In che modo le aziende sotto pressione possono salvare l’Amazzonia dalla distruzione

0
9

L’Amazzonia è di nuovo in fiamme. I tassi di deforestazione sono ai massimi in 13 anni. A giugno, il numero di incendi segnalati è aumentato del 20% rispetto a questo periodo lo scorso anno, quando l’incendio dell’Amazzonia ha dominato i titoli dei giornali globali.

Causata in gran parte dalla combustione per liberare la terra per l’industria della carne bovina, questa distruzione sta portando all’estinzione della fauna selvatica, allo spostamento delle comunità indigene e al rilascio di grandi quantità di gas serra. In Amazzonia e nel mondo, l’altro grande impatto della deforestazione è stato di grande rilievo: la pulizia degli ecosistemi nativi e il contatto più stretto tra gli esseri umani e la fauna selvatica è il principale fattore di rischio per le malattie che passano dagli animali all’uomo ed è probabilmente collegato all’attuale pandemia proprio come prima era collegato all’ebola e all’AIDS. E la foschia tossica prodotta dalla deforestazione e dagli incendi associati rende le persone molto più vulnerabili alle malattie respiratorie come il coronavirus.

Per quanto grave e di impatto radicale sia la crisi della deforestazione in Amazzonia, è anche evitabile. Le lezioni da mezzo mondo di distanza ci mostrano che è possibile trasformare l’industria privata e migliorare la governance per ridurre drasticamente la deforestazione.

Nel sud-est asiatico, la notorietà ambientale dell’industria dell’olio di palma è meritata. In pochi decenni, ha bruciato e demolito più di 30.000 miglia quadrate delle foreste della regione e le ha sostituite con piantagioni di monocoltura per produrre olio vegetale, sapone e biocarburanti a basso costo. Nel cuore della palma da olio in Indonesia e Malesia, puoi volare in un jet per diverse miglia in aria, guardare fuori dal finestrino e vedere nient’altro che palme da olio che si estendono fino all’orizzonte in quello che un tempo era l’habitat degli oranghi e delle tigri . Per molti, questa deforestazione è molto più di una statistica: rappresenta dozzine di comunità indigene espropriate delle loro terre e dei loro mezzi di sussistenza.

L’industria dell’olio di palma ha compiuto progressi sostanziali perché i suoi clienti e finanziatori l’hanno costretta a farlo.

Tuttavia, nonostante le importanti sfide e rischi rimanenti, un’analisi dell’organizzazione no profit Chain Reaction Research mostra che la deforestazione per l’olio di palma è precipitata da un milione di acri all’anno a meno di 250.000 acri in ciascuno degli ultimi tre anni. Anche se è ancora troppo, è un calo notevole. In termini climatici, è come spazzare via l’inquinamento da più di 80 centrali elettriche a carbone. E ci sono molti oranghi, canguri arboricoli e altri animali in via di estinzione che sono vivi oggi grazie a questo progresso.

Tale progresso è possibile in gran parte perché la deforestazione non è necessaria per la crescita dell’agricoltura: ci sono più di un miliardo di acri di terra precedentemente disboscata in tutto il mondo dove è possibile espandere l’agricoltura senza minacciare gli ecosistemi nativi. In effetti, la maggior parte dell’espansione agricola avviene già su queste terre, ed è solo una minoranza di produttori che si espande attraverso la deforestazione.

L’industria dell’olio di palma ha compiuto progressi sostanziali perché i suoi clienti e finanziatori l’hanno obbligata. Le aziende di piantagioni hanno bisogno di clienti e finanziatori internazionali per finanziare le loro operazioni. Di fronte alle intense campagne delle ONG sulla loro complicità nella deforestazione e nelle violazioni dei diritti umani, dozzine di aziende come Unilever e Dunkin ’Donuts hanno adottato politiche che vietavano gli acquisti da fornitori impegnati nella deforestazione per l’olio di palma. Ciò ha creato le basi per l’azione.

Il monitoraggio da parte dell’industria, del governo e delle ONG come la nostra è lo strumento principale per l’applicazione. Ogni mese, ad esempio, la nostra organizzazione, Mighty Earth, utilizza il monitoraggio satellitare e l’analisi della catena di approvvigionamento per monitorare le concessioni di olio di palma in Indonesia e parti della Malesia per la deforestazione, quindi invia avvisi pubblici alle principali società che acquistano olio di palma.

In genere, le aziende agiscono entro due o tre settimane sulle informazioni, interrompendo i contratti o intervenendo con i propri fornitori per fermare la deforestazione. In caso contrario, condividiamo queste informazioni con i loro clienti e finanziatori. Sotto questo controllo, anche le più grandi e famose compagnie di olio di palma sanno che la deforestazione e l’accaparramento di terre sono incompatibili con il mantenimento o l’espansione dell’accesso al mercato.

La produzione di olio di palma senza deforestazione si è diffusa. Mentre ci sono una dozzina circa di aziende che abbiamo monitorato che disboscano più di 2.500 acri – i cattivi attori includono il gruppo Samling della Malesia e il gruppo Mulia Sawit Agro Lestari (MSAL) dell’Indonesia – è una manciata relativa rispetto ai numeri di alcuni anni fa.

In definitiva, questo progresso, sebbene molto incompleto, si basa sul fatto che i clienti e i finanziatori inviano un segnale chiaro: se disboscate per l’olio di palma, siete fuori. Le aziende sanno che pochi clienti vogliono acquistare una saponetta o addentare un biscotto che è collegato alla distruzione della casa di un orango o al furto della terra di una comunità indigena.

La combinazione di azione del settore privato e del governo ha contribuito a un calo significativo della deforestazione in Indonesia e nel 2019 ha raggiunto i livelli più bassi dal 2003, secondo i dati di Global Forest Watch. Il quadro, tuttavia, non è del tutto roseo. Dopo le indicazioni che il governo indonesiano potrebbe aver deviato fondi dalla prevenzione incendi e antincendio come parte della sua risposta Covid-19, gli allarmi antincendio dal laboratorio Global Land Analysis and Discovery (GLAD) presso l’Università del Maryland e le analisi di Greenpeace suggeriscono che illegale la deforestazione nel paese è aumentata quest’anno. Il parlamento indonesiano sta anche valutando un cosiddetto disegno di legge omnibus che smantellerebbe le principali protezioni ambientali sotto la copertura degli sforzi di recupero del Covid-19. Questa legislazione, tra le altre modifiche, eliminerebbe i permessi ambientali obbligatori, eliminerebbe le opzioni legali per le comunità colpite di resistere a nuovi progetti per motivi ambientali e priverebbe le società di responsabilità legale per gli incendi nelle loro aree di concessione. Un’analisi condotta dall’organizzazione no profit della società civile indonesiana Madani, ha rilevato che la legislazione proposta potrebbe rimuovere le protezioni legali per le foreste in molte province dell’Indonesia. Questi sviluppi scoraggianti evidenziano il rischio persistente di un passo indietro, ma non significano che il progresso sia impossibile. In effetti, queste sfide ci ricordano la necessità di una vigilanza e di una pressione continue.

Il sud-est asiatico è solo un esempio del potenziale di questo modello. In Africa, sotto la pressione di campagne simili, la deforestazione in Ghana e Costa d’Avorio è diminuita della metà lo scorso anno, in gran parte perché l’industria del cioccolato ha finalmente iniziato a far rispettare i suoi impegni per smettere di approvvigionarsi di cacao da parchi nazionali e aree protette. L’industria dei pneumatici e della gomma si è unita alla società civile per impegnarsi a compiere progressi simili dove la gomma viene coltivata in tutto il mondo, in particolare nel sud-est asiatico e nell’Africa occidentale. Anche nell’Amazzonia brasiliana, l’industria dei mangimi per animali è rimasta fedele a una moratoria sulla deforestazione per la soia dal 2006 e meno dell’1% della soia nella regione viene ora coltivata su terreni appena deforestati, anche se l’industria stessa si è espansa notevolmente.

Se più aziende portano conseguenze commerciali ai loro fornitori, l’incendio dell’Amazzonia può finire.

Ma indipendentemente dal progresso, semplicemente non riusciremo a gestire la deforestazione o il cambiamento climatico in senso più ampio fino a quando l’industria della carne non cambierà o le persone mangeranno drasticamente meno carne. La carne è di gran lunga il principale fattore di deforestazione, con bovini e mangimi per animali che si combinano per guidare la deforestazione più di tutte le altre materie prime messe insieme. La stragrande maggioranza di questa deforestazione è concentrata in Sud America. L’incapacità del presidente brasiliano Jair Bolsonaro di far rispettare le protezioni ambientali ha esacerbato la negligenza delle grandi aziende di carne.

Quando si tratta di carne, alcune delle stesse aziende che hanno applicato politiche per eliminare la deforestazione e l’abuso dei diritti umani per l’olio di palma, la carta e il cacao si sono rifiutati di farlo quando si tratta del business della carne da trilioni di dollari.

Grandi venditori di carne come Costco, Stop & Shop e Groupe Casino in Francia si sono impegnati ad agire contro la deforestazione. Hanno scritto lettere educate, tenuto riunioni sincere e dichiarato la loro preoccupazione per i fornitori di carne. Ma sollecitare gentilmente non è sufficiente per convincere le grandi aziende di carne a cambiare.

Anche dopo molteplici denunce sulla loro complicità nella deforestazione, negli incendi e nell’accaparramento di terre, i leader dell’industria della carne Cargill e JBS hanno allegramente respinto gli appelli dei loro clienti per il cambiamento e hanno continuato ad acquistare dagli stessi fornitori sorpresi a bruciare. L’anno scorso, Ruth Kimmelshue, responsabile delle operazioni commerciali e della catena di fornitura di Cargill, mi ha detto che la sua azienda non pensava che i loro clienti fossero seriamente interessati alle preoccupazioni ambientali perché, nonostante la loro grafia, continuavano ad acquistare miliardi di dollari in prodotti da Cargill nonostante il suo disco.

Ad esempio, McDonald’s ha promesso di agire contro la deforestazione, ma rimane uno dei maggiori clienti di Cargill. In effetti, McDonald’s agisce essenzialmente come un negozio Cargill. Cargill non fornisce solo pollo e manzo al colosso del fast food. L’azienda in realtà prepara e congela hamburger e McNuggets, li spedisce a McDonald’s, che poi si limita a riscaldarli e servirli. Anche la catena di supermercati Ahold Delhaize, proprietaria di Stop & Shop, Food Lion, Giant, Hannaford e altri marchi, ha espresso il desiderio di agire contro la deforestazione. Tuttavia, nel 2018 ha lanciato una joint venture da 100 milioni di dollari con Cargill per gestire un nuovo impianto di confezionamento della carne di 200.000 piedi quadrati nel Rhode Island per rifornire i negozi statunitensi di Ahold Delhaize; la catena acquista anche centinaia di milioni di dollari di carne da JBS, uno dei maggiori motori aziendali della deforestazione in Brasile.

Ma questa ostinata cecità potrebbe iniziare a cambiare: a dicembre, Nestlé ha annunciato che avrebbe cessato di acquistare semi di soia da Cargill Brasile, sebbene Nestlé fosse apparentemente disposta a continuare a fare affari con Cargill in modo più ampio. E quest’estate, Grieg Seafood ha esplicitamente escluso Cargill da un green bond da 105 milioni di dollari a causa delle preoccupazioni per la deforestazione dell’azienda. Se più aziende portano conseguenze commerciali ai propri fornitori, la crisi evitabile di un’Amazzonia in fiamme potrebbe diventare un ricordo del passato. Come dimostra l’esperienza in altri settori, l’agrobusiness semplicemente non può permettersi di deforestare se i suoi clienti non glielo permettono.

È passato un anno da quando l’incendio dell’Amazzonia ha fatto notizia a livello mondiale e i grandi marchi hanno affermato di essere impegnati a eliminare la deforestazione per almeno un decennio. Ma si sono limitati a educate espressioni di preoccupazione invece che ad azioni efficaci, e sappiamo che i deforestatori continueranno a fare affari come al solito fintanto che i loro affari abituali rimangono redditizi.

Per gli indigeni dell’Amazzonia, una doppia minaccia: il grande petrolio e il virus. Leggi di più.

Per porre fine alla distruzione, quindi, dobbiamo rendere la distruzione non redditizia. Come per l’olio di palma, il punto debole dei disboscatori sono i loro clienti: supermercati e fornitori con un presunto impegno per la sostenibilità e una reputazione da mantenere con i loro clienti. È improbabile che l’acquirente medio abbia mai sentito parlare di Cargill, ma sceglie in quale negozio di alimentari fare acquisti. Negozi come Costco o Ahold Delhaize fanno affidamento sulla fiducia dei loro clienti e non vogliono associare i loro nomi alla distruzione dell’Amazzonia. Quindi, o per una sincera dedizione o per la crescente pressione delle ONG e dei loro stessi clienti, devono abbandonare la gentile sollecitazione e iniziare a cancellare i contratti. Quando queste attività cambieranno, avremo compiuto un ulteriore passo verso una più ampia trasformazione del settore.