King of the Monsters_, _Godzilla 'e i suoi messaggi ambientali in evoluzione

0
45

Un nuovo mega-film di Godzilla sta imperversando in tutto il mondo, il suo gigantesco mostro verde che calpesta e stride sullo schermo d'argento.

Arriverà nei cinema questa settimana.

Trailer del film Godzilla: King of the Monsters del 2019 (Legendary Pictures. Regista: Michael Dougherty)

Dalla sua prima apparizione nel 1954 come un mostro mutato simile a un dinosauro, Godzilla ha spesso diffuso un messaggio ambientale al pubblico, sebbene l'esatta composizione del messaggio si sia evoluta nel tempo.

Un tempo sinonimo della natura mostruosa del disastro nucleare, il nuovo film sembra abbandonare la vecchia posizione anti-nucleare di Godzilla per concentrarsi sulle preoccupazioni ambientali più attualmente nella mente del pubblico, come il cambiamento climatico e l'estinzione di massa. Il cast e i produttori del film hanno notato e approvato questo tema ambientale.

Godzilla adesso

L'uscita di Godzilla del 2019 configura il mostro titolare come un antico essere naturale, evoluto molto tempo fa, quando la Terra era molto più radioattiva. Il mostro è presentato come un guardiano della natura che cerca di portare equilibrio in un mondo sconvolto dall'attività umana.

In questo ultimo Godzilla, l'energia nucleare è naturale e le bombe nucleari sono benigne poiché il mostro usa l'energia atomica per energizzarsi nelle sue battaglie contro una serie di mostri nemici. Il mostro Godzilla entra anche in un'alleanza con l'esercito degli Stati Uniti per sconfiggere i loro comuni nemici e rivendicare il trono di "Re dei Mostri".

Il Godzilla del 2019 sembrerà un "eco-cinema" piuttosto superficiale alla maggior parte degli ambientalisti. Eppure eco-film più profondi come An Inconvenient Truth o Before the Flood potrebbero essere visti solo da coloro che sono già influenzati da argomenti ambientali. Godzilla ha un potenziale vantaggio "ad ampio spettro", seducendo un pubblico molto più ampio a partecipare a un film con una storia ambientale.

Se ci sentiamo caritatevoli, possiamo ipotizzare che una parte di questo pubblico più ampio potrebbe essere spinto un po 'di più a prendersi cura dell'attuale crisi ambientale. Purtroppo, però, una riflessione critica sul Godzilla del 2019 resisterebbe all'idea che le "armi nucleari" o "i militari" possano servire come salvatori della Terra.

I più recenti produttori di Godzilla hanno intrattenuto un buon rapporto di lavoro con l'esercito americano per rappresentare in modo credibile l'esercito e la marina sullo schermo. Tali relazioni assicurano ai registi l'accesso a spettacolari attrezzature militari, ad esempio carri armati e navi da guerra. L'esercito degli Stati Uniti sembra molto soddisfatto dei risultati ma, dato l'impatto ambientale delle attività militari, i produttori avrebbero potuto lavorare meglio con gli ambientalisti mentre si sforzavano di immaginare Godzilla come un essere ecologico.

Godzilla in passato

Godzilla nella narrativa ha circa 65 milioni di anni. In effetti, ha solo 65 anni.

Il primo film di Godzilla, o Gojira in giapponese, è stato girato in Giappone nel 1954; il mostro viene riesumato accidentalmente da un test di bomba atomica nell'Oceano Pacifico. Il mostro è poi sbarcato a terra per distruggere la capitale Tokyo.

Il messaggio del primo Godzilla era chiaro: le bombe nucleari e l'inquinamento nucleare sono mostruosi; scherzare con loro inviterà la catastrofe sia alla natura che all'umanità. Un tema del genere ha avuto una forte risonanza in una nazione che aveva recentemente vissuto i devastanti attacchi nucleari di Hiroshima e Nagasaki contro il Giappone.

Trailer del film del 1954 Godzilla: King of the Monsters (Toho. Regia: Ishirō Honda).

Tuttavia, se l'obiettivo principale di Godzilla era quello di respingere il pericoloso sviluppo nucleare, è fallito. Il Giappone si è presto imbarcato in un imponente programma di energia nucleare.

Oltre ad essere inefficace, Godzilla potrebbe anche essere considerato non originale. Molti fan della fantascienza riconoscono che Godzilla del 1954 è stato ispirato da una "creatura" di Hollywood del 1953, The Beast from 20,000 Fathoms, la cui gigantesca "stella" di dinosauro è nata anche da un'esplosione di test nucleare.

Japan’s Atomic Monsters – Origins and Legacy (2019) Produttori: Alan Marshall e Nanthawan Kaenkaew.

Gli autori di The Beast from 20,000 Fathoms sono riusciti a far luce sulla loro società militarizzata, gli Stati Uniti, delineando l'orrendo potere delle mega-armi fatte in casa. Tuttavia, gli scrittori Godzilla del 1954 non fecero nulla del genere; hanno incolpato la nascita mostruosa di Godzilla non su alcuno sforzo militare giapponese fatto in casa, ma sui test nucleari statunitensi nel Pacifico.

In questo modo, l'originale Godzilla evita di indagare sulle fissazioni del Giappone della metà del secolo con il potere militare e sceglie invece di attribuire la maggior parte della colpa morale per la "violenza orribile" della seconda guerra mondiale sugli Stati Uniti e sulle sue bombe nucleari disumane. Questo atteggiamento antiamericano doveva essere modificato dal film Godzilla del 1954 prima di arrivare nei cinema americani.

L'evoluzione di Godzilla

Dal film del 1954, sono stati prodotti più di 30 lungometraggi di Godzilla.

Negli anni '60 e '70, Godzilla divenne memorabilmente kitsch. Non c'è niente di così accampato come due attori vestiti di gomma mentre si scambiano colpi come mostri sorridenti. Alcuni critici cinematografici deridono queste versioni degli anni '60 e '70 come prive di arte e infantili, ma altri hanno notato il valore e il fascino di mostrare mostri amati come eccentrici antieroi le cui battaglie potrebbero essere emulate con fantasia da scolari eccitati.

Per quanto spensierati, i film Godzilla degli anni '60 e '70 sono spesso riusciti a diffondere un messaggio ambientale resuscitando il tema anti-nucleare o facendo riferimento ad altri tipi di inquinamento.

Ad esempio, il film del 1971 Godzilla Vs the Smog Monster mette in luce il carattere orribile degli inquinanti marini e dello smog urbano.

Trailer per il film del 1971 Godzilla vs The Smog Monster (Toho. Regia: Yoshimitsu Banno).

Nel film Godzilla del 2014, il messaggio anti-nucleare sembra per un momento riapparire. L'atto di apertura ritrae una centrale nucleare che subisce un crollo tipo Fukushima e una città abbandonata che assomiglia a una città fantasma di Fukushima in Giappone.

Tuttavia, apprendiamo presto che il disastro è causato da un gigantesco mutante affamato di radiazioni e non da cadute di sicurezza o arroganza tecnologica generale.

Trailer del film del 2014 Godzilla (Legendary Pictures. Regista: Gareth Edwards).

Tutto sommato, Godzilla è stato spesso elogiato da critici e fan perché riflette le preoccupazioni del pubblico sul disastro ambientale. Tuttavia, i messaggi ambientali trasmessi da molti episodi di Godzilla sono spesso così ingombri da narrazioni concorrenti, e anche dalla necessità di uno spettacolo fantastico, che l'eco-messaggio è confuso o diminuito.