La crisi climatica colpisce tutti: ecco come assicurarsi che le discussioni non siano dominate dagli uomini bianchi

122

I governi di tutto il mondo stanno affrontando una crescente pressione per mantenere l’aumento delle temperature globali al di sotto di 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali: la soglia consigliata dagli scienziati è necessaria per prevenire le conseguenze più destabilizzanti dei cambiamenti climatici, tra cui siccità, inondazioni e incendi più frequenti.

L’ambiziosa strategia One City Climate della città inglese di Bristol mira a rendere la città completamente carbon neutral e resiliente al clima entro il 2030. Ciò include la decarbonizzazione degli edifici della città, dei sistemi energetici e di trasporto pubblico e delle imprese.

Bristol è anche una delle prime città al mondo a impegnarsi per raggiungere una transizione verso la neutralità del carbonio che sia “equa e inclusiva”. Tuttavia, non è chiaro esattamente come la città intenda raggiungere questo obiettivo.

Prendendo Bristol come caso di studio, abbiamo intrapreso un progetto di ricerca di un anno per esaminare il ruolo di sei organizzazioni dei settori pubblico, privato e della società civile nel processo decisionale sul cambiamento climatico. In particolare, eravamo interessati a come queste organizzazioni interpretassero l’idea di una transizione climatica “giusta”. Questo di solito significa garantire che i benefici e i costi dell’azione per il clima siano distribuiti tra tutti – dai lavoratori ai leader di governo – e non accumulati ingiustamente sui gruppi svantaggiati.

La nostra ricerca ha impiegato una combinazione di interviste ad esperti e oltre nove ore di riunioni di osservazione. Abbiamo scoperto che sebbene le persone dichiarassero chiaramente il loro impegno a realizzare una transizione giusta, le idee su cosa significasse in pratica variavano notevolmente. Un partecipante ha osservato che “non sai cosa significa giustizia o equità per qualcun altro a meno che tu non lo chieda”.

La diversità nei colloqui sul clima deve essere migliorata per garantire che venga ascoltata una gamma rappresentativa di voci. Free-Foto/Pixabay

Un’altra cosa che è diventata rapidamente chiara è stata l’importanza di garantire una partecipazione più diversificata al processo decisionale sul clima. I nostri risultati hanno rivelato che le discussioni sul clima erano dominate da uomini bianchi, che parlavano circa il 64% delle volte. Le donne bianche hanno preso la parola il 33% delle volte e le minoranze etniche visibili hanno parlato solo il 3% delle volte. In confronto, la popolazione della minoranza etnica di Bristol è del 16%.

Molti partecipanti hanno riconosciuto la necessità di aumentare la diversità nello spazio climatico. Tuttavia, è stato sottolineato da un partecipante che “la diversità all’interno della diversità è spesso trascurata”, portando alla percezione fuorviante che le opinioni sul clima tra le persone provenienti da minoranze etniche fossero simili su tutta la linea.

Se vogliamo raggiungere un futuro di successo a zero emissioni di carbonio, le comunità più colpite dai cambiamenti climatici dovrebbero avere voce in capitolo molto di più sul modo in cui lo facciamo. I gruppi che includono persone con disabilità, persone della classe operaia, giovani e anziani – noti come “vulnerabili al clima” – dovrebbero avere la priorità quando si consultano le strategie climatiche.

Impegno pubblico

La nostra ricerca ha anche rivelato la necessità di rendere più ampiamente disponibili al pubblico le informazioni sugli impatti climatici e le proposte politiche. Il modo in cui queste informazioni sono inquadrate è importante. Non dovrebbe essere proposto solo per “educare” gli individui – che possono sembrare condiscendenti – ma piuttosto come catalizzatore di discussione, delineando opportunità per l’azione locale.

Gruppi ambientalisti come Extinction Rebellion hanno chiesto l’istituzione di assemblee cittadine. Flickr/Matthrkac

La diffusione di questo tipo di informazioni potrebbe essere ottenuta mediante la costituzione di assemblee di cittadini. Questi riuniscono un campione di membri del pubblico, che rappresentano una gamma di background e identità, per discutere e votare su questioni chiave. Queste assemblee possono offrire un feedback importante sia ai responsabili politici locali che ai gruppi comunitari sui loro piani climatici proposti.

Coloro che prendono decisioni dovrebbero essere ritenuti responsabili anche attraverso, ad esempio, forum pubblici e sistemi di reclamo. Questa capacità di valutare l’esito del lavoro dei leader è particolarmente importante per i membri dei gruppi vulnerabili al clima. Questo perché la loro partecipazione ai processi decisionali e di consultazione stessi può essere limitata da barriere strutturali come l’accessibilità di questi processi, nonché da vincoli di tempo e finanziari.

Guardando alla conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP26 a Glasgow, le città hanno l’opportunità di dare l’esempio attraverso l’istituzione di consultazioni sul clima veramente inclusive. In questo modo, possiamo garantire che le voci dei gruppi emarginati e vulnerabili al clima vengano ascoltate e che nessuno venga lasciato indietro nella nostra transizione verso un futuro a zero emissioni di carbonio.