Il riciclaggio della plastica in Europa viene scaricato nell'oceano

10

L'inquinamento da plastica è un disastro al rallentatore che sta accadendo proprio davanti ai nostri occhi. E nonostante gli sforzi per esportare rifiuti di plastica per il riciclaggio, una nuova ricerca rileva che quasi un terzo di quelli che escono dall'Europa non viene affatto riciclato.

L'enorme scala della produzione globale di plastica porta a un'enorme quantità di rifiuti di plastica, molti dei quali finiscono negli oceani. Si stima che attualmente ci siano più di 150 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica nell'oceano, dove sopravviveranno per centinaia, se non migliaia, di anni.

Per fortuna, la consapevolezza pubblica sulla catastrofe della plastica è cresciuta, ma le soluzioni non sono così facili come potrebbero sembrare. Prendi il riciclaggio.

Treehugger ha a lungo sostenuto che il riciclaggio è una farsa, uno schema escogitato dalle grandi imprese per mettere la responsabilità dei materiali usa e getta (redditizi) nelle mani del consumatore. Abbiamo il compito di ripulire il loro disordine, apparentemente riciclando. Nel frattempo, il riciclaggio è disorganizzato, confuso e rotto. Di tutti i rifiuti di plastica che abbiamo creato, solo il 9% è stato riciclato.

Poiché le nazioni più ricche non hanno la capacità di riciclare tutti i loro prodigiosi rifiuti, molti di questi venivano tradizionalmente spediti in Cina per la lavorazione. Ma nel 2018, la Cina ha chiuso i battenti ai rifiuti stranieri, lasciando il mondo in un pasticcio di plastica, cercando di capire cosa farne. Una soluzione è stata spedirlo nei paesi del sud-est asiatico.

Con questo in mente, i ricercatori della NUI Galway e dell'Università di Limerick hanno deciso di esaminare cosa sta succedendo al riciclaggio esportato; e hanno calcolato il volume di quella plastica che sta finendo nell'oceano. NUI Galway spiega che mentre i paesi europei dispongono di infrastrutture avanzate per la gestione dei rifiuti, il 46% dei rifiuti di plastica separati europei viene esportato al di fuori del paese di origine, scrivendo:

"Una grande parte di questa plastica viene trasportata per migliaia di chilometri in paesi con pratiche di gestione dei rifiuti inadeguate, in gran parte situati nel sud-est asiatico. Una volta in questi paesi, una grande parte dei rifiuti viene respinta dai flussi di riciclaggio nei sistemi di gestione dei rifiuti locali sovraccarichi che hanno stato trovato per contribuire in modo significativo al littering oceanico."

Il team di ricerca ha utilizzato dati dettagliati da una varietà di fonti per valutare il destino di tutto il polietilene esportato per il riciclaggio dall'Europa, tenendo conto di tutto, dalla conversione riuscita in resine riciclate alla discarica, all'incenerimento o ai detriti oceanici.

Il Dr. David Styles, docente presso l'Università di Limerick e coautore dello studio, spiega:

"Dato che una quota così ampia di rifiuti destinati al riciclaggio viene esportata, con una scarsa tracciabilità a valle, questo studio suggerisce che i tassi di riciclaggio 'reali' possono discostarsi significativamente dai tassi riportati dai comuni e dai paesi di origine dei rifiuti".

Aggiunge, "In effetti, il nostro studio ha rilevato che fino al 31% della plastica esportata non è stata affatto riciclata". Per il 2017, hanno stimato che fino a 180.558 tonnellate di polietilene europeo esportato sono finite nell'oceano.

Perdita stimata di plastica in polietilene nell'oceano a causa della cattiva gestione del riciclaggio dei rifiuti.
NUI Galway

Tra le molte ovvie ragioni per cui è importante sapere, una è che i tassi di riciclaggio sono spesso calcolati in base alle quantità inviate al riciclaggio, indipendentemente dal destino finale di tali rifiuti separati, osserva lo studio. Che dire, quei bei numeri di riciclaggio che vantano alcuni paesi europei? Non sono corretti. E in effetti, sono un macrocosmo della raccolta differenziata che facciamo in casa – speditela e sarà tutto a posto; lontano dagli occhi, lontano dal cuore.

Il professor Piet Lens della NUI Galway afferma: "Per passare con successo a un'economia più circolare, i comuni europei e le società di gestione dei rifiuti devono essere ritenuti responsabili del destino finale dei rifiuti "riciclati".

E se abbiamo intenzione di risolvere il disastro della plastica, che è una grave minaccia per gli ecosistemi oceanici e le catene alimentari, anche tutti gli altri devono essere ritenuti responsabili; dalle aziende di combustibili fossili che immettono la plastica nel sistema alle aziende che non ci cederanno il loro imballaggio economico, le persone si sono assunte la responsabilità di un corretto smaltimento.

Come consumatore, c'è solo un modo sicuro per assicurarti che i tuoi rifiuti di plastica non finiscano nell'oceano: non comprare la plastica in primo luogo.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Environment International.