Il pungiglione straziante di questa pianta può far impazzire gli esseri umani o addirittura uccidere (video)

0
31

Mentre ci sono piante che ci piacciono come supercibi, che usiamo come materiali da costruzione o piante per attirare impollinatori benefici, ci sono alcune piante da cui faremmo bene a stare alla larga.

Prendi la ginnasta-ginnasta dal suono innocuo e dall'aspetto innocente (Dendrocnide moroides), della famiglia delle ortiche Urticaceae, per esempio. Questo cespuglio verde e frondoso con fogliame a forma di cuore, che si trova comunemente nelle aree della foresta pluviale dell'Australia nord-orientale, delle Molucche e dell'Indonesia, è ricoperto di aghi cavi, simili a peli e pungenti che contengono una potente neurotossina che causa un dolore lancinante. Il prurito estremo è così doloroso che è noto per uccidere cani, cavalli e far impazzire gli umani per l'agonia.

Effetti della neurotossina

Il composto attivo della gympie-gympie, la moroidina, è così persistente che è noto che tortura le sue vittime da oltre un anno se i suoi peli pungenti non vengono rimossi dalla pelle. Anche gli esemplari secchi, conservati per molti decenni, possono ancora conservare la loro potente puntura. Ecco come il virologo Dr.Mike Leahy spiega su Oddity Central gli effetti mortali della ginnasta-ginnasta:

La prima cosa che sentirai è una sensazione di bruciore davvero intensa e questo cresce nella mezz'ora successiva, diventando sempre più doloroso. Poco dopo, le articolazioni potrebbero far male e potresti avere un gonfiore sotto le ascelle, che può essere doloroso quasi quanto la puntura originale. Nei casi più gravi, questo può portare a shock e persino alla morte.

Le storie abbondano dei famigerati effetti collaterali della ginnasta. Cavalli punti che sono stati conosciuti per morire in poche ore, anche saltando giù dalle scogliere per sfuggire alle loro sofferenze. Si presumeva che un uomo si fosse sparato per porre fine al suo dolore dopo aver usato scioccamente la foglia come carta igienica. Anche respirare i peli fluttuanti può causare starnuti, eruzioni cutanee e sangue dal naso. L'entomologa ed ecologa Marina Hurley, che studia varie specie di alberi pungenti australiani, ha paragonato l'effetto della ginnasta-ginnasta a "essere bruciata con acido bollente e fulminata allo stesso tempo". Tuttavia, ci sono alcune specie marsupiali, insetti e uccelli che consumano foglie e frutti della pianta senza problemi. Hurley ci mostra la pianta in questo estratto dal documentario francese 'Plant Secrets':

Rimedio

Allora qual è il rimedio per una puntura ginnasta-ginnasta? Secondo Wikipedia, il trattamento più efficace là fuori è piuttosto semplice: un'applicazione di acido cloridrico diluito sulla pelle esposta e tirare i minuscoli peli pungenti con una striscia depilatoria di cera – altrimenti, lasciare i peli dietro significherà che le tossine continuerà ad essere rilasciato. La pianta gympie-gympie è un chiaro esempio che mostra che anche la cosa più innocente in natura può dare un pugno potente, e che anche sottovalutare la natura può essere un'idea pericolosa. Ulteriori informazioni su Wikipedia e Oddity Central.