Il rapporto internazionale sulla pulizia delle coste rivela l’incredibile realtà della crisi del riciclaggio

52

Questa settimana, con l’inizio della stagione 2021 dell’International Coastal Cleanup (ICC), Ocean Conservancy ha pubblicato i risultati degli sforzi dell’anno scorso per rimuovere i rifiuti dai corsi d’acqua del mondo e registrare i risultati.

Ma il nuovo rapporto è leggermente diverso dalle precedenti iterazioni. Oltre alla sua lista annuale dei primi dieci articoli più sporchi dell’anno, l’organizzazione ha anche guardato indietro a 35 anni di pulizie per rivelare una crisi di riciclabilità.

“[W]uando esaminiamo gli ultimi 35 anni di analisi dei dati presentati nel rapporto, l’evidenziazione è che la maggior parte di quegli elementi che sono stati raccolti in quegli anni, quasi il 70%, sono effettivamente non riciclabili”, Nick Mallos, direttore senior di Il programma Trash Free Seas® di Ocean Conservancy, racconta Treehugger.

35 anni di dati

La prima ICC al mondo ha avuto luogo nel 1986 e da allora più di 16,5 milioni di volontari in tutto il mondo hanno raccolto e registrato 357.102.419 articoli, ovvero più di 344 milioni di libbre di rifiuti. In molti modi, le informazioni fornite da queste pulizie sono importanti tanto quanto il loro beneficio ambientale. L’Ocean Conservancy ha ora accesso al più grande database al mondo sui rifiuti marini.

“Abbiamo tre decenni e più di informazioni”, afferma Mallos. “Abbiamo ritenuto che fosse il momento giusto per dare un’occhiata alle informazioni oltre alla top 10 e pensare davvero: ‘Cosa può dirci sul nostro comportamento tisico?'”

Parte della storia che ci racconta è il costante aumento dell’inquinamento da plastica. Dal 1986, i volontari dell’ICC hanno raccolto abbastanza bottiglie di plastica per estendersi da Mosca a Lisbona e abbastanza cannucce e agitatori di plastica per percorrere la lunghezza dell’Himalaya. Nella maggior parte degli anni dal 2017, i primi dieci articoli più disseminati sono stati tutti di plastica.

Tuttavia, i dati rivelano anche che il problema è molto più ampio delle abitudini individuali. Invece, dice Mallos, si pone la domanda: “Come stiamo raccogliendo e riciclando, o in molti modi non riciclando, i rifiuti di plastica”.

ICC

Oltre i singoli consumatori

I 35 anni di dati ICC rivelano che il 69% degli articoli raccolti negli Stati Uniti non è riciclabile e quasi la metà di questi articoli riguarda alimenti e bevande. Tuttavia, i consumatori sono comprensibilmente confusi su ciò che può e non può essere riciclato. Un recente segmento di John Oliver sulla plastica, ad esempio, ha descritto in dettaglio come la maggior parte dei comuni può riciclare solo i numeri uno e due che appaiono all’interno degli iconici simboli delle “frecce inseguitrici” sul retro degli imballaggi di plastica, lasciando i numeri da tre a sette nella polvere. Ma i consumatori tendono a fidarsi di queste frecce.

“Sappiamo, in base ai sondaggi che abbiamo fatto, che la maggioranza degli americani guarda a quel simbolo per indicare se possono o meno riciclare qualcosa. E quindi se quel simbolo in realtà non ha un significato, è fuorviante”, afferma Mallos.

Un sondaggio di Ocean Conservancy condotto quest’estate, ad esempio, ha rilevato che sei residenti negli Stati Uniti su 10 si sbagliavano sulla riciclabilità dei contenitori di plastica per la consegna degli alimenti.

Questa enfasi sulla riciclabilità riflette un cambiamento nel movimento anti-inquinamento da plastica dal concentrarsi su singoli elementi e scelte per affrontare problemi e soluzioni strutturali.

