In mare e in tribunale, la lotta per salvare le balene franche si intensifica

0
65

Artie Raslich fa volontariato da sette anni con il gruppo di conservazione Gotham Whale, lavorando sulla American Princess, una barca per l'osservazione delle balene con sede a Sheepshead Bay, Brooklyn. In quel periodo Raslich, un fotografo professionista, ha intravisto una balena franca del Nord Atlantico, il cetaceo più raro al mondo, solo due volte. La prima volta è stata una giornata insolitamente calda di dicembre del 2016, quando è riuscito a scattare una straordinaria immagine della coda scura di una balena franca sullo sfondo dello skyline di New York City. "È stato uno scatto bellissimo", dice Raslich, orgoglioso. Il secondo è stato solo poche settimane fa, all'inizio di ottobre, a circa 3 miglia a est di Sea Bright, nel New Jersey.

Sfortunatamente, entrambe le balene avevano subito un destino sempre più comune: erano impigliate nelle corde da pesca e rischiavano di morire.

La balena franca del Nord Atlantico è una delle specie più a rischio di estinzione del pianeta. Gli scienziati hanno annunciato il mese scorso che sono rimasti solo circa 360 animali, in calo di circa 50 rispetto all'indagine dell'anno precedente. Vivono lungo la costa orientale, dal nord della Florida al Canada, dove i leviatani lunghi 50 piedi e 140.000 libbre devono navigare attraverso milioni di lenze da pesca commerciali – principalmente trappole per aragoste – e uno dei canali di navigazione più affollati del mondo. Troppo spesso si aggrovigliano in quelle linee o vengono colpiti da una nave. La lotta per salvarli, guidata da biologi e gruppi di conservazione, è diventata urgente – in acqua e nei tribunali.

Gli scienziati stanno utilizzando una tecnologia acustica all'avanguardia per monitorare le balene franche e identificare dove entrano in contatto con navi e lenze da pesca; squadre di soccorso negli Stati Uniti e in Canada si stanno affrettando a districare gli animali quando vengono individuati; e i sostenitori dell'ambiente stanno facendo notevoli progressi facendo causa alle agenzie statali e federali per far rispettare le disposizioni dell'Endangered Species Act (ESA) e della Marine Mammal Protection Act, che sono state scritte per proteggere le balene dalle industrie estrattive come la pesca delle aragoste.

"Se non facciamo nulla, questa specie sarà funzionalmente estinta in 25 anni", dice un esperto.

"I prossimi cinque anni sono critici", afferma Sarah Sharp, veterinaria del Fondo internazionale per il benessere degli animali. "Se non facciamo nulla, questa specie sarà funzionalmente estinta in 25 anni."

Storicamente, ben 21.000 balene franche del Nord Atlantico vivevano al largo della costa orientale degli Stati Uniti e del Canada. Ma all'inizio del 1890, la balena franca, così chiamata perché i balenieri commerciali la consideravano "la balena franca da uccidere" – relativamente lenta, facilmente visibile dalla costa e piena di grasso in modo che le loro carcasse galleggiassero – erano sull'orlo dell'estinzione .

La caccia alle balene è stata vietata negli Stati Uniti nel 1972, ma gli esseri umani rimangono la più grande minaccia per la balena franca. Solo nel Maine, le creature devono attraversare circa 400.000 linee di boe verticali attaccate a circa 3 milioni di trappole per aragoste autorizzate.

Le boe possono essere alloggiate nei loro fanoni, il sistema di alimentazione del filtro all'interno delle loro bocche. Mentre gli animali rotolano e girano, cercando di liberarsi, le corde si avvolgono intorno ai loro corpi. Le linee tagliano profondamente, segando l'osso e amputando lentamente le pinne o le code. "È una morte lenta e dolorosa", afferma Sofie Van Parijs, scienziata della National Oceanic and Atmospheric Administration.

Una volta che una balena rimane impigliata, può continuare a raccogliere altri attrezzi, comprese trappole per aragoste e vasi per granchi, mentre si muove attraverso la colonna d'acqua, un effetto palla di neve con conseguenze mortali. Anche se l'attrezzatura non annega la balena, trasportare un tale peso extra può indebolire l'animale e interferire con la sua capacità di nutrirsi e riprodursi.

Una balena franca del Nord Atlantico aggrovigliata in attrezzi da pesca al largo della costa di Daytona Beach, in Florida.
NOAA

Gli scienziati hanno documentato più di 1.500 balene franche impigliate dal 1980. In effetti, le stime suggeriscono che quasi il 90 per cento della popolazione sopravvissuta è rimasta impigliata almeno una volta e più della metà è stata catturata due volte.

Charles "Stormy" Mayo, co-fondatore del Center for Coastal Studies a Provincetown, Massachusetts, ha sviluppato alcune delle tecniche utilizzate per rimuovere le balene dagli attrezzi da pesca, inclusa la distribuzione di grandi galleggianti per rallentare gli animali e impedire loro di immergersi mentre i soccorritori si appoggiano dalle loro barche e liberate le balene. È un lavoro pericoloso. Nel luglio 2017, un pescatore che faceva volontariato in una squadra di salvataggio di balene in Canada è stato schiacciato a morte dalla coda dell'animale. Tali sforzi di salvataggio hanno salvato dozzine di balene, dice Mayo, “ma il districarsi non è la risposta per salvare la specie. La risposta è tenere le balene lontane dagli attrezzi da pesca e dall'essere colpite dalle navi ".

Gli scienziati che cercano di individuare meglio dove le balene franche incontrano gli attrezzi da pesca e le navi utilizzano la tecnologia acustica subacquea per registrare i gemiti, i grugniti e i rutti caratteristici delle balene. Gli idrofoni montati sul fondo dell'oceano raccolgono dati sui loro movimenti, mentre gli alianti subacquei autonomi trasmettono le loro chiamate quasi in tempo reale, fornendo l'opportunità di avvisare i marinai di rallentare quando le balene si trovano nell'area.

In che modo l'inquinamento acustico degli oceani distrugge la vita marina. Leggi di più.

Peter Corkeron, che guida il team di ricerca sulle balene presso l'Anderson Cabot Center for Ocean Life del New England Aquarium, afferma che gli studi sull'acustica hanno rivelato un'importante scoperta: le balene franche del Nord Atlantico, che storicamente trascorrono le estati nel Golfo del Maine e nella Baia di Fundy, si stanno avventurando sempre più a nord verso il Golfo di San Lorenzo, un cambiamento probabilmente alimentato dal cambiamento climatico. "Il Golfo del Maine è come una gigantesca vasca da bagno che si riempie di acqua calda", dice Corkeron, rendendolo meno abitabile per la vita marina, compreso il fitoplancton che mangiano le balene franche. "Le balene stanno seguendo il loro cibo nel Golfo di San Lorenzo", dice, "e non sta funzionando così bene per le balene".

Si ritiene che rimangano solo 94 femmine riproduttrici e quelle femmine stanno avendo meno vitelli.

Dal momento che le balene non frequentavano storicamente il Golfo, esistevano poche misure per proteggerle prima del 2017. Fu allora che le morti di balene improvvisamente salirono alle stelle, in quello che gli scienziati chiamano un "evento di mortalità di massa". In tre anni, 31 balene sono morte negli Stati Uniti e in Canada, più della metà delle quali nel Golfo di San Lorenzo. In risposta alle morti, il governo canadese ha implementato limitazioni di velocità per le barche, chiusure di pesca stagionali e temporanee e nuove regole per gli attrezzi da pesca per migliorare la sicurezza delle balene. Ha inoltre finalizzato la designazione dell'Area Marina Protetta del Canale Laurenziano, una profonda valle sottomarina nel Golfo di San Lorenzo che è un punto caldo della biodiversità e una rotta migratoria critica per le balene. Tuttavia, le obiezioni del settore al piano hanno portato a una drastica riduzione delle dimensioni per soddisfare gli interessi della pesca e in gran parte aperto allo sviluppo di petrolio e gas. Alcuni scienziati ora si chiedono se la designazione raggiunga lo scopo previsto di preservare la fauna selvatica.

Finora quest'anno, una balena franca è stata dichiarata morta nel New Jersey, vittima di una collisione con una nave, e tre balene franche impigliate nelle lenze da pesca sono state avvistate tra lì e il Massachusetts. Uno di loro era la balena di Artie Raslich. L'11 ottobre Raslich era al suo solito posto sul ponte superiore sinistro della barca per l'osservazione delle balene. Ha visto un debole colpo e ha puntato la telecamera su quella che sembrava essere una "megattera malconcia". Ma si rese presto conto che il corpo scuro dell'animale era punteggiato di ruvide macchie bianche, chiamate "callosità". Le callosità, combinate con un becco a forma di V, una coda profondamente dentellata e l'assenza di una pinna dorsale hanno confermato che si trattava di una balena franca del Nord Atlantico.

