie il cui habitat forestale è minacciato dall'espansione della coltivazione del cocco.
Stenly Pontolawokang, autore fornito

Nutrizione sostenibile

Mentre sto scrivendo questo alla mia scrivania in Brunei, sto guardando i raccoglitori di cocco locali che raccolgono il raccolto maturo di oggi dalle palme di fronte al nostro appartamento. Uno si solleva abilmente sul tronco e, entro 20 secondi, è nella chioma del palmo. La raccolta e il consumo di noci di cocco ha una lunga tradizione nel Pacifico asiatico e dovrebbe essere apprezzata.

Piuttosto che aggiungere la noce di cocco alla crescente lista di prodotti che devono essere evitati dai consumatori coscienziosi, dovremmo capire che tutte le colture e le materie prime hanno conseguenze ambientali. Secondo quanto riferito, la raccolta delle olive spagnola ha ucciso 2,6 milioni di uccelli nel 2019, poiché i lavoratori agricoli hanno aspirato sia le olive che gli uccelli appollaiati di notte. Ma la produzione di olio d'oliva raramente solleva preoccupazioni tra i consumatori e gli ambientalisti.

À lire aussi:
Cibo che nutre il mondo e lo guarisce: immagina la newsletter n. 6

Come la produzione di qualsiasi merce, la noce di cocco può essere coltivata in modo da ridurre al minimo gli impatti ambientali e massimizzare i benefici sociali per la popolazione locale, nonché la salute di coloro che la consumano.

Se le persone vogliono boicottare l'olio di palma per il suo contributo alla deforestazione, forse dovrebbero evitare anche il caffè, il cioccolato e, appunto, il cocco. Tutti i prodotti alimentari devono essere coltivati ​​in modo sostenibile e, affinché ciò accada, dobbiamo capire che i sistemi alimentari hanno bisogno di cambiamenti sistemici, non di fissarsi su poche mele marce.

Questo articolo è stato modificato il 25 agosto 2020 per includere dati rivisti da Current Biology e per chiarire il ruolo della produzione di cocco nell'estinzione delle specie.