il riciclaggio è l’ambulanza in fondo alla scogliera. È tempo di insegnare ai bambini a chiedere un vero cambiamento ai peggiori produttori di plastica

64

Plastic Free July è tornato e tutti sentiremo parlare di ridurre l’uso della plastica nella nostra vita quotidiana. Gran parte della messaggistica è rivolta ai giovani attraverso la scuola e la messaggistica incentrata sui giovani. In quanto educatore e genitore di scienze e ambiente, penso spesso a cosa significhi insegnare ai giovani l’azione ambientale.

Un paio di anni fa, uno dei miei figli è tornato a casa da scuola, preoccupato per quasi tutti i più grandi problemi ambientali del mondo. Aveva imparato a conoscere la sostenibilità; Le ho chiesto di dirmi di più a riguardo.

Nelle sue note sul riscaldamento globale, il bracconaggio, la deforestazione e altre grandi sfide, c’erano due punti sulla plastica: “La plastica è dannosa per l’ambiente. Ho bisogno di riciclare di più”.

Stiamo proponendo soluzioni individuali a grandi problemi

Da un lato, sono stato entusiasta di vederla impegnata in un’unità sulla sostenibilità, un argomento che gli insegnanti spesso faticano a inserirsi in un curriculum denso.

Tuttavia, ero preoccupato che l’elenco di azioni che lei identificava come soluzioni a questi grandi problemi sembrasse irrilevante per qualcuno della sua età, o al di fuori del suo regno di potere (“non cacciare gli animali”, per esempio).

Quasi tutti erano focalizzati sul cambiamento del comportamento individuale.

À lire aussi : Abbiamo organizzato una conferenza per 570 persone senza l’uso della plastica. Ecco come è andata

Fortunatamente, viviamo in una città in cui il nostro sistema di gestione dei rifiuti include un programma di riciclaggio sul marciapiede. Ma solo alcuni tipi di plastica (numerati 1, 2 o 5) possono essere riciclati.

Non tutte le città e i paesi di Aotearoa dispongono di questa infrastruttura, sebbene vi sia una proposta per richiedere ai comuni delle città con più di 1.000 residenti di fornire questo servizio alle famiglie urbane.

A livello globale, solo il 9% del 15% dei rifiuti di plastica raccolti per il riciclaggio viene effettivamente riciclato.

Sebbene non ci siano dati prontamente disponibili su quanto viene riciclato ad Aotearoa, in Nuova Zelanda, produciamo oltre 17 milioni di tonnellate di rifiuti ogni anno, di cui 13 milioni di tonnellate finiscono nelle discariche.

Si stima che anche il tasso di riciclaggio della Nuova Zelanda sia inferiore a quello di molti altri paesi sviluppati.

Aotearoa Nuova Zelanda produce oltre 17 milioni di tonnellate di rifiuti ogni anno, di cui 13 milioni di tonnellate finiscono nelle discariche. Getty Images

Un’altra grande parte del problema è che la Nuova Zelanda ha infrastrutture limitate per riciclare i rifiuti di plastica, quindi viene esportata per il riciclaggio in paesi economicamente emarginati.

Come ha sottolineato l’avvocato Tina Ngata, questo è colonialismo dei rifiuti. Cioè, non possiamo far fronte ai nostri rifiuti, quindi li spediamo in paesi con ancora meno risorse per farvi fronte.

Dovremmo incoraggiare i bambini a discutere i modi in cui il riciclaggio è una soluzione complicata e, nella migliore delle ipotesi, parziale all’inquinamento da plastica.

Le buone intenzioni non sempre equivalgono a una buona politica

Gli sforzi per il pranzo senza rifiuti sono sempre più comuni nelle scuole. Tali iniziative possono aiutare a sensibilizzare i bambini sui rifiuti di plastica.

Tuttavia, possono facilmente diventare una politica scolastica dall’alto verso il basso piuttosto che un’opportunità per i bambini di deliberare sulle complessità etiche e politiche dei rifiuti di plastica.

À lire aussi : COVID-19 ha resuscitato la plastica monouso: sono tornate per restare?

Possono anche creare condizioni attraverso le quali i bambini possono vergognarsi o essere scelti per portare a scuola gli involucri di plastica, compresi i bambini disabili, o i bambini con caregiver disabili, il cui benessere dipende dall’uso di alcune plastiche monouso. Aneddoticamente, molti studenti ricorrono semplicemente a nascondere i loro rifiuti di plastica agli insegnanti.

Sebbene la vergogna sociale sia stata utilizzata nella modifica del comportamento ambientale, non è eccezionale come strumento educativo. I bambini e i giovani possono sentirsi impotenti quando le soluzioni ai problemi ambientali sono appena fuori dalla loro portata o semplicemente non tornano.

Secondo Juressa Lee, attivista per la plastica di Greenpeace Aotearoa, i pranzi senza rifiuti e programmi simili sono:

“un ottimo inizio per aumentare la consapevolezza dei rifiuti di plastica e dei suoi impatti e per volere un ambiente pulito a scuola. Ma i rifiuti di plastica non sono la stessa cosa dell’inquinamento da plastica, e lasciare la plastica a casa non pone fine a nessuno dei due, vero?”

Lee credeva che i bambini fossero in grado di cogliere l’importanza della prevenzione dei rifiuti di plastica rispetto al tentativo di trovare soluzioni dopo che sono stati prodotti e utilizzati.

L’impatto delle azioni individuali impallidisce rispetto ai cambiamenti nei comportamenti aziendali, ma continuiamo a concentrarci sulla responsabilità personale. Witthaya Prasongsin/Getty Images

La deviazione era intenzionale

Solo 20 aziende sono responsabili di oltre la metà dei 130 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica prodotti a livello globale. Le aziende di combustibili fossili stanno raddoppiando la produzione di plastica monouso mentre gli altri mercati vengono decarbonizzati.

Secondo Tricia Farrelly della Massey University, è tempo di “allontanarsi da un linguaggio come il littering che è responsabilità individuale. Dobbiamo passare alla responsabilità commerciale”.

La definizione della riduzione dei rifiuti di plastica come una questione di responsabilità individuale può essere attribuita in gran parte a una “campagna di deviazione massiccia” lanciata negli anni ’60 dall’industria delle bevande.

Questa campagna di deviazione ha distolto l’attenzione dagli sforzi per regolamentare i produttori di plastica. Le persone, non le società, sono state inquadrate come inquinatori. Ancora oggi, le stesse società continuano a ritardare e far deragliare gli sforzi normativi, “il tutto promuovendo il riciclaggio come una comoda scusa per produrre sempre più plastica”.

À lire aussi : La repressione della Cina sulla “spazzatura straniera” costringerà i paesi ricchi a riciclare più dei propri rifiuti?

Gli imballaggi rappresentano il 46% dei rifiuti di plastica nel mondo. Attualmente, alcuni dei principali inquinatori di plastica monouso al mondo sono le stesse società che hanno guidato la campagna di deviazione delle “persone come inquinatori” decenni fa.

L’educazione ambientale può essere uno strumento per un vero cambiamento

Educazione ambientale, secondo il professor Bronwyn Hayward:

“è troppo spesso dominato da una visione moralistica e strumentale dell’insegnamento che mira a modificare i comportamenti di vita degli studenti, ad esempio incoraggiando i bambini a riciclare e ridurre il loro consumo di energia piuttosto che pensare in modo critico al potere politico o porre domande come chi ha cosa e perché .”

Sotto la pressione dell’opinione pubblica, uno dei peggiori produttori di plastica monouso, Coca-Cola, ha recentemente promesso di trasferire il 25% dei suoi imballaggi in imballaggi riutilizzabili entro il 2030. Questo è un inizio, ma piuttosto che aspettare che le aziende facciano la cosa giusta , possiamo lavorare per costruire infrastrutture di imballaggio riutilizzabili e ricaricabili e pretendere che chi inquina paghi.

I bambini possono imparare che ritenere le società responsabili e richiedere un cambiamento normativo può avere un impatto. Impegniamoci ad aiutare i bambini a collaborare con whānau, iwi, comunità e organizzazioni che lavorano per fare la differenza per ridurre l’inquinamento da plastica alla fonte.

Alla fine, i bambini e gli educatori si sentono responsabili quando sono partecipanti attivi all’interno delle comunità intergenerazionali che si organizzano per il cambiamento, piuttosto che sentirsi indotti a sentirsi il problema.