Il Regno Unito ha alcune delle abitazioni meno efficienti dal punto di vista energetico in Europa: ecco come risolvere questo problema

0
29

Le abitazioni mal costruite possono compromettere seriamente la salute e il benessere delle persone. E con il Regno Unito che possiede alcuni degli edifici più antichi d'Europa, ci sono molte abitazioni non adatte allo scopo.

Quasi 2,5 milioni di famiglie nel Regno Unito vivono in cattive condizioni abitative e soffrono di povertà energetica. Ciò significa che non sono in grado di mantenere una temperatura ragionevole nelle loro case a causa del basso reddito.

La maggior parte degli alloggi nel Regno Unito risale a prima degli anni '90, quando la progettazione dell'efficienza energetica non era regolamentata. Ciò non solo ha un enorme impatto sulla salute delle persone – il NHS spende 1,4 miliardi di sterline ogni anno per curare le persone colpite da alloggi poveri – ma influisce anche sul nostro ambiente naturale e sulla biodiversità.

Secondo il Climate Change Committee, che fornisce consulenza al governo del Regno Unito in materia di cambiamenti climatici, circa un quarto delle emissioni totali di gas serra del Regno Unito proviene dall'energia che utilizziamo per il riscaldamento, l'illuminazione o il funzionamento degli apparecchi nelle nostre case, edifici pubblici o luoghi di lavoro – e l'energia utilizzata nelle nostre case è la fonte più significativa. Infatti, dei 29 milioni di case esistenti nel Regno Unito, al momento solo otto milioni di case soddisfano i più elevati standard energetici.

Questo è in parte il motivo per cui il governo britannico ha recentemente annunciato un nuovo piano per rendere gli edifici più verdi e raggiungere l'obiettivo zero netto entro il 2050, che mira a eliminare tutte le emissioni nocive dall'atmosfera.

Pompe di calore e nuove costruzioni

Una soluzione proposta nel nuovo piano del governo è quella di installare 600.000 pompe di calore entro il 2028. Le pompe di calore sono simili alle unità di condizionamento d'aria ma trasferiscono e fanno circolare energia da una fonte di calore, come aria, terra o acqua, attraverso un compressore e in le nostre case.

Possono essere un buon modo per migliorare l'efficienza energetica per alcune case, ma richiedono investimenti significativi (da parte del governo o del proprietario della casa) e il processo di installazione può essere distruttivo e dispendioso in termini di tempo. E mentre 600.000 possono sembrare una quantità decente, questa cifra in realtà non è all'altezza dei suggerimenti precedenti fatti dal Centro di ricerca energetico del Regno Unito.

Installate e funzionanti correttamente con una casa ad alta efficienza energetica, le pompe di calore possono offrire un grande comfort e ridurre i costi di riscaldamento.
klikkipetra / Shutterstock

Un'altra proposta è quella di aumentare gli standard di efficienza energetica per tutti i nuovi edifici entro il 2025. Questo per garantire che la progettazione sia corretta fin dall'inizio, piuttosto che isolare le pareti e installare successivamente le pompe di calore.
Le case costruite secondo lo standard Future Homes saranno "zero-carbon ready" e avranno emissioni di anidride carbonica inferiori del 75-80% rispetto a quelle costruite secondo gli standard attuali.

Ma mentre questi piani potrebbero essere un passo avanti sulla strada per il miglioramento degli alloggi nel Regno Unito, le soluzioni non sono sufficienti. In effetti, il governo farebbe bene a guardare più lontano a come altri paesi hanno "reso più verde" in modo creativo le loro abitazioni.

Come si fa altrove

Nei Paesi Bassi, ad esempio, il governo sta migliorando l'efficienza energetica dei suoi edifici esistenti attraverso una nuova tecnologia chiamata Energiesprong, inizialmente finanziata dal governo. La tecnologia aiuta a ristrutturare le case ad alti livelli di efficienza energetica in meno di dieci giorni utilizzando l'isolamento di pareti e finestre, tetti solari e sistemi di riscaldamento intelligenti. L'approccio porta a meno emissioni, ma anche meno rifiuti, poiché la maggior parte dei componenti sono prefabbricati, il che consente anche un assemblaggio rapido.

Minicase ecologiche a NIjkerk, Paesi Bassi.
Fotografia di HildaWeges / Shutterstock

Altri esempi sono l'Austria e l'Italia, che hanno entrambe promosso l'uso di tecnologia e soluzioni sostenibili per pilotare ristrutturazioni di case innovative a livello di città. In cinque anni, due città pilota – Innsburuck in Austria e Bolzano in Italia – hanno ridotto con successo l'energia domestica del 40-50% e le emissioni del 30%.

Tutti questi programmi hanno comportato cambiamenti a livello di sistema e una stretta collaborazione tra costruttori di case, società di servizi pubblici, proprietari di case e governo locale. Questa collaborazione è importante, infatti alcune delle nostre ricerche sul passaggio a un'economia a rifiuti zero sottolineano il ruolo chiave che i governi giocano nel sostenere l'adozione di tecnologie innovative per prolungare la vita di un edificio, oltre a incoraggiare il riutilizzo di materiali sostenibili e la riduzione di rifiuti di costruzione.

Questo è il motivo per cui il governo del Regno Unito deve concentrarsi sullo sviluppo di forti collaborazioni e programmi a lungo termine per i costruttori di case, piuttosto che su quelli più brevi che spesso scoraggiano il coinvolgimento.

Un ripensamento del sistema

Secondo un rapporto della Camera dei Comuni, edifici più verdi e più efficienti dal punto di vista energetico potrebbero vedere la bolletta energetica della maggior parte delle persone ridotta di 270 sterline all'anno. Contribuirebbe anche a rendere più pulita l'aria che respiriamo. Allo stesso tempo, rilascerebbe un'indebita pressione sul NHS e consentirebbe alle persone di vivere più comodamente nelle loro case.

Altrettanto importante, il lavoro di ammodernamento necessario per rendere le nostre case più efficienti dal punto di vista energetico creerebbe fino a 50.000 posti di lavoro entro il 2030, il che deve essere accolto con favore nel clima attuale. Ma se il governo vuole veramente "ricostruire meglio" e raggiungere l'ambizione zero-netto, deve guardare al problema da una prospettiva a livello di sistema piuttosto che trasferire il denaro ai proprietari o ai costruttori di case.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui