Il nuovo rapporto conferma: il riciclaggio è BS

0
6

Abbiamo una tradizione su Treehugger: ogni 15 novembre dal 2008, in occasione dell'America Recycles Day, pubblichiamo un post chiamando il riciclaggio per quello che è: "una frode, una farsa, una truffa perpetrata dalle grandi imprese ai cittadini e alle municipalità d'America. "

Il riciclaggio ti fa sentire a tuo agio nell'acquistare imballaggi usa e getta e ordinarli in piccoli mucchietti ordinati in modo che tu possa poi pagare la tua città per portare via e spedire attraverso il paese o più lontano in modo che qualcuno possa fonderlo e trasformarlo in una panchina se tu sono fortunati.

Margaret Badore di Treehugger ci ha anche girato un film:

Ora, un'esposizione sulla NPR scritta da Laura Sullivan – "How Big Oil Misled The Public Into Believing Plastic Was Be Recycled" – va ancora oltre, mostrando come non entri nemmeno nelle panchine. Abbiamo spiegato come il riciclaggio è stato inventato dalle aziende di imbottigliamento e confezionamento per far fronte a una crisi delle discariche, citando Heather Rogers:

Con la riduzione dello spazio delle discariche, l'esclusione dei nuovi inceneritori, la messa al bando dello scarico dell'acqua molto tempo fa e la crescente consapevolezza ambientale del pubblico di ora in ora, le soluzioni al problema dello smaltimento dei rifiuti si stavano restringendo. Guardando al futuro, i produttori devono aver percepito la loro gamma di opzioni come davvero orribile: divieti su alcuni materiali e processi industriali; controlli di produzione; standard minimi per la durabilità del prodotto.

Per non parlare dei depositi e dei sistemi di bottiglie a rendere che rovinerebbero completamente il processo lineare che era così redditizio. Dove Sullivan e NPR si aggiungono alla storia è la spiegazione di come l'industria della plastica abbia confuso ancora di più il quadro.

Voglio essere una panchina perché non posso essere una bottiglia.
Mantieni bella l'America

È chiaro in tutto l'articolo che il riciclaggio della plastica non ha mai avuto molto senso dal punto di vista economico, perché la plastica si deteriora ad ogni ciclo. Ecco perché l'industria ha parlato di come la bottiglia voglia essere una panchina. È anche costoso raccogliere tutta questa roba e separarla. Le materie plastiche non possono essere semplicemente fuse insieme; hanno chimiche e usi diversi. Solo pochi hanno effettivamente avuto valore quando riciclati: il PET che si trova nelle bottiglie di soda e acqua trasparenti e il polietilene nelle pesanti lattine. Ma l'industria della plastica ha iniziato a mettere quei simboli di riciclaggio su tutto, e questo ha creato un serio problema per un riciclatore che Sullivan intervista.

[Coy] Smith andò verso i mucchi di plastica e iniziò a capovolgere i contenitori. Tutti erano ora contrassegnati con il triangolo di frecce – noto come simbolo internazionale del riciclaggio – con un numero nel mezzo. Capì subito cosa stava succedendo. "All'improvviso, il consumatore guarda cosa c'è sulla sua bottiglia di soda e sta guardando cosa c'è sulla sua vaschetta di yogurt, e dice: 'Oh beh, entrambi hanno un simbolo. Oh beh, immagino che entrambi vadano dentro'", dice.

Si scopre che l'industria ha fatto pressioni sugli stati affinché ordinassero che il simbolo andasse su ogni plastica, anche se non era fattibile da riciclare, ed evidentemente anche gli ambientalisti hanno approvato. Il simbolo è diventato uno strumento di marketing ecologico, aiutando a convincere il pubblico che andava bene usare tutta questa plastica perché veniva riciclata. Nel frattempo, ha reso il flusso di plastica ancora più costoso da separare e lavorare. Non c'è da stupirsi che così tanto di esso sia stato spedito in Cina, dove la manodopera era abbastanza economica da permettere alle persone di esaminarla e raccogliere le cose di valore, e gli standard ambientali erano abbastanza poveri da poter scaricare o bruciare tutto il resto. Quando la Cina ha chiuso i battenti, l'intera facciata è crollata.

Qual è la cosa più ecologica che puoi fare?.
L'emissione standard/USGBC

L'industria ha fatto un lavoro così buono che in un sondaggio dopo l'altro, le persone descrivono con orgoglio il riciclaggio come la cosa ambientale più virtuosa che fanno nella loro vita, anche se tutto ciò che stiamo facendo è far sparire la vecchia plastica dalla vista in modo che l'industria può venderci roba nuova. Fondamentalmente, l'industria della plastica non ha alcun interesse nell'utilizzare la plastica vecchia quando può ottenere plastica vergine di qualità superiore a un costo inferiore.

"Questa volta sarà diverso".

L'industria sta promettendo un cambiamento, con il portavoce dell'industria Steve Russell che ha detto a Sullivan di NPR che è sul caso:

"'Non è stato riciclato perché il sistema non era all'altezza', dice. 'Non avevamo investito nella capacità di ordinarlo e non c'erano stati segnali di mercato che le aziende fossero disposte ad acquistarlo, ed entrambe queste cose esistono oggi.'"

In realtà, non ci sono affatto segnali di mercato, a parte la stessa vecchia preoccupazione che l'industria dovrebbe fare qualcosa per farlo sembrare buono.

"'..i nostri membri hanno investito nello sviluppo delle tecnologie che ci hanno portato dove siamo oggi,' dice. 'Saremo in grado di produrre tutta la nostra nuova plastica dai rifiuti solidi urbani esistenti in plastica.'"

Il riciclo chimico è solo fare carburante.
GAIA

Quella nuova tecnologia sarebbe ciò che chiamano riciclaggio chimico, in cui le materie plastiche vengono cotte e lavorate per trasformarle di nuovo in materie prime, essenzialmente trasformandole di nuovo in combustibili fossili e prodotti petrolchimici. E come ho notato in precedenza:

“Il riciclo chimico, almeno come sta accadendo ora, è solo una versione elaborata e costosa del termovalorizzatore. Non ha senso, se non far sparire i rifiuti. Data la quantità di CO2 che genera, da un punto di vista climatico di vista, faremmo meglio a seppellirlo e non torneremo lì. L'unico vero modo per affrontare questo è smettere di fare così tante cose in primo luogo, riutilizzare e riempire di nuovo, e andare veramente circolare."

Avremo una maggiore copertura sul riciclaggio dei prodotti chimici a breve.

Immagine promo Cominciamo a indottrinarli da piccoli.
Cominciamo a indottrinarli quando sono giovani.

Matt Wilkins ha fatto un caso simile su Scientific American qualche anno fa; Katherine Martinko ne ha scritto in "Perché il riciclaggio non salverà il pianeta".

Ed ecco altri retroscena da Treehugger:

Il riciclaggio soffre di errori di sistema; È tempo di riprogettare il sistema: "Stiamo sacrificando i nostri oceani e riempiendo le nostre discariche in nome della convenienza. È ora di pagare il conto".

Il riciclaggio è rotto, quindi dobbiamo aggiustare la nostra cultura usa e getta: "Leyla Acaroglu chiama il riciclaggio un 'placebo' e chiede una rivoluzione riutilizzabile per tirarci fuori da questo pasticcio".

Il riciclaggio è un aggiornamento BS: anche il riciclaggio dell'alluminio è un disastro: "Il nostro sistema di riciclaggio è guasto e non possiamo aggiustarlo senza cambiare il nostro modo di vivere".

Il riciclaggio è rotto e ora ci sta costando tutta una moneta seria: "Le città stanno perdendo soldi su ogni cestino del riciclaggio che raccolgono".

Le nostre vite sono state cooptate dal Convenience Industrial Complex: "Nessuno ha mai perso denaro rendendo le cose più facili o più convenienti, e il nostro pianeta ne sta pagando il prezzo".

Leggi l'intero articolo NPR qui.