In che modo sostanze chimiche come PFAS possono aumentare il rischio di COVID-19 grave

0
32

Quasi un anno prima che emergesse il nuovo coronavirus, il dottor Leonardo Trasande ha pubblicato "Sicker, Fatter, Poorer", un libro sulle connessioni tra gli inquinanti ambientali e molte delle più comuni malattie croniche. Il libro descrive decenni di ricerca scientifica che mostrano come le sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino, presenti nella nostra vita quotidiana e ora presenti in quasi tutte le persone, interferiscono con gli ormoni naturali nel nostro corpo. Il titolo riassume le conseguenze: i prodotti chimici nell'ambiente stanno rendendo le persone più malate, più grasse e più povere.

Man mano che apprendiamo di più sul nuovo coronavirus e COVID-19, la ricerca sta rivelando brutte realtà sugli effetti sociali e ambientali sulla salute, incluso come le stesse malattie croniche associate all'esposizione a composti che alterano il sistema endocrino aumentano anche il rischio di sviluppare COVID-19 grave .

Negli Stati Uniti e all'estero, l'epidemia di malattie croniche già in corso all'inizio del 2020 ha portato la popolazione ad entrare nella pandemia di coronavirus in uno stato di salute ridotta. Stanno ora emergendo prove del ruolo che la qualità ambientale gioca nella suscettibilità delle persone al COVID-19 e nel loro rischio di morire a causa di esso.

Perché gli interferenti endocrini sono un problema

I composti che alterano il sistema endocrino, o EDC, sono un ampio gruppo di sostanze chimiche che possono interferire con gli ormoni naturali nel corpo delle persone in modi che danneggiano la salute umana. Includono sostanze perfluoroalchiliche e polifluoroalchiliche, meglio note come PFAS, ritardanti di fiamma, plastificanti, pesticidi, prodotti antimicrobici e fragranze, tra gli altri.

Queste sostanze chimiche sono pervasive nella vita moderna. Si trovano in una vasta gamma di beni di consumo, imballaggi alimentari, prodotti per la cura personale, cosmetici, processi industriali e ambienti agricoli. Gli EDC si fanno quindi strada nella nostra aria, acqua, suolo e cibo.

Pennsylvania Department of Environmental Protection

La ricerca ha dimostrato che le persone che sono esposte agli EDC hanno maggiori probabilità di altre di sviluppare disturbi metabolici, come obesità, diabete di tipo 2 e colesterolo alto, e tendono ad avere una salute cardiovascolare peggiore.

Gli EDC possono anche interferire con la normale funzione del sistema immunitario, che svolge un ruolo fondamentale nella lotta alle infezioni. La scarsa funzione immunitaria contribuisce anche a problemi polmonari come l'asma e la malattia polmonare ostruttiva cronica; malattie autoimmuni come l'artrite reumatoide e il morbo di Crohn; e disturbi metabolici. Molti EDC sono anche associati a diversi tipi di cancro.

Gli EDC possono imitare gli ormoni umani

Gli EDC influenzano la salute umana imitando i nostri ormoni naturali.

Gli ormoni sono segnali chimici che le nostre cellule usano per comunicare tra loro. Potresti avere familiarità con gli ormoni riproduttivi – testosterone ed estrogeni – che aiutano a distinguere la fisiologia e la riproduzione maschile e femminile. Tuttavia, gli ormoni sono responsabili del mantenimento di praticamente tutte le funzioni corporee essenziali, compreso il metabolismo e la pressione sanguigna sana, la glicemia e l'infiammazione.

La forma o la struttura chimica degli EDC assomiglia agli ormoni in modi che inducono il corpo a interpretare erroneamente un EDC per un segnale naturale da un ormone.

Un confronto tra le strutture dell'estradiolo (a sinistra), un ormone sessuale femminile e del BPA (a destra), un interferente endocrino che si trova nella plastica spesso utilizzata nei contenitori per la conservazione di cibi e bevande.
Wikimedia

Poiché il corpo umano è molto sensibile agli ormoni, sono necessarie solo piccole quantità di ormoni per trasmettere il segnale desiderato. Pertanto, esposizioni molto piccole agli EDC possono avere effetti negativi drammatici sulla salute delle persone.

[The Conversation’s newsletter explains what’s going on with the coronavirus pandemic. Subscribe now.]

Qualità ambientale e COVID-19

I ricercatori stanno appena iniziando a dipingere un quadro di come la qualità ambientale contribuisca alla suscettibilità al COVID-19, e c'è ancora molto che non sappiamo. Tuttavia, gli scienziati sospettano che gli EDC possano svolgere un ruolo sulla base di chiare prove scientifiche che gli EDC aumentano il rischio delle persone di sviluppare malattie croniche che mettono le persone a maggior rischio di COVID-19.

Le organizzazioni di sanità pubblica come i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie e l'Organizzazione mondiale della sanità riconoscono ufficialmente le condizioni di salute sottostanti – tra cui obesità, diabete, ipertensione, malattie cardiovascolari, immunosoppressione, malattie respiratorie croniche e cancro – come fattori di rischio per malattie critiche e mortalità di COVID-19.

Le prove scientifiche dimostrano che l'esposizione all'EDC aumenta il rischio delle persone di sviluppare tutte queste condizioni. Gli scienziati stanno pensando a queste connessioni e sono in corso sforzi di ricerca per rispondere ad altre domande su come gli EDC potrebbero influenzare la pandemia.

Inquinamento atmosferico e altri rischi ambientali

Oltre agli EDC, è probabile che anche altre condizioni ambientali abbiano un ruolo nella pandemia COVID-19. Ad esempio, più studi hanno riportato un aumento del rischio di malattia e morte da COVID-19. I risultati sono coerenti con quelli riportati in Cina dopo l'epidemia di SARS nel 2002-2003.

Prove recenti mostrano anche che l'infezione da COVID-19 può portare a condizioni di salute persistenti, inclusi danni al cuore. Le condizioni ambientali come le ondate di calore sono particolarmente pericolose per le persone con malattie cardiache o danni cardiaci. In luoghi come la California che stanno attualmente sperimentando incendi e ondate di calore, possiamo vedere chiaramente come più condizioni ambientali possono combinarsi per aumentare ulteriormente il rischio di morte associato a COVID-19.

Negli Stati Uniti, normative come il Clean Water Act e il Clean Air Act hanno migliorato la qualità ambientale e la salute umana dagli anni '70. Tuttavia, l'amministrazione Trump ha cercato di indebolirli.

Negli ultimi tre anni e mezzo, circa 35 norme e regolamenti ambientali relativi alla qualità dell'aria o sostanze tossiche come gli EDC sono stati ritirati o sono in procinto di essere rimossi, nonostante prove inequivocabili che dimostrino come la scarsa qualità ambientale danneggi la salute umana. Consentire un maggiore inquinamento minaccia di esacerbare la tendenza verso un'America più malata, più grassa e più povera in un momento in cui la salute generale delle persone è necessaria per la nostra resilienza collettiva al COVID-19 e alle future sfide sanitarie globali.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui