Il patto del Ghana con la Cina per esplorare la bauxite minaccia una foresta unica

59

La foresta di Atewa del Ghana è uno dei paesaggi più belli e panoramici del paese. È considerata la migliore delle sole due foreste Evergreen di Upland rimaste intatte nel paese, formando parte delle sei zone di vegetazione dominante del Ghana basate su diverse zone climatiche.

La foresta di Atewa fa parte delle foreste guineane dell'Africa occidentale che si estendono dalla Guinea meridionale alla Sierra Leone orientale e attraverso la Liberia, la Costa d'Avorio e il Ghana fino al Togo occidentale. La deforestazione ha ridotto enormemente le dimensioni delle foreste e la foresta dell'Alta Guinea è ora limitata a un numero di riserve più o meno sconnesse e ad alcuni parchi nazionali che fungono da rifugi artificiali per la biodiversità della regione.

Il paesaggio forestale di Atewa è remoto e incontaminato e fornisce l'habitat per un'importante raccolta della biodiversità del Ghana. È stata nominata una delle 30 aree di biodiversità significative a livello mondiale del Ghana.

Ma la foresta è minacciata. L'anno scorso il Ghana ha firmato un memorandum con la Cina per esplorare i giacimenti di bauxite del Ghana, il minerale principale dell'alluminio. I depositi si trovano in due località: Awaso con depositi molto alti nella zona umida della foresta semidecidua della regione occidentale del Ghana, e Atewa, con depositi minimi e situata nelle foreste sempreverdi della regione orientale del Ghana.

Secondo il memorandum il Ghana cederà il 5% delle sue risorse di bauxite ai cinesi. A sua volta, Pechino finanzierà 2 miliardi di dollari di progetti infrastrutturali che includono binari, strade e reti di ponti. Il parlamento ghanese ha approvato il Ghana Bauxite Integrated Aluminum Industry Act che fornirebbe un quadro giuridico per sfruttare i depositi di bauxite del paese.

Eppure il governo dice che deve ancora convalidare il vero valore del deposito di bauxite nella foresta.

Come botanico considero il paesaggio di Atewa come una miniera d'oro scientifica. Una recente valutazione dell'impatto del Servizio forestale statunitense corrobora le preoccupazioni di diversi gruppi di conservazione circa i potenziali danni che l'estrazione mineraria potrebbe causare.

Credo fermamente che Atewa non sia per il mining e che debba essere preservato. In primo luogo, deve essere preservato come un laboratorio vivente di storia naturale. In secondo luogo, dovrebbe essere protetto perché fornisce una risorsa vitale: l'acqua. In terzo luogo, è un dono prezioso il cui valore non è quantificabile, ma che deve essere vissuto, sentito e apprezzato. Infine è un patrimonio naturalmente lasciato in eredità che deve essere protetto affinché le generazioni future possano godere.

La foresta

Una caratteristica interessante della foresta di Atewa è che le chiome dei suoi alberi non sono facilmente visibili poiché si fondono con le nuvole circostanti creando una bellissima linea di copertura nuvolosa. Questo è molto raro nel paesaggio del Ghana. Questa caratteristica è descritta nel linguaggio locale come il fenomeno in cui gli alberi sono in comunicazione diretta con il firmamento del cielo e portano buone novelle al suolo sottostante.

Scientificamente, il fenomeno è responsabile della condensazione quotidiana del vapore acqueo che cade come precipitazione. Di conseguenza la cima della montagna viene mantenuta costantemente umida. Questo a sua volta spiega le interessanti reti idrologiche sotto la superficie del suolo. L'acqua scorre verso il basso per creare corsi d'acqua sotterranei, cascate e molti corsi d'acqua e affluenti che si fondono o si combinano per formare i famosi tre fiumi del Ghana. Questi sono gli Ayensu, Birim e Densu.

I tre alla fine prosciugano i loro bacini mentre serpeggiano attraverso le foreste e i campi coltivati ​​fornendo risorse idriche essenziali a oltre 5 milioni di abitanti. Depongono anche argilla sospesa e materiali di limo come fertili alluvionali per la produzione agricola durante i periodi di pioggia quando rompono gli argini e traboccano.

Il paesaggio di Atewa offre una ricca copertura forestale per la regolazione del clima, un pezzo da esposizione per illustrare l'adattamento al clima per evitare la siccità, ridurre la povertà e migliorare i mezzi di sussistenza sostenibili e migliorare il benessere umano nel suo bacino di utenza.

Il paesaggio è stato oggetto di ricerche da parte di geologi, idrologi e geomorfologi. Un geologo studia la materia solida, liquida e gassosa che costituisce la Terra, mentre un geomorfologo studia la superficie terrestre. Un idrologo è uno scienziato che ricerca la distribuzione, la circolazione e le proprietà fisiche delle acque sotterranee e superficiali della terra.

Gli studi sulla fauna e la flora della zona hanno portato alla luce nuove scoperte scientifiche di specie come il mangabey Cercocebus lunulatus dalla nuca bianca in pericolo di estinzione. Ciò dimostra che la conoscenza della diversità faunistica e floristica e in larga misura della diversità microbica è ancora in fase esplorativa.

Direi con forza che il paesaggio di Atewa è un'importante destinazione per la scoperta di specie, in attesa di ricerche e studi approfonditi. Pertanto, non dovrebbe essere interrotto o distrutto dall'attività mineraria.