“Va bene dire che i consumatori hanno un ruolo, sì, abbiamo un ruolo”, afferma Mallos, “ma dobbiamo anche essere realistici riguardo al ruolo che l’industria ha in termini di prodotti che stanno realizzando”.

ICC

Mallos ha offerto tre soluzioni al problema della riciclabilità:

  • Espandere la legislazione come la legge “a caccia di frecce” recentemente approvata dalla California. Questo disegno di legge, il Senate Bill 343, proibisce a un’azienda di utilizzare il simbolo o di affermare in altro modo che qualcosa è riciclabile quando i comuni statali non possono elaborarlo.
  • Eliminare gradualmente e sostituire gli articoli veramente non riciclabili come i sacchetti di plastica o i contenitori per alimenti o bevande in polistirene espanso.
  • Creare domanda di materiali veramente riciclabili che possono essere raccolti e riutilizzati nell’ambito di un’economia circolare. Un modo per farlo è approvare leggi che richiedono una certa percentuale di contenuto riciclato nei prodotti in plastica.
  • Un anno anormale

    Oltre a guardare indietro all’intera storia dei dati ICC, l’ultimo rapporto affronta anche il 2020 in particolare.

    “Il 2020 è stato un anno anomalo sotto ogni punto di vista”, afferma Mallos.

    Per prima cosa, la pandemia significava che non era sicuro condurre le pulizie sulla solita scala. Mentre più di un milione di volontari hanno partecipato nel 2018 e 943.195 nel 2019, quel numero è sceso a 221.589 nel 2020.

    Allo stesso tempo, la pandemia ha visto l’aumento di sempre più diversi tipi di rifiuti.

    “Gli sprechi di imballaggi da asporto e consegna di cibo sono aumentati mentre le persone cercavano di sostenere i ristoranti locali”, ha scritto Janis Searles Jones, CEO di Ocean Conservancy, nell’introduzione al rapporto più recente. “L’improvvisa necessità di dispositivi di protezione individuale (DPI), comprese maschere e guanti, ha significato che dovevamo fare i conti con un nuovo tipo di plastica quotidiana sulle nostre spiagge e nei nostri quartieri”.

    Nel 2020, i volontari hanno raccolto 107.219 pezzi di DPI. Anche se ciò non è stato sufficiente per portare la categoria nella top 10, ci è andato vicino. Inoltre, il numero quattro nella top 10 del 2020 era “altra spazzatura”. Gli autori del rapporto hanno notato che i DPI sono stati probabilmente registrati qui prima che fosse creata una categoria separata.

    “Questi due dati insieme raccontano solo la storia che i DPI erano una forma prevalente di inquinamento da plastica la scorsa estate”, afferma Mallos.

    In effetti, l’Ocean Conservancy aveva già pubblicato i dati degli ultimi sei mesi del 2020, rivelando l’impressionante quantità di DPI raccolti dai volontari, come riportato all’epoca da Treehugger. La nuova forma di lettiera sta già danneggiando gli animali, ha rivelato un altro studio pubblicato nello stesso periodo, intrappolandoli, impigliandoli o inducendoli a mangiare un pasto di plastica.

    Mallos afferma che i DPI sono un esempio di “plastica necessaria”. Tutti dovrebbero seguire i mandati delle maschere e le maschere riutilizzabili non sono sempre considerate appropriate o efficaci. Invece, questo nuovo tipo di lettiera è un esempio della necessità di migliori sistemi di raccolta.

    Ocean Conservancy continuerà a monitorare i DPI e altri tipi di rifiuti mentre l’ICC 2021 prenderà il via con il suo evento di punta il prossimo sabato 18 settembre. Mallos afferma di essere entusiasta di accogliere i volontari all’evento ora che le restrizioni si stanno allentando, ma, se tu sabato siamo impegnati, gli eventi di pulizia continueranno per tutto il mese. Per iscriverti a una pulizia, puoi andare su signuptocleanup.org.

    “Unisciti per creare un impatto molto reale per la tua comunità locale, la tua spiaggia locale e il nostro oceano globale”, afferma Mallos.