Il prosciugamento dei grandi fiumi europei potrebbe essere la nuova normalità?

53

Lungo il leggendario fiume Danubio, che serpeggia per 1.800 miglia dalla Foresta Nera in Germania al Mar Nero in Romania, decine di città, come il piccolo porto rumeno di Zimnicea al confine con la Bulgaria, dipendono dal corso d’acqua per il loro sostentamento . Ma l’epica siccità di quest’estate e le alte temperature storiche, ora in un quinto mese estenuante, hanno impoverito il Danubio un tempo potente, sconvolgendo tutto ciò che i residenti di Zimnicea – lavoratori portuali, agricoltori, industria marittima, pescatori, proprietari di ristoranti e famiglie – avevano per generazioni su cui contavano per sostenersi. Mai a memoria d’uomo il fiume è stato così basso, con vaste aree del fondo del fiume incrinato dal fango esposte lungo le coste di Zimnicea, i molluschi morti sono la prova del devastante tributo sulla vita fluviale.

Con il Danubio che scorre a meno della metà del suo volume estivo abituale, dozzine di chiatte da carico giacciono immobili nel porto di Zimnicea, in attesa di una svolta per utilizzare l’unico canale abbastanza profondo per il passaggio. La gente del posto sta raccogliendo la scarsa acqua piovana da utilizzare per scopi domestici al fine di risparmiare acqua potabile dal Danubio per bere. I bambini giocano lungo le nuove spiagge del litorale.

Come altrove lungo il Danubio – e, in effetti, in gran parte dell’Europa quest’estate – squadre di dragaggio di emergenza sono state chiamate ad approfondire il corso del fiume per rompere l’ingorgo del carico. Tuttavia, i trasporti di grano provenienti dall’Ucraina – con molti dei suoi porti del Mar Nero controllati dalla Russia, il Danubio è una rotta alternativa per il paese devastato dalla guerra per esportare generi alimentari – sono stati costretti a ridurre il peso del carico per passare, quando possono passare affatto.

“Nelle città su e giù per il Danubio, la siccità e il cambiamento climatico assumono un significato esistenziale”, afferma un esperto.

In tutta la Romania meridionale, gran parte della quale dipende dal Danubio per l’acqua potabile, centinaia di villaggi stanno razionando l’approvvigionamento idrico e riducendo l’irrigazione dei terreni agricoli su cui l’Europa fa affidamento per il mais, il grano, i girasoli e le verdure. Le navi da crociera che normalmente traghettano i turisti lungo l’iconico corso d’acqua sono attraccate. Nei primi sei mesi del 2022, l’azienda idroelettrica rumena Hidroelectrica ha generato un terzo in meno di elettricità rispetto al normale. E i coltivatori di grano rumeni affermano che la siccità è costata loro un quinto del loro raccolto. La Romania è uno dei maggiori produttori di grano d’Europa e tanto più importante per il mercato internazionale alla luce del blocco da parte della Russia di gran parte delle esportazioni di grano dell’Ucraina.

Iscriviti alla Newsletter E360 per ricevere aggiornamenti settimanali nella tua casella di posta. Iscrizione.

“Nelle città su e giù per il Danubio, la siccità e il cambiamento climatico assumono un significato esistenziale”, spiega Nick Thorpe, autore di The Danube: A Journey Upriver from the Black Sea to the Black Forest. “A differenza degli abitanti delle città, hanno questo disastro davanti ai loro occhi”.

Quasi due terzi dell’Europa ha sofferto di siccità quest’anno – il peggior periodo di siccità in 500 anni – e gli scienziati affermano che il riscaldamento globale ha svolto un ruolo importante nella crisi. L’ondata di caldo ha devastato molti dei corsi d’acqua del continente – grandi e piccoli, dalla Loira al Reno – con effetti a catena ad ampio raggio per l’approvvigionamento alimentare, il commercio, l’accesso all’acqua, i sistemi energetici e l’ecologia dell’Europa. E gli scienziati avvertono che se le estati calde e secche diventano una tendenza a lungo termine, alcuni di questi corsi d’acqua potrebbero non riprendersi mai.

AMBIENTE YALE 360

Lungo il Reno vengono bloccate le chiatte che trasportano carbone, petrolio e merci che riforniscono milioni di persone. A luglio, i livelli dell’acqua nel Po italiano erano così bassi che il governo ha dichiarato lo stato di emergenza nel nord Italia, dove vasti campi coltivati ​​sono stati abbandonati. In Francia, le acque riscaldate del Rodano e della Garonna non riescono più a raffreddare gli impianti delle centrali nucleari, costringendo numerosi impianti alla chiusura. E centinaia di affluenti dei fiumi più grandi sono in condizioni ancora peggiori: secche.

All’inizio di agosto, il primo ministro francese, Élisabeth Borne, ha affermato che la Francia si trova nel mezzo della “più grave siccità” che il paese abbia mai sperimentato, che ha così indebolito i fiumi, tra cui la Loira, il Doubs, la Dordogna e la Garonna — che centinaia di comuni ora richiedono che l’acqua potabile venga consegnata su camion.

“Quest’anno è eccezionale in termini di [the drought’s] intensità e durata, eppure è la nuova normalità”, afferma Karsten Rinke dell’Helmholtz Center for Environmental Research (UFZ) della Germania. “C’è un enorme deficit idrico nel paesaggio dell’Europa, che sta solo peggiorando ogni anno che non viene reintegrato”. Rinke afferma che le condizioni di siccità in quattro degli ultimi cinque anni hanno indebolito le falde acquifere, ridotto ulteriormente i ghiacciai che alimentano i fiumi e trasformato il paesaggio che ha nutrito a lungo comunità ed ecosistemi.

Il Reno è così basso oggi che massicci banchi di sabbia ne rompono la parte centrale, arenando le chiatte cariche.

“Forse la cosa più allarmante quest’anno è la portata dei bassi livelli dell’acqua nell’intero bacino del Danubio, dalla Baviera al Mar Nero”, afferma Thomas Hein dell’Università delle risorse naturali e delle scienze della vita di Vienna. Il bacino copre oltre 800.000 chilometri quadrati (300.000 miglia quadrate) e comprende 19 paesi, il 10% dell’Europa continentale. “L’intero fiume è interessato, il che significa che non possiamo semplicemente pompare acqua da una sezione all’altra per compensare la carenza”.

Sul Danubio, il fiume è così basso a Novi Sad, la seconda città più grande della Serbia, che le persone possono attraversarlo a guado, qualcosa che anche i cittadini più anziani della città non hanno mai visto prima. Interi moli e le loro navi sono arenati sul letto asciutto del fiume, con isole mai viste prima che ora punteggiano le acque poco profonde. Gli agricoltori delle ricche regioni agricole che circondano Novi Sad hanno chiesto al governo di dichiarare lo stato di emergenza. Ed è emerso un cupo simbolo del passato: dozzine di navi da guerra tedesche affondate dell’era della seconda guerra mondiale, alcune ancora con munizioni vere, sono ora visibili nel fiume ridotto.

La siccità sta mettendo a dura prova il commercio: le vie navigabili europee trasportano circa una tonnellata di merci all’anno per ogni residente dell’UE e contribuiscono, solo in termini di trasporto, all’economia con circa 80 miliardi di dollari. Il Reno è così emaciato oggi che enormi barre di sabbia ne rompono la parte centrale, rendendo le chiatte a pieno carico incapaci di trasportare carbone, diesel e merci nelle città industriali della valle della Ruhr in Germania.

Il letto del fiume prosciugato del Danubio vicino a Zimnicea, in Romania, il 9 agosto 2022. Andrei Pungovski / Bloomberg via Getty Images

Il carbone e il carburante che attraversano il Reno e altri fiumi sono particolarmente vitali ora alla luce degli embarghi della Russia su gas e carbone. E le interruzioni delle centrali nucleari francesi dovute alla mancanza di acqua di raffreddamento hanno contribuito all’impennata del prezzo dell’elettricità francese, che ha raggiunto gli inauditi 900 euro per megawattora, più di 10 volte il prezzo dell’anno scorso.

Mentre il clima infuoca, la Turchia affronta un futuro senz’acqua. Leggi di più.

Gli scienziati affermano che il costo economico della decimazione dei fiumi è solo una parte del problema. Meno acqua nel sistema idrico nel suo complesso, spiega Gabriel Singer, ecologista dell’Università di Innsbruck, in Austria, minore è la diluizione dei sali e più lento scorre un fiume. Ciò porta a un contenuto salino più elevato e temperature dell’acqua più elevate, che possono essere letali per molte specie di vita fluviale, come il salmone del Danubio, il barbo e il temolo europeo, tra molti altri.

Le temperature più elevate alimentano anche le fioriture di alghe, spiega Singer, che possono essere tossiche per i sistemi fluviali. Questo è ciò che è accaduto in diversi fiumi tedeschi, tra cui la Mosella e il Neckar, così come forse il fiume Oder, dove a metà agosto più di 100 tonnellate (220.000 libbre) di pesci morti, tra cui pesce persico, pesce gatto, luccio, e asp — si è arenato sulle sue coste entro una settimana. (Gli esperti stanno attualmente indagando sulla causa della morte.)

Gli scienziati sottolineano che mentre la difficile situazione dei grandi fiumi d’Europa ha conquistato i titoli dei giornali, sono i fiumi più piccoli a soffrire in modo sproporzionato. “Così molti di loro sono completamente prosciugati, non è rimasta una goccia d’acqua”, afferma Rinke. “Quando ciò accade, perdono per sempre la loro intera comunità di biodiversità. Non tornerà solo la prossima volta che pioverà”.

I governi devono affrontare altri fattori che mettono a dura prova i corsi d’acqua europei, tra cui una protezione più forte delle zone umide.

Gli scienziati affermano che anche millenni di attività ingegneristica e umana lungo i fiumi europei hanno avuto un ruolo. Il raddrizzamento dei fiumi un tempo selvaggi, la deforestazione, gli sbarramenti, l’inquinamento industriale, gli scarichi di acque reflue e l’usurpazione agricola delle coste e delle zone umide hanno reso i fiumi europei ancora più suscettibili alle ondate di calore e alle condizioni di bassa marea, oltre che alle inondazioni.

“Tutti i nostri sistemi fluviali sono altamente frammentati e vulnerabili”, afferma Singer, sottolineando che mentre il basso Danubio è afflitto dalla siccità, l’alto Danubio in Germania e Austria può essere a rischio di inondazioni, come è successo in modo così spettacolare lo scorso luglio nel Reno confini della Germania e del Belgio. Il problema di fondo, dice, è essenzialmente lo stesso: l’incapacità di fiumi e bacini altamente modificati di trattenere l’acqua per periodi di tempo più lunghi. “Gli ecosistemi naturali sani funzionano come una spugna che dà e prende acqua, ma i nostri hanno perso questa capacità”, dice.

Christian Griebler, limnologo dell’Università di Vienna, spiega: “Perdiamo grandi quantità di acqua perché la pioggia non può infiltrarsi nelle superfici sigillate e le forti piogge dopo una siccità non si infiltrano nei terreni asciutti. Il trabocco superficiale va in fiumi canalizzati e a flusso rapido che difficilmente comunicano con le falde acquifere circostanti”.

Pertanto, la reazione riflessa delle autorità, vale a dire quella di dragare più a fondo, non affronta il problema essenziale, affermano Singer e Griebler. In effetti, lo aggrava.

Bassi livelli d’acqua sul fiume Reno a Colonia, in Germania, il 16 luglio 2022. Ying Tang / NurPhoto via Getty Images

Risolvere la crisi che si sta diffondendo quest’estate lungo i fiumi europei comporterà ovviamente lo sforzo a lungo termine di rallentare il riscaldamento globale. A breve termine, gli scienziati affermano che i governi devono affrontare altri fattori che stressano i corsi d’acqua del continente, inclusa l’applicazione di protezioni più forti delle zone umide.

Su questo fronte, si stanno facendo alcuni progressi, dice Singer. L’anno scorso, l’UNESCO ha istituito la prima riserva della biosfera di cinque paesi al mondo lungo i fiumi Mura, Drava e Danubio, un’area totale di quasi 1 milione di ettari (3.860 miglia quadrate).

Il delta del Danubio, la più grande zona umida d’Europa, gode di tale protezione dal 1998. Ma lo stato speciale del delta non lo ha risparmiato dalle condizioni meteorologiche estreme. Le sorgenti d’acqua dolce nella foresta di Letea nel delta si sono prosciugate ad agosto, mettendo in pericolo la vita dei famosi cavalli selvaggi della Romania. I funzionari hanno demolito le sorgenti incrostate di fango, consentendo all’acqua di scorrere di nuovo e ai cavalli di bere.

Il Rio Grande in via di estinzione: il riscaldamento ha un impatto su un fiume leggendario. Leggi di più.

“Fortunatamente abbiamo ancora i ghiacciai che fungono da riserva per i fiumi più grandi nei periodi di precipitazioni più basse”, afferma Hein. “Ma i modellisti del cambiamento climatico dicono che scompariranno tra 30 anni. Questo è estremamente preoccupante”.

Robert Lichtner, il coordinatore con sede a Vienna della Strategia dell’Unione europea per la regione del Danubio, afferma che le misure di adattamento devono in definitiva far parte del futuro del bacino. “Vogliamo rallentare questi processi, ma [the extreme weather] non sta andando via”, dice. “Dovremo adattarci e imparare a conviverci”.