In che modo CEO, esperti e filosofi vedono in modo diverso i maggiori rischi del mondo

0
7

Viviamo in un mondo minacciato da numerosi rischi esistenziali che nessun paese o organizzazione può risolvere da solo, come il cambiamento climatico, condizioni meteorologiche estreme e il coronavirus.

Ma per affrontarle adeguatamente, abbiamo bisogno di un accordo su quali sono le priorità e quali no.

Si dà il caso che i responsabili politici e gli imprenditori che in gran parte determinano quali rischi diventano priorità globali hanno trascorso una settimana a gennaio a socializzare nella località montuosa di Davos per un incontro annuale dell'élite mondiale.

Ho partecipato a un sondaggio globale sulla valutazione del rischio che ha informato i partecipanti al vertice di Davos su ciò a cui dovrebbero prestare maggiore attenzione. I risultati, tratti da esperti in una vasta gamma di discipline, incluso il business, sono molto diversi da ciò che i CEO dell'azienda vedono nello specifico come le maggiori minacce che devono affrontare.

Come filosofo, ho trovato curiose le differenze. Sottolineano due modi contrastanti di vedere il mondo, con conseguenze significative per la nostra capacità di affrontare i rischi per la società.

Gli incendi in Australia hanno distrutto più di 3.000 case e raso al suolo più di 10,6 milioni di ettari da settembre.
AP Photo / Noah Berger

Due prospettive sui rischi maggiori

Il Global Risk Report del World Economic Forum consolida le percezioni di circa 800 esperti nel mondo degli affari, del governo e della società civile per classificare "le sfide più urgenti del mondo" per il prossimo anno per probabilità e impatto.

Nel 2020, condizioni meteorologiche estreme, incapacità di agire sui cambiamenti climatici e disastri naturali sono in cima alla lista dei rischi in termini di probabilità di accadimento. In termini di impatto, i primi tre sono stati il ​​fallimento dell'azione per il clima, le armi di distruzione di massa e la perdita di biodiversità.

La prospettiva specifica dei leader aziendali, tuttavia, viene catturata in un altro sondaggio che evidenzia quelli che percepiscono come i maggiori rischi per le prospettive di crescita delle proprie attività. Condotto dalla società di consulenza PwC dal 1998, domina anche a Davos. Sono stato coinvolto in quel rapporto anche quando lavoravo per l'organizzazione.

In netto contrasto con il rapporto sui rischi del World Economic Forum, il sondaggio del CEO ha rilevato che i tre principali rischi per le imprese di quest'anno sono l'eccessiva regolamentazione, i conflitti commerciali e la crescita economica incerta.

La guerra commerciale del presidente Trump e altre preoccupazioni economiche tendono a essere al centro degli amministratori delegati aziendali.
AP Photo / Evan Vucci

Economico o etico

Cosa spiega una così grande differenza nel modo in cui questi gruppi vedono le maggiori minacce?

Volevo esaminare questa domanda in modo più approfondito, oltre la valutazione di un anno, quindi ho fatto una semplice analisi di 14 anni di dati generati dai due rapporti. I miei risultati sono solo inferenze da dati disponibili pubblicamente e va notato che i due sondaggi hanno metodologie diverse e pongono domande diverse che possono modellare le risposte degli intervistati.

Una differenza fondamentale che ho osservato è che i leader aziendali tendono a pensare prima in termini economici e poi in termini etici. Cioè, le aziende, come ci si aspetterebbe, tendono a concentrarsi sulla loro situazione economica a breve termine, mentre la società civile e altri esperti nel Global Risk Report si concentrano sulle conseguenze sociali e ambientali a lungo termine.

Ad esempio, anno dopo anno, gli amministratori delegati hanno nominato un insieme relativamente stabile di preoccupazioni ristrette. L'eccesso di regolamentazione è tra le tre principali minacce in tutti gli anni tranne uno ed è spesso in cima alla lista. Anche la disponibilità di talenti, le preoccupazioni fiscali del governo e l'economia sono state spesso menzionate negli ultimi 14 anni.

Al contrario, il Global Risk Report tende a riflettere una maggiore evoluzione nei tipi di rischi che il mondo deve affrontare, con le preoccupazioni per l'ambiente e le minacce esistenziali che crescono sempre più importanti negli ultimi cinque anni, mentre i rischi economici e geopolitici sono svaniti dopo aver dominato nel fine anni 2000.

Una prospettiva filosofica

Le indagini sui rischi sono strumenti utili per comprendere ciò che conta per i CEO e la società civile. La filosofia è utile per considerare perché le loro priorità differiscono e quali sono più propense ad avere ragione.

Fondamentalmente, i rischi riguardano gli interessi. Le aziende vogliono un minimo di regolamenti in modo da poter guadagnare di più oggi. Gli esperti che rappresentano i collegi elettorali al di là del semplice business pongono una maggiore enfasi sul bene comune, ora e in futuro.

Bertrand Russell.
Naci Yavuz / Shurterstock.com

Quando gli interessi sono in tensione, la filosofia può aiutarci a distinguerli. E mentre sono solidale con il desiderio dei CEO di gestire le proprie attività senza interferenze normative, sono preoccupato che queste considerazioni economiche a breve termine spesso ostacolino gli obiettivi etici a lungo termine, come prendersi cura del benessere dell'ambiente.

Un mondo incerto

Gli esperti concordano almeno su una cosa: il mondo deve affrontare gravi rischi.

Il Global Risk Report di quest'anno, intitolato "An Unsettled World", descrive in copertina una terra vulnerabile all'ombra di un gigantesco vortice.

La fotografia di copertina del Global CEO Survey, che riportava la più bassa fiducia del CEO nella crescita economica dalla Grande Recessione, mostra una marea in arrivo sotto le nuvole scure incombenti, con le parole: "Navigating the Rising Tide of Uncertainty".

Tra le copertine, tuttavia, i rapporti dimostrano un ampio divario tra due gruppi influenti che devono essere sulla stessa pagina se speriamo di risolvere le maggiori minacce del mondo.

Il secolo scorso, nello stesso anno in cui terminò la seconda guerra mondiale, Bertrand Russell proclamò che lo scopo della filosofia era quello di insegnarci "come vivere senza certezza, e tuttavia senza essere paralizzati dall'esitazione".

Nel 21 ° secolo, la filosofia può ricordarci la nostra sfortunata tendenza a lasciare che le priorità economiche paralizzino l'azione su questioni più urgenti.

[ You’re smart and curious about the world. So are The Conversation’s authors and editors. You can read us daily by subscribing to our newsletter. ]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui