In che modo lo stravolgimento dell'amministrazione Trump ha fatto deragliare i grandi progetti del gasdotto

0
56

All'inizio del 2014, gli ingegneri di Dominion Energy hanno impiegato solo una settimana per mappare l'intero percorso del gasdotto della costa atlantica di 600 miglia. Hanno studiato il terreno fisico, cercando il percorso più efficiente per inviare 1,5 miliardi di piedi cubi di gas naturale al giorno dai campi di Marcellus Shale in West Virginia ai mercati nella Virginia orientale e nella Carolina del Nord.

Ciò di cui gli ingegneri e i dirigenti di Dominion e Duke Energy, l'altra gigantesca azienda di servizi pubblici che supporta il progetto, non hanno tenuto conto, era quanto si sarebbe rivelato difficile il terreno umano, politico, geografico ed economico.

All'inizio di questo mese, dopo sei anni, dozzine di sfide legali e diversi miliardi di dollari spesi senza che nessun tubo fosse interrato, Dominion e Duke hanno finalmente abbandonato il controverso progetto. In una dichiarazione congiunta che annunciava la cancellazione dell'oleodotto della costa atlantica, Dominion e Duke hanno effettivamente riconosciuto che quelle sfide legali avevano ritardato con successo il progetto al punto che versare più denaro in esso era diventato insostenibile. "Questo annuncio riflette la crescente incertezza giuridica che sovrasta lo sviluppo di infrastrutture energetiche e industriali su larga scala negli Stati Uniti", si legge.

"Uno dei nostri enormi vantaggi tattici era che l'amministrazione stava lavorando per questi gasdotti", afferma un avversario del progetto.

In effetti, nelle ultime settimane, diversi importanti progetti di oleodotti e gasdotti, tra cui i controversi gasdotti Keystone XL e Dakota Access, hanno colpito barriere legali e normative. Analisti energetici, attivisti e avvocati che hanno lavorato contro queste iniziative affermano che tre fattori hanno giocato un ruolo nella loro scomparsa o ritardo. Il primo è stato lo zelo dell'amministrazione Trump nel promuovere nuove infrastrutture per i combustibili fossili, che ha portato ad approvazioni federali affrettate che hanno lasciato grandi vulnerabilità legali da sfruttare per gli oppositori. Il secondo era una pianificazione del percorso troppo sicura e sciatta da parte degli sviluppatori di gasdotti, alimentata dal sostegno incondizionato da Washington e da una storia di regolatori statali conformi. E il terzo è stato il cambiamento dei venti politici che hanno lasciato alcuni stati ad abbracciare obiettivi di decarbonizzazione più aggressivi, minando la fattibilità economica a lungo termine delle condutture che avrebbero bloccato grandi quantità di emissioni di riscaldamento del pianeta per i decenni a venire.

Un giorno dopo l'annullamento dell'oleodotto della costa atlantica, il 5 luglio, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che la costruzione dell'oleodotto Keystone XL – che alla fine avrebbe portato petrolio dall'Alberta, in Canada alle raffinerie statunitensi fino al Texas – non poteva continuare fino a quando non fosse stata eseguita un'ulteriore revisione ambientale. condotto. La Corte Suprema ha citato le preoccupazioni della corte inferiore che il Corpo degli Ingegneri dell'Esercito degli Stati Uniti non sia riuscito a esaminare adeguatamente come il gasdotto avrebbe influenzato le specie in via di estinzione nei fiumi che avrebbe attraversato.

Lo stesso giorno, il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto di Columbia ha ordinato la chiusura del gasdotto Dakota Access – che la Standing Rock Sioux Tribe, insieme ad altri gruppi indigeni e attivisti per il clima, sta combattendo da quando è stato costruito nel 2016 – essere chiuso e svuotato dal petrolio entro il 5 agosto. Il giudice ha concluso allo stesso modo che il Corpo degli Ingegneri non era riuscito a valutare adeguatamente i suoi impatti ambientali come richiesto dal National Environmental Policy Act.