Quando Raslich ha scaricato le sue fotografie sul suo computer quella sera, ha ingrandito e ha visto che la balena era avvolta nella lenza e gravemente ferita. Ha inviato le sue fotografie ai ricercatori del Center for Coastal Studies e Marine Mammal Stranding Center, che hanno confrontato le immagini con un catalogo fotografico di balene franche conosciute, mostrando il modello unico di callosità di ogni animale, paragonabile alle impronte digitali umane. Hanno determinato che la balena era un maschio di quattro anni, il vitello di una femmina di 19 anni di nome Dragon che era stata avvistata l'ultima volta alla fine di febbraio 2020 emaciata e pallida, con una boa alloggiata nei suoi fanoni.

A sinistra: gli scienziati del New England Aquarium raccolgono dati sulle balene franche nella Baia di Fundy. A destra: una balena impigliata con la lenza, che può causare danni alle ossa, infezioni e alla fine la morte.
Anderson Cabot Center / New England Aquarium / Raccolta con permesso SARA canadese.

Corkeron dice che è improbabile che il drago o il vitello possano sopravvivere alle ferite. "Sono balene morte che nuotano."

La perdita di Dragon è particolarmente tragica perché rimangono solo 94 femmine riproduttrici, secondo stime recenti. E quelle femmine stanno avendo meno vitelli. Storicamente, le balene franche del Nord Atlantico hanno partorito all'incirca ogni tre anni, ma più recentemente le femmine partoriscono vitelli solo ogni sei-otto anni, dice Corkeron. Gli scienziati non sanno perché le femmine hanno meno vitelli, ma sospettano che la minore produzione sia correlata al cambiamento dell'habitat e allo stress causato dagli intrecci e dal rumore dell'oceano.

"La storia della balena franca del Nord Atlantico è complessa, ma si riduce all'aritmetica di secondo grado", afferma Stormy Mayo. “Il numero di animali nati meno il numero che muoiono ci fornisce una traiettoria. In questo momento, la freccia punta a zero – estinzione – e questa è una scoperta molto agghiacciante ".

Il destino della balena franca potrebbe in ultima analisi dipendere dai tribunali. Nel 2019, il giudice distrettuale degli Stati Uniti James Boasberg ha stabilito che un piano per riaprire la pesca con reti da imbrocco a sud di Nantucket per la prima volta da decenni, senza un'adeguata analisi richiesta dall'Endangered Species Act, era illegale. È stata una grande vittoria per gli ambientalisti.

Una strategia consiste nel far passare i pescatori ai cosiddetti attrezzi da pesca senza corde.

Lo scorso aprile, gli ambientalisti hanno vinto di nuovo, quando Boasberg ha stabilito che i regolatori del Massachusetts stanno violando l'ESA approvando le licenze per i pescatori che utilizzano boe verticali, come quelle schierate con trappole per aragoste. Il giudice ha ordinato un'analisi della pesca delle aragoste su mandato dell'ESA che tenga conto dell'intera portata del suo danno alle balene franche e ha ordinato ai gestori della pesca di emettere nuove protezioni per le balene franche del Nord Atlantico entro la fine di maggio 2021.

Erica Fuller, avvocato senior presso la Conservation Law Foundation, una delle organizzazioni non profit che ha intentato le cause che hanno portato alle sentenze di Boasberg, afferma che l'obiettivo del suo gruppo è ridurre il numero di opportunità per le balene franche di colpire le boe verticali. Una strategia consiste nel far passare i pescatori ai cosiddetti attrezzi da pesca senza corde, consentendo il recupero delle trappole per aragoste utilizzando un segnale acustico remoto per attivare il loro rilascio. I dispositivi – costituiti da boe stivate, fune e sacche di sollevamento – funzionano in modo simile all'ingresso di un'auto senza chiave; un segnale radio li sgancia quando un pescatore viene a recuperare la sua attrezzatura e le trappole galleggiano in superficie.

La tecnologia senza funi utilizza un segnale acustico per rilasciare una trappola per aragoste sul fondo dell'oceano, piuttosto che una linea sulla superficie che può intrappolare le balene.
Illustrazione di Eric S. Taylor / Woods Hole Oceanographic Institution

Tuttavia, molti pescatori si oppongono all'andare senza corde. Dave Casoni, segretario e tesoriere della Massachusetts Lobstermen’s Association, afferma di aver testato l'attrezzatura e di averla trovata "troppo lunga e costosa". La stagione delle aragoste del Massachusetts dura solo sei mesi e "se trascorro un terzo della mia giornata ad allestire queste versioni acustiche, ciò toglie ancora di più dai profitti", dice. “Preparare 800 trappole [the maximum allowed] potrebbe costare più di mezzo milione di dollari. "

Casoni afferma che i pescatori sono sempre stati cooperativi con restrizioni per proteggere le balene e proattivi aiutando a studiare metodi e tecnologie pratici. "Stiamo facendo tutto il possibile per ridurre al minimo gli incontri con le balene", dice. "Stiamo usando corde più deboli, linee che affondano [rather than floating freely]e scappano sulle boe in modo che possano trascinare i fanoni delle balene, invece di essere catturati. Prendiamo tutte queste misure di conservazione, eppure c'è pressione per farci fare ancora di più ".

Fuller e altri sostenitori senza corde sono comprensivi, ma dicono che i sussidi pubblici e privati ​​dovrebbero aiutare i pescatori ad adottare la nuova tecnologia.

Tuttavia, i pescatori sono nervosi per ciò che potrebbe accadere nei tribunali. Stanno tenendo d'occhio con particolare attenzione una causa del Massachusetts intentata da un controverso avvocato di balene di nome Richard "Max" Strahan, uno scienziato autodidatta e avvocato dilettante con capelli grigi selvaggi e denti anteriori mancanti che si definisce il "Principe delle balene". " Ha citato in giudizio lo stato del Massachusetts presso un tribunale distrettuale federale, cercando di porre fine all'uso delle linee di boa verticali. Lo scorso luglio, il giudice in quel caso ha stabilito che i regolatori statali della pesca stanno violando l'Endangered Species Act consentendo le linee verticali senza prima aver ricevuto un permesso di "presa accidentale" dalla National Oceanic and Atmospheric Administration. (Il prelievo accidentale è definito come l'uccisione o il danneggiamento di una specie in via di estinzione a causa di un'attività altrimenti lecita.) Il giudice si è fermato per timore di chiudere l'attività di pesca, permettendole di rimanere aperta mentre lo Stato chiede un permesso. Il procedimento è in corso, con un processo previsto per giugno 2021.

Una balena franca nelle vicinanze di una grande nave nella Baia di Fundy.
Anderson Cabot Center / New England Aquarium / Raccolta con permesso SARA canadese

"Il giudice è preoccupato per le conseguenze economiche dell'applicazione della legge", dice Strahan. "Ma se decide che un'attività commerciale o atto autorizzato sta prendendo un animale in via di estinzione senza permesso, quell'attività deve interrompersi finché non si può capire cosa fare."

La soluzione che sostiene è trasformare radicalmente un'attività secolare. "Non si tratta di chiudere il settore della pesca delle aragoste", dice. "Si tratta di creare un mercato per la pesca sicura delle balene."

Strahan vuole che gli stati cambino le attuali politiche di licenza per le aragoste per favorire gli "aragoste verdi" e le società di pesca disposte a investire in attrezzi senza corde e altri metodi più sicuri per le balene.

Mentre i combattimenti in tribunale si trascinano, la lotta in acqua continua.

È tempo per un divieto globale di pesca in alto mare? Leggi di più.

Recentemente, gli equipaggi di volo alla ricerca del vitello impigliato di Dragon hanno individuato un'altra balena franca nei guai a sud di Nantucket. Il maschio di 11 anni, noto come Cottontail, aveva una linea avvolta sopra la testa, attraverso la bocca e che si estendeva per più di cento piedi oltre la coda. Il Center for Coastal Studies ha inviato una squadra di soccorso per rimuovere l'attrezzatura. Sono riusciti ad accorciare la linea di traino, ma poiché non sono riusciti a rimuoverla completamente, hanno collegato un trasmettitore satellitare alla balena in modo che i soccorritori possano riprovare quando le condizioni sono favorevoli.

Questa storia è stata prodotta in collaborazione con Food & Environment Reporting Network, un'organizzazione di notizie investigativa senza scopo di lucro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui