Il Super Bowl di quest'anno ha vinto una lotta contro lo spreco alimentare

11

Trentamila libbre di cibo avanzato furono ridistribuite agli affamati della Florida nei giorni successivi alla partita.

Il Super Bowl è noto per i suoi eccessi culinari, sia nello stadio in cui si tiene la partita finale che nelle case di milioni di fan, dove di solito viene preparato un buffet di snack per la famiglia e gli amici. Ma cosa succede a tutto il cibo che non viene mangiato? Gli avanzi vanno nel frigo a casa, ma allo stadio di solito finiscono nei cassonetti, impossibilitati a essere serviti a nessun altro.

È qui che entra in gioco Food Rescue, un'organizzazione statunitense che lavora per ridurre lo spreco di cibo dal 2011. Domenica scorsa, Food Rescue ha collaborato con gli organizzatori del Super Bowl all'Hard Rock Stadium di Miami per raccogliere circa 30.000 libbre di cibo non consumato, abbastanza per sfamare 20.000 persone e distribuirlo a cinque rifugi nel sud della Florida.

"Il cibo raccolto include filetti di manzo, pollo alla griglia, ali, costolette e piatti di salumi provenienti da sezioni con catering VIP, bancarelle e suite, tra gli altri luoghi" ha riferito ESPN. Con così tanto di questo cibo avanzato che è carne, rende lo sforzo di salvataggio ancora più significativo dal punto di vista del clima. La carne ha un'impronta di carbonio estremamente elevata e richiede vaste risorse per la produzione, rendendola il peggior cibo possibile da sprecare.

Lo spreco di cibo è un enorme problema globale. Il World Resources Institute ha dichiarato: "Se la perdita e lo spreco di cibo fossero un paese, sarebbe il terzo più grande emettitore di gas serra al mondo". Il cibo rilascia metano quando si decompone in discarica; e il metano, secondo l'Intergovernmental Panel on Climate Change, riscalda il pianeta 86 volte più velocemente dell'anidride carbonica. Affrontare lo spreco alimentare è necessario se vogliamo sperare di tenere sotto controllo le emissioni di gas serra.

Le persone possono farlo a casa, ma abbiamo un disperato bisogno di cambiamenti sistemici più ampi che abbiano un impatto ancora maggiore, come rivedere il modo in cui i negozi di alimentari, i ristoranti e gli eventi importanti come il Super Bowl gestiscono gli avanzi. La ridistribuzione è un'ottima strategia che, in questo caso, giova a quella su sette floridiani che sperimenta l'insicurezza alimentare; ma strategie simili dovrebbero essere attuate quotidianamente, non solo in occasioni speciali.

È impressionante che il gruppo di ospitalità del Super Bowl, Centerplate e Food Rescue abbiano realizzato un'impresa del genere questa settimana. Si spera che possa essere un modello da seguire per altri organizzatori di eventi e verrà ripetuto in ogni Super Bowl a venire.