Veterani militari si uniscono agli attivisti indigeni ai margini della riserva di Standing Rock Sioux nel Nord Dakota nel 2016 per protestare contro il Dakota Access Pipeline lungo 1.172 miglia.
Foto di Scott Olson / Getty Images

Nel caso dell'Atlantic Coast Pipeline, Duke e Dominion Energy non avevano ancora otto permessi necessari. I giudici federali avevano anche ripetutamente riscontrato che, nel rilascio delle approvazioni, agenzie come il servizio forestale statunitense e il servizio Fish and Wildlife avevano condotto revisioni imperfette o inadeguate dei rischi ambientali e di altro tipo.

Nell'annunciare l'abbandono del progetto, Duke and Dominion ha citato specificamente una recente sentenza di un giudice federale del Montana che ha rifiutato un permesso chiave del Corpo degli ingegneri dell'esercito che era stato utilizzato per fornire un'autorizzazione generale – più di 37.000 volte dal 2017 – sotto il Clean Water Act per oleodotti e gasdotti per attraversare zone umide e corpi idrici.

"Uno dei nostri enormi vantaggi tattici era che l'amministrazione stava lavorando per questi gasdotti", ha detto D.J. Gerken, l'avvocato senior che ha guidato le attività di contenzioso del Southern Environmental Law Center contro il gasdotto della costa atlantica. "Quando i maestri politici ignorano gli esperti, è a questo che servono i tribunali. Ecco perché abbiamo un controllo giudiziario. Questa era la storia in ognuno di questi casi. Abbiamo portato il verbale in tribunale e abbiamo mostrato loro che non si trattava di un'agenzia che applicava la legge in buona fede ".

Fuzzy Math: la strategia dietro la spinta alla deregolamentazione dell'EPA di Trump. Leggi di più.

Quando l'amministrazione Trump si è insediata nel 2017 e ha iniziato a spingere in modo aggressivo la sua deregolamentazione e l'agenda delle infrastrutture per i combustibili fossili, alcuni dipendenti del servizio forestale degli Stati Uniti e altre agenzie si sono sentiti sotto pressione per accelerare le revisioni dei progetti di gasdotti. Nel caso del gasdotto della costa atlantica, ciò significava minimizzare l'impatto del gasdotto sulle specie protette e il pericolo che la sua costruzione rappresentava per i pendii ripidi e soggetti a frane. L'ironia è che questo rapido monitoraggio è esattamente ciò che ha creato le aperture per le linee di attacco legale che hanno condannato ACP e altri importanti gasdotti.

Il crescente e diversificato movimento sociale per affrontare il cambiamento climatico ha contribuito a uccidere il progetto.

"Le aziende pensavano che fosse Natale, ma in realtà è stato un disastro per loro", ha detto Gerken, riferendosi all'avvento del controllo amministrativo di Trump sulle agenzie di autorizzazione. "Il [administration was] licenziare, retrocedere o mettere da parte chiunque in queste agenzie abbia esaminato i fatti. Le persone che hanno sottolineato che questo era il posto peggiore al mondo per costruire un gasdotto sono state spinte da parte. È stato detto loro di ignorare la legge ".

In effetti, un anno fa, la Corte d'Appello del Quarto Circuito degli Stati Uniti a Richmond ha esaminato il caso dell'Atlantic Coast Pipeline e ha osservato che, "nel seguire rapidamente le sue decisioni, l'agenzia [U.S. Fish & Wildlife] sembra aver perso di vista il suo mandato ai sensi del [Endangered Species Act]. "

Anche gli oppositori dell'Atlantic Coast Pipeline hanno beneficiato di un recente spostamento del potere politico in Virginia. L'anno scorso, i democratici hanno preso il controllo della legislatura statale della Virginia. A marzo, lo stato ha approvato una nuova legge, il Clean Economy Act, che include un mandato che prevede che Dominion Energy fornisca elettricità al 100% priva di emissioni di carbonio ai propri clienti entro il 2045. In una successiva dichiarazione alle autorità di regolamentazione statale, Dominion ha dichiarato che i requisiti della legge significavano che "la costruzione significativa di impianti di generazione di gas naturale non è attualmente fattibile".

CLICCA SULLA MAPPA PER INGRANDIRE. Il percorso proposto di 600 miglia del gasdotto della costa atlantica.
Dominion Energy

Gli oppositori del gasdotto hanno colto questo come tacita ammissione che la logica centrale del gasdotto – le proiezioni del Dominion sull'aumento della futura domanda di gas naturale nella regione – era stata demolita.

"Non possiamo sottovalutare l'importanza sia dell'opposizione di base che dell'importanza del Virginia Clean Energy Act", ha affermato Greg Buppert, un avvocato senior presso il Southern Environmental Law Center e l'architetto della strategia legale del gruppo contro l'ACP sul negli ultimi sei anni. "C'era una serie di prove convincenti e crescenti che qui non c'è domanda" per il gas del gasdotto. "Se c'era qualche dubbio sulla domanda, quella legislazione lo risolve".

David Pomerantz, direttore esecutivo dell'Energy and Policy Institute, un gruppo di controllo sul clima e sui combustibili fossili senza scopo di lucro, ha affermato che le crescenti preoccupazioni sul riscaldamento globale da parte dei responsabili politici e degli investitori hanno svolto un ruolo importante nella sconfitta del gasdotto della costa atlantica. "Se stai cercando di trovare una grande teoria unificante che racchiuda bene tutte le cose che hanno ucciso l'ACP, potresti fare molto di peggio che dire che è stato il movimento sociale sempre più diversificato e ampio per affrontare il cambiamento climatico", ha detto Pomerantz . “L'oleodotto è sempre stato un castello di carte. Molte persone sottolineavano tutti i modi in cui la casa era fragile. E quando alcune di quelle carte importanti hanno iniziato a essere abbattute, la logica per andare avanti con il gasdotto è diventata totalmente insostenibile ".

Dan Brouillette, Segretario all'Energia dell'amministrazione Trump, ha avuto un riassunto più schietto di ciò che ha inferto il colpo fatale al progetto: "La lobby ambientalista ben finanziata e ostruzionista ha ucciso con successo l'oleodotto della costa atlantica".

Fin dall'inizio, l'oleodotto della costa atlantica ha suscitato opposizione tra le diverse comunità nel suo percorso proposto, da Union Hill, Virginia, un insediamento fondato da Freedmen e Freedwomen emancipati dopo la guerra civile, dove Dominion ha cercato di costruire una stazione di compressione da 54.000 cavalli; alle terre di proprietà dei membri della tribù Lumbee della contea rurale di Robeson, nella Carolina del Nord; agli ambientalisti e ai sostenitori dell'Appalachian Trail di 2.190 miglia, che il gasdotto avrebbe attraversato.

Le squadre di lavoro hanno abbattuto alberi per ripulire il percorso dell'oleodotto della costa atlantica a Wintergreen, in Virginia, nel 2018.
Jay Westcott / The News & Advance tramite AP

Un difetto fatale dell'ACP, hanno affermato questi oppositori, è stato il percorso stesso e la fretta con cui i sostenitori dell'ACP e le agenzie federali e statali hanno cercato di concedergli l'approvazione. Il gasdotto avrebbe attraversato dozzine di corsi d'acqua e ripidi fianchi delle montagne e alla fine avrebbe scavato tunnel non solo sotto l'Appalachian Trail ma anche l'ampio fiume James.

"Se c'è un problema generale che ha portato a fondamento questo progetto, sono stati i problemi autoinflitti che sono iniziati proprio all'inizio" con l'incurante pianificazione del percorso del gasdotto, ha detto Buppert.

