La maggior parte degli imballaggi per snack non è facilmente riciclabile

0
4

Gli snack sono deliziosi e convenienti, ma molti di loro sono disponibili in confezioni difficili da riciclare. Secondo il gruppo di consumatori britannico Which?, patatine, biscotti e formaggio sono i peggiori trasgressori quando si tratta di imballaggi non riciclabili. Non solo le confezioni sono mal etichettate, il che rende poco chiaro alle persone come smaltirle dopo aver mangiato, ma molte non sono affatto progettate per essere riciclate e devono andare in discarica.

Quale? ha preso 89 campioni degli snack di marca più famosi del Regno Unito e li ha ordinati in gruppi, tra cui cioccolato, bevande gassate (bibite), bevande energetiche, cereali, patatine, yogurt, formaggio, pane e altro. Il loro imballaggio è stato rimosso, separato e valutato in base a tre categorie: (1) facilmente riciclabile sul marciapiede, (2) riciclabile solo nei punti di raccolta dei supermercati e (3) non facilmente riciclabile. Quando la risposta non era chiara, i rappresentanti del Waste and Resources Action Program (WRAP) e dello schema On-Pack Recycling Label hanno fornito la consulenza di esperti.

Quello che gli investigatori hanno scoperto è che "poco più di un terzo [of the analyzed snacks] avevano imballaggi completamente riciclabili nelle collezioni domestiche e quasi quattro articoli su 10 non avevano un'etichetta che indicasse se potevano essere riciclati o meno". La categoria peggiore erano le patatine, con solo il 3% con imballaggi riciclabili. Un terzo delle barrette di cioccolato avevano involucri non riciclabili e le "confezioni snack" di formaggi confezionati singolarmente arrivavano in sacchetti di rete di plastica che sono difficili da riciclare e si impigliano facilmente nei macchinari, rendendo il lavoro ancora più difficile.

Alcuni articoli presentavano imballaggi che potevano essere riciclati solo se consegnati a un punto di raccolta del supermercato e quindi, presumibilmente, spediti a uno speciale riciclatore privato come TerraCycle, che ha accordi con marchi come Pringles e Babybel. Questa, tuttavia, non è una soluzione realistica per un vasto mercato di consumatori perché la maggior parte delle persone non può preoccuparsi di restituire gli imballaggi vuoti in un luogo specifico.

Le persone non sono felici

C'è chiaramente una disconnessione tra ciò che i produttori di alimenti vendono e ciò che i clienti vogliono. Quale? ha affermato che il 67% dei suoi membri "cerca spesso o sempre informazioni sul riciclaggio sugli imballaggi dei generi alimentari prima di decidere come smaltirli", il che dimostra che le persone vogliono dare la priorità alla riciclabilità. Natalie Hitchens, responsabile dei prodotti e servizi per la casa per Which?, ha dichiarato al Guardian,

"I consumatori chiedono a gran voce marchi che prendano sul serio la sostenibilità e prodotti facili da riciclare, ma per fare una vera differenza per l'ambiente, i produttori devono massimizzare l'uso di materiali riciclabili e riciclati e garantire che i prodotti siano etichettati correttamente".

La soluzione? I governi devono rendere obbligatoria un'etichettatura semplice e chiara, consentendo così agli acquirenti di sapere esattamente come smaltire l'imballaggio dei prodotti che acquistano. Ma nel frattempo, quale? offre alcuni consigli su come migliorare i tassi di riciclaggio:

  • Scrunch i coperchi di alluminio e gli involucri insieme in una palla più grande, rendendoli più probabilità di essere riciclati.
  • Riavvita i coperchi di plastica sulle bottiglie per assicurarti che non si perdano durante il processo di riciclaggio.
  • Schiaccia le bottiglie il più piatte possibile per occupare meno spazio e per avere meno probabilità di rotolare fuori dal nastro trasportatore.
  • Cerca i codici di riciclaggio della plastica sui contenitori quando scegli cosa acquistare. I numeri uno, due e cinque di solito indicano che una bottiglia o un contenitore è più idoneo per il ritiro a bordo strada.

Sempre la voce di Treehugger, aggiungerei: Salta la plastica! Scegli imballaggi in vetro o metallo, che hanno un valore più elevato ed è più probabile che vengano riciclati. Meglio ancora, acquista zero rifiuti quando possibile.