La diga di Bui in Ghana solleva preoccupazioni – ancora una volta – sui progetti idroelettrici

0
9

Nei primi anni dell'indipendenza africana, l'energia idroelettrica offriva la promessa di modernità e sviluppo. Per l'allora presidente Kwame Nkrumah del Ghana, la diga di Akosombo in Ghana (completata nel 1965), insieme alla diga di Assuan in Egitto (completata nel 1970), avrebbe portato all'elettrificazione del continente. E aiuterebbe a trasformare l'economia del Ghana e a stimolare lo sviluppo.

Ma dagli anni '70 e '80, il negativo sociale e ambientale
le conseguenze delle dighe su larga scala stavano diventando più evidenti. Questi si sono cristallizzati intorno alla costruzione della diga Sardar Sarovar nello stato indiano del Gujarat, che ha sfollato oltre 200.000 persone.

Il pendolo iniziò a oscillare dal supporto all'opposizione. Ciò ha stimolato la creazione sia di oppositori locali alla costruzione di dighe che di organizzazioni transnazionali contro le dighe. Il più importante è diventato International Rivers, il cui direttore della campagna, Patrick McCully, ha attaccato le dighe per una serie di motivi ambientali e sociali.

Nel 1997 International Rivers e altre organizzazioni anti-dighe furono in grado di esercitare pressioni sulla Banca mondiale, il principale finanziatore di progetti di costruzione di dighe su larga scala, e sulla World Conservation Union per istituire la Commissione mondiale sulle dighe per esaminare l'efficacia dello sviluppo delle dighe.

I costruttori di dighe pensavano che la commissione avrebbe legittimato la costruzione della diga. Invece, un rapporto prodotto nel 2000 ha presentato un quadro negativo del ruolo dei bacini idrici.

Ma l'impatto dell'opposizione alle dighe è stato di breve durata. Un drammatico aumento della popolazione urbana ha creato una domanda di elettricità che ha superato di gran lunga l'offerta.

In questo contesto ho passato in rassegna i lavori per la costruzione della terza diga idroelettrica del Ghana, la diga di Bui. L'idea della diga fu discussa per la prima volta nel 1925. Ma fu solo all'inizio di questo secolo che ci fu alcuna trazione. Nel 2006 il governo cinese ha prestato denaro per la sua costruzione ed è stato finalmente inaugurato nel 2013. È stato costruito per generare energia e fornire acqua per l'irrigazione.

Il mio articolo traccia come le aziende cinesi con finanziamenti simili abbiano contribuito a una seconda era di grandi dighe nel continente, sebbene rimangano ancora notevoli contestazioni.

Il ritorno delle grandi dighe

Negli anni '90 il Ghana si era rivolto alle centrali termoelettriche per soddisfare le proprie esigenze.
Erano relativamente economici da costruire, ma il prezzo del loro carburante, principalmente petrolio, era ancora più imprevedibile delle correnti dei fiumi e inevitabilmente aumentava i costi. In generale, l'elettricità idroelettrica è tornata ad essere un'opzione interessante. I paesi africani avevano attinto a meno del 5% dell'enorme potenziale idroelettrico del continente. Solo pochi paesi disponevano di risorse di combustibili fossili, ma molti altri avevano numerosi bacini fluviali adatti per impianti idroelettrici.

Nei primi decenni, i paesi occidentali hanno monopolizzato il finanziamento di questi grandi progetti. Ma subito dopo la fine del secolo altre nazioni ricche di capitali come l'India, il Brasile e soprattutto la Cina sono emerse come principali sostenitori. Avevano i soldi e l'esperienza per costruire idroelettrico su larga scala
progetti. Sono stati anche meno vincolati dalle ONG anti-diga.

La prima grande indicazione di questa nuova realtà di finanziamento è arrivata nel 2004 con la costruzione della diga da 1.250 MW Merowe High Dam sul fiume Nilo in Sudan. La maggior parte dei finanziamenti proveniva da stati arabi inondati di petrodollari. La società di costruzioni era la società cinese China International Water and Electric Corporation.

Due anni dopo il governo cinese ha accettato di fornire prestiti per la costruzione della diga di Bui da 400 MW sul fiume Black Volta. La società di costruzioni era la Sinohydro Corporation, una delle più grandi imprese di costruzione di energia idroelettrica in Cina.

La Cina ha finanziato altri grandi progetti di dighe nel continente.

L'opposizione

Gli oppositori anti-diga non hanno fermato le loro campagne contro l'energia idroelettrica. Sostengono che queste strutture, specialmente ai tropici, siano emettitori significativi di gas serra. Hanno presentato un manifesto in tal senso alla Conferenza delle Nazioni Unite sul clima del 2015 a Parigi. Questo ha delineato dieci motivi per cui le iniziative sul clima non dovrebbero includere grandi progetti di energia idroelettrica.

Tuttavia, il problema che continua a generare più critiche è stato il
inadeguatezza del risarcimento concesso alle persone colpite dalla costruzione di dighe. Questo è stato il tallone d'Achille di tutti i progetti di costruzione di dighe.

Solo 1.216 persone dovevano essere reinsediate per la diga di Bui in contrasto con le oltre 80.000 per i due precedenti progetti idroelettrici del paese. Il risarcimento per gli sfollati a causa della costruzione della diga di Bui è stato molto più generoso. Consisteva in nuovi alloggi, strutture comunitarie e sostegno al reddito a breve termine.

Tuttavia, fornire nuovi mezzi di sussistenza a persone che erano agricoltori di sussistenza e pescavano con piroghe nel fiume Black Volta e avevano un'istruzione minima è stata una sfida importante. Sono stati gli estranei con competenze e risorse adeguate, come barche più idonee alla navigazione e motori fuoribordo, che hanno potuto trarre il massimo vantaggio dalle nuove opportunità economiche offerte dalla diga.

La nuova era

La nuova era della costruzione di dighe ha portato a grandi progetti, in particolare la Grand Ethiopian Renaissance Dam. Tuttavia, la maggior parte della nuova costruzione ha iniziato a concentrarsi su dighe idroelettriche molto più piccole di dimensioni simili alla diga di Bui.

Risarcire le persone colpite sarà una sfida continua. Alcuni accademici e responsabili politici hanno suggerito che questo dovrebbe essere permanente con una percentuale delle entrate dell'energia idroelettrica pagata alle comunità colpite. Questo è stato tentato nel 2009 in Burkina Faso con la costruzione della diga di Bagre. Ma il piano ha causato tensioni tra i consigli locali.

Un'altra soluzione più radicale, ma più equa, sarebbe quella di imporre un sovrapprezzo a tutti gli utenti di energia elettrica del Paese che sarebbe poi diretto a chi è più colpito dagli spostamenti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui