Il riciclaggio è difficile. Ecco perché dobbiamo eliminare gli imballaggi monouso e non farci distrarre.

0
5

StackitNOW è un'ottima idea ma dimostra anche quanto sia intrattabile il problema.

Durante l'annuale EcoFair at the Barns questo fine settimana ho passato un po 'di tempo a pensare a StackitNOW, un programma di riciclaggio di tazzine da caffè creato da Ian Chandler, che ha un'azienda di triturazione della carta a emissioni zero e ora raccoglie tazze di caffè sul lato. Sembra essere una grande iniziativa che effettivamente ricicla le tazzine di caffè, e allo stesso tempo una dimostrazione di quanto sia difficile e intrattabile il problema.

Le tazze da caffè sono difficili da riciclare nel flusso dei rifiuti urbani perché la carta è rivestita di plastica e spesso i coperchi devono essere separati. Ma possono essere riciclati se vengono triturati; immergeteli in acqua e la plastica si separa dalla polpa. Secondo StackitNOW:

Le tazze di caffè diventano rifiuti all'interno dell'ambiente di vendita del caffè (facili da raccogliere) ma la maggior parte esce dalla porta per disperdersi ampiamente, finendo nella spazzatura municipale o raccolta privatamente. L'unica soluzione pratica è coinvolgere persone che la pensano allo stesso modo per raccogliere le tazze ampiamente disperse. La vera sfida è raccoglierli in uno dei tanti punti centralizzati da cui vengono prelevati e riciclati i bicchieri accumulati. Lo chiamiamo "HUB".

Lloyd Alter / CC BY 2.0

Ma per farlo servono volontari.

Come funziona: Usando una chiesa locale come esempio, il "Green Team" della chiesa diventa parte della Coalizione e incoraggia i membri della congregazione a raccogliere tutti i bicchieri che possono, riportandoli in un punto di raccolta, o "HUB" presso la chiesa da dove La triturazione a emissioni zero si raccoglierà.

Se ti capita di aver bisogno di sminuzzare, il ritiro è gratuito. Ma per il resto, i volontari non solo fanno il lavoro di raccogliere e impilare le tazze, ma in realtà pagano un centesimo a tazza per averle portate via e triturate.

Ora, tutti i tipi di credito sono dovuti a Ian Chandler per aver organizzato questo, ma non ho potuto fare a meno di pensare, che tipo di mondo stupido e incasinato è quando i volontari stanno spendendo il loro tempo e denaro per prendere Tim Horton e Ronald La spazzatura di McDonald's e Howard Schultz? Chi è responsabile di questo problema? I PRODUTTORI. Fagli mettere un deposito su ogni tazza e riprendilo. Lascia che chiamino il trituratore e lo paghino quando hanno la borsa piena.

Il vero problema, come ripetiamo io e Katherine Martinko, è che non dobbiamo cambiare la coppa, ma la cultura. Dobbiamo semplicemente smettere di usare tazze monouso, dobbiamo sederci e annusare il caffè o portarne uno ricaricabile. Questa era la vera economia circolare, dove usavi una tazza, la lavavi e la usavi di nuovo. Non possiamo dipendere dalla gentilezza degli estranei che prendono la nostra tazza e la portano in chiesa.

È un problema fondamentale che si manifesta oggi nella colonna di Joel Makower su GreenBiz, La ricerca globale per porre fine ai rifiuti di plastica è un plotone di esecuzione circolare?

credito: Ellen MacArthur Foundation

Fondazione Ellen MacArthur / CC BY 2.0

Makower inizia con un rapporto della Ellen MacArthur Foundation (PDF qui) su come l'industria dei prodotti confezionati sta cercando di ripulire la sua azione. Lui scrive:

Per la maggior parte delle aziende di prodotti confezionati, l'obiettivo dichiarato è eliminare i rifiuti – chiudendo il ciclo implementando versioni compostabili, riutilizzabili e riciclabili di imballaggi in plastica monouso – e quindi collaborare con le comunità locali, i trasportatori di rifiuti e altri per garantire che vengano utilizzati gli imballaggi vengono effettivamente compostati, riutilizzati o riciclati. Spesso significa lavorare simultaneamente su scala interna (progettazione della confezione), catena del valore (fornitori e consumatori) ed esterna (infrastruttura di riciclaggio), spesso in collaborazione con aziende simili, comuni e altri. In altre parole, un approccio sistemico.

Potrebbe essere il loro obiettivo dichiarato, ma non ci sono stati molti segnali di implementazione. A Makower piacciono anche tutte quelle nuove tecnologie come Purification o Decomposition che in qualche modo trasformeranno i rifiuti di plastica in cose utili, ma credo che sia solo l'industria della plastica a dirottare l'economia circolare. O come ho notato,

Questa finzione di un'economia circolare è solo un altro modo per continuare lo status quo, con un ritrattamento più costoso. È l'industria della plastica che dice al governo: "Non preoccuparti, risparmieremo il riciclaggio, investirai solo miliardi in queste nuove tecnologie di ritrattamento e forse in un decennio potremo trasformarne una parte in plastica". Assicura che il consumatore non si senta in colpa nell'acquistare l'acqua in bottiglia o la tazza di caffè usa e getta perché dopo tutto, ehi, ora è circolare. E guarda chi c'è dietro: l'industria della plastica e del riciclaggio.

Makower quindi attacca quella posizione, lamentandosi del rapporto di Greenpeace "Gettare via il nostro futuro: come le aziende hanno ancora torto sulle 'soluzioni' per l'inquinamento da plastica" (PDF). Non l'avevo mai visto prima, ma su TreeHugger assomiglia molto a noi, dicendo che queste soluzioni ad alta tecnologia …

"consentire a queste aziende di continuare a lavorare come al solito piuttosto che ridurre la domanda di plastica". Critica quelle che definisce "false soluzioni che non riescono ad allontanarci dalla plastica monouso, distogliendo l'attenzione da sistemi migliori, perpetuando la cultura dello scarto e confondendo le persone nel processo".

Makower dice che "una vera e propria" rivoluzione del riutilizzo "è probabilmente lontana, almeno alla scala che Greenpeace potrebbe trovare accettabile" – come se le sue magiche tecnologie di riciclaggio non lo fossero. Afferma che "gli attivisti, da parte loro, hanno bisogno di adottare misure parziali sulla strada per quello che probabilmente sarà un passaggio decennale verso il loro stato ideale".

Tweet foto usata con il permesso di Jan al Waste Counter.

Ho sempre ammirato Joel Makower, un pioniere del giornalismo verde, ma credo che sia dalla parte sbagliata di questo. Non occorrono decenni. Inizia mettendo un deposito su tutto e continua assicurando la responsabilità del produttore per l'intero costo del riciclaggio. Obbligare che tutti gli imballaggi monouso siano progettati per il riciclaggio: una sola plastica, nessun ibrido mostruoso. La quantità di rifiuti diminuirebbe molto velocemente.

Stackitnow display / Lloyd Alter / CC BY 2.0

Tornerò a StackitNOW, che ha progettato una risposta intelligente al problema della tazza di caffè in carta. Sì, vengono raccolti e riciclati in carta igienica, ma a quale costo, di chi, di chi? Non ha senso rispetto a una tazza lavabile. Non scala. Ed è un microcosmo dell'intera economia monouso, che è seriamente resistente al cambiamento. Ho scritto prima:

Negli ultimi 60 anni, ogni aspetto della nostra vita è cambiato grazie ai prodotti usa e getta. Viviamo in un mondo totalmente lineare in cui alberi, bauxite e petrolio si trasformano in carta, alluminio e plastica che fanno parte di tutto ciò che tocchiamo. Ha creato questo Convenience Industrial Complex. È strutturale. È culturale. Cambiarlo sarà molto più difficile perché permea ogni aspetto dell'economia.

Pensare che l'industria della plastica lo farà effettivamente da sola con questa magia dell'economia circolare è una fantasia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui