In che modo 'Net-Zero' mira a mascherare l'inattività climatica

91

Il Giappone lo sta facendo. La Cina lo sta facendo. Shell Oil lo sta persino facendo. Promettono tutti di essere carbon neutral o net-zero entro il 2050 (la Cina dice il 2060 e promette "Peak Carbon" entro il 2030). Ma cosa stanno effettivamente promettendo e cosa stanno effettivamente facendo? Secondo un nuovo briefing di sei organizzazioni per la giustizia climatica, abilmente intitolato "NOT ZERO: come gli obiettivi dello" zero netto "mascherano l'inazione climatica", la risposta non è molto.

Responsabilità aziendale et al.

Il rapporto rileva che, lungi dal significare ambizione climatica, la frase "zero netto" viene utilizzata dalla maggior parte dei governi e delle società inquinanti per eludere la responsabilità, spostare gli oneri, mascherare l'inazione climatica e in alcuni casi persino per aumentare l'estrazione di combustibili fossili , combustione ed emissioni. Il termine è usato per rendere più verde il business-as-usual o anche business-more-than-usual. Al centro di questi impegni ci sono obiettivi piccoli e distanti che non richiedono alcuna azione per decenni e promesse di tecnologie che difficilmente funzioneranno mai su larga scala e che potrebbero causare enormi danni se dovessero avverarsi.

Responsabilità aziendale et al.

Rachel Ross Jackson, direttrice della ricerca sul clima e della politica per Corporate Accountability, una delle sei organizzazioni per il clima (mostrate sopra) coinvolte nel briefing, dice a Treehugger che il suo gruppo ha "sfidato le multinazionali per quarant'anni".

"Corporate Accountability ha condotto una massiccia campagna negli spazi di elaborazione delle politiche internazionali per cacciare i grandi inquinatori perché le grandi aziende usano il loro accesso e la loro influenza in quegli spazi per minare l'azione, per promuovere false soluzioni, e ora, eccoci qui, decenni dopo, di fronte all'ambiente e collasso sociale ".

Collettivamente hanno decenni di esperienza nelle battaglie con grandi inquinatori. Ha detto che i paesi ricchi del nord, in particolare, stanno proponendo schemi di piantagione nel sud che stanno spostando i residenti locali e utilizzando le risorse locali; invece, abbiamo bisogno di giustizia ed equità climatiche globali. "Dobbiamo smettere di inquinare e dobbiamo smettere di estrarre".

Affermano che lo zero netto è "una facciata per eludere la responsabilità", osservando (come abbiamo fatto nelle discussioni sullo zero netto per gli edifici) che "emissioni zero netto" non significa "emissioni zero" e non dovrebbe essere "accettato a valore nominale. " Che non c'è abbastanza terra sul pianeta per fare questo con le piantagioni di alberi, che piantare alberi nel sud per compensare le emissioni nel nord è una forma di "colonialismo del carbonio" e che il 2050 o il 2060 è troppo tardi. "Invece di fare affidamento su tecnologie future e accaparramenti dannosi di terre, abbiamo bisogno di piani climatici che riducano radicalmente le emissioni a Real Zero".

Come ha notato l'organismo delle Nazioni Unite, l'International Panel on Climate Change (IPCC), abbiamo solo fino al 2030 circa per ridurre le nostre emissioni quasi della metà se vogliamo avere una possibilità di mantenere l'aumento della temperatura a meno di 1,5 C. Eppure paesi come il Canada stanno approvando gli oleodotti fintanto che promettono di essere a impatto zero entro il 2050. Cosa significa questo? Ci siamo lamentati per anni della "matematica confusa" sugli edifici a zero rete, e sembra che lo stesso valga per i paesi.

Responsabilità aziendale et al.

Non tirano pugni nel briefing di Not Zero, notando che è molto più facile trovare zero quando si inizia con zero o dieci tonnellate rispetto a quando si cerca di seppellirne cento.

Net Out of Jail Gratuito

"La nostra capacità di rimuovere permanentemente la CO2 dall'atmosfera è limitata. È pericoloso presumere che possiamo continuare a rilasciare grandi quantità di gas serra nell'atmosfera e che la Terra avrà una capacità tecnologica o ecologica sufficiente per assorbire tutti i gas serra rilasciati sotto piani "net zero" di tutti i paesi e le aziende. Invece di sperare di rimuovere o eliminare i gas serra, gli obiettivi climatici devono concentrarsi sul portare la quantità di gas serra prodotta il più vicino possibile allo zero e ridurre al minimo la quantità totale di gas serra aggiunti all'atmosfera. "

Il briefing chiama abilmente tutto ciò una "carta senza rete fuori prigione" che viene utilizzata per evitare o ritardare la riduzione del tutto delle emissioni.

Molti paesi stanno anche parlando di massicci schemi di cattura diretta dell'aria per estrarre la CO2 dall'atmosfera o piantare alberi per bruciarli e poi catturarli, nessuno dei quali è stato dimostrato su nessuna scala. Invece, il briefing richiede un'azione immediata, "soluzioni reali con obiettivi reali", notando che queste esistono ora. Alcuni esempi che non riguardano le reti:

  • Passaggio a sistemi di energia rinnovabile al 100% controllati democraticamente, creazione di nuovi posti di lavoro e protezione dei lavoratori.
  • Passare dall'agricoltura industriale alle pratiche agroecologiche, ponendo fine ai sussidi perversi e all'uso di fertilizzanti artificiali.
  • Investire in infrastrutture per il trasporto pubblico di massa elettrico che è gratuito o fortemente sovvenzionato, oltre a rendere le città meno dipendenti dalle auto e più bike-friendly.
  • Investire pubblicamente nella ristrutturazione di edifici vecchi e inefficienti e garantire sistemi di riscaldamento e raffreddamento efficienti in tutti i nuovi edifici e case, attraverso politiche pubbliche che li rendano accessibili a tutti.

Queste sono solo alcune delle due pagine di raccomandazioni riguardanti comportamento, energie rinnovabili, combustibili fossili, istruzione, cibo, alloggi e trasporti. (Scaricali tutti qui.) È molto più difficile che promettere zero netto tra 30 anni, ma l'unico modo per risolvere veramente questo problema è ridurre drasticamente le nostre emissioni e farlo senza rete.

"Annunciare semplicemente un obiettivo 'zero netto entro il 2050' non è sufficiente per mostrare un piano serio per l'azione per il clima. Piuttosto, in particolare se fatto da corporazioni e paesi del Nord del mondo, è una proclamazione pubblica di un fallimento non etico e irresponsabile di agire. Se dobbiamo avere la possibilità di evitare un crollo climatico incontrollato, abbiamo bisogno di obiettivi che richiedono un'azione reale e che impieghino soluzioni reali per portarci allo zero reale, in modo equo e veloce ".

Noi di Treehugger non abbiamo mai avuto molto tempo per gli edifici a zero rete quando sappiamo come costruire strutture che non utilizzano quasi energia ed emettono quasi nessuna emissione di carbonio senza una rete. In realtà, è lo stesso con i paesi; niente più "carte prive di rete".