Doug Wellman, professore in pensione e residente nella contea di Nelson, un'area rurale della Virginia centrale che ospita circa 15.000 persone annidate nelle cavità, nei fondi dei fiumi e nei pendii boscosi delle Blue Ridge Mountains e delle sue colline, ha ricordato una riunione di informazione pubblica con gli ingegneri di Dominion. "Abbiamo visto questa linea che avevano tracciato attraverso i pendii ripidi e attraverso i fiumi, e abbiamo chiesto loro: 'Cosa farai quando incontrerai problemi?'", Ha detto Wellman. "Hanno detto, 'Pensa a un pezzo di spaghetti bagnati. Lo spieghiamo in modo chiaro, tu capisci quali sono i problemi e poi lo muoviamo. '"

Quel percorso, con il suo diritto di precedenza largo 125 piedi, sarebbe stato "dimenato" centinaia di volte, subendo molti piccoli aggiustamenti. Ma la sua spinta centrale è rimasta la stessa, tagliando attraverso la George Washington National Forest, i pendii boscosi più ripidi tra le montagne Allegheny e Blue Ridge, e attraverso la proprietà di molti proprietari terrieri privati. La prospettiva di un tubo largo 42 pollici che trasporta gas naturale ad alta pressione attraverso le loro foreste, fattorie e cortili ha galvanizzato un'improbabile sezione trasversale della comunità: libertari e funzionari locali, ambientalisti interessati al clima, agricoltori, pastori della chiesa e proprietari di birrerie , e cittadini comuni – a diventare attivisti e organizzatori. Alcuni sono preoccupati per il rischio di rotture ed esplosioni. Alcuni si sono preoccupati di come potenziali perdite di gasdotti avrebbero influenzato la qualità dell'acqua locale. E molti conservatori residenti di Nelson si sono opposti all'ACP con rabbia contro l'uso da parte del Dominion di un dominio eminente per garantire servitù su terreni privati ​​lungo il percorso.

Nel 2019, gli analisti degli investimenti hanno concluso che l'oleodotto della costa atlantica era condannato, date tutte le sfide legali che doveva affrontare.

Mentre le battaglie legali rallentavano i tempi del progetto e il Clean Economy Act della Virgina gettava una nuova ombra sul caso della domanda per il progetto, gli investitori stavano diventando irrequieti con Dominion e Duke. Quando la domanda ACP è stata depositata presso la Federal Energy Regulatory Commission nel 2015, le società prevedevano di riempire il gasdotto entro la fine del 2018, per un costo totale di circa 5 miliardi di dollari. All'inizio di quest'anno, hanno posticipato la data di entrata in servizio all'inizio del 2022 e hanno rivisto il prezzo intero al rialzo a oltre $ 8 miliardi.

Alla fine del 2019, gli analisti della banca d'investimento Morgan Stanley hanno concluso che l'ACP era condannato, date tutte le sfide legali che doveva affrontare. Quella crescente diffidenza da Wall Street potrebbe aver spinto Dominion e Duke verso la cancellazione a sorpresa, avvenuta dopo che la Corte Suprema degli Stati Uniti aveva stabilito a giugno che il gasdotto poteva legalmente scavare un tunnel sotto l'Appalachian Trail.

Molti proprietari terrieri lungo il percorso del gasdotto erano giubilanti per la notizia della conclusione del progetto. Wisteria Johnson – la cui famiglia allargata di origini cherokee, afroamericane ed europee ha vissuto nella contea orientale di Nelson da sette generazioni – era tra coloro che festeggiavano.

Con il crollo dell'industria petrolifera, i lavoratori delle sabbie bituminose guardano alle rinnovabili per lavoro. Leggi di più.

"C'è molta pace qui", ha detto Johnson. “Mettere qui il gasdotto l'avrebbe tolto. Tutte queste cose che hanno sostenuto le montagne, i ruscelli e le persone nel corso delle generazioni possono rimanere intatte, fino a quando non ci sarà un'altra minaccia. Per ora, respiriamo facilmente. "

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui