La politica industriale è tornata all'ordine del giorno e non è mai stata necessaria più di adesso

0
31

Le tensioni commerciali – e possibili accordi – sono in cima all'agenda politica in Europa, Stati Uniti e Cina. Forse questo è uno dei motivi per cui i governi sembrano desiderosi di essere maggiormente coinvolti nella guida delle loro economie prendendo di mira particolari tecnologie e industrie – utilizzando la cosiddetta "politica industriale".

La Cina ha lanciato il suo programma 2025 per potenziare la sua base industriale per il prossimo decennio. Sia il Regno Unito che l'UE hanno recentemente svelato strategie industriali progettate per promuovere l'innovazione e la crescita. Ciò può comportare il lavoro del governo in collaborazione con le imprese per scoprire la conoscenza e identificare opportunità e sfide.

Il governo del Regno Unito è sempre intervenuto in una certa misura nell'industria – notoriamente "prima di colazione, pranzo, tè e cena" nelle parole dell'ex segretario del commercio e dell'industria britannico Michael Heseltine.

Ma l'attuale approccio in Gran Bretagna sembra ancora suggerire qualcosa di un cambiamento nel pensiero. La domanda è se vedremo un miglioramento nella progettazione e nell'attuazione delle politiche. Su questo, ci sono speranze che le cose possano essere diverse questa volta.

Dovremmo ricordare che la politica industriale nel Regno Unito cadde in disgrazia negli anni '70, quando il governo fu accusato di "scegliere i vincitori" e di sostenere le cosiddette società "zoppe". (Sebbene alcune di queste anatre includessero British Aerospace e Rolls Royce, ora entrambe società di grande successo.)

Ma dopo anni di deindustrializzazione – e un decennio dopo la crisi finanziaria globale – sorgono ancora dubbi sul fatto che il Regno Unito abbia bisogno di un riequilibrio. E se sì, come? Questo è ciò che riporta la politica industriale all'ordine del giorno.

Ad esempio, il Regno Unito ha le più ampie disparità regionali di reddito e produttività nel nord Europa. Alcuni potrebbero dire che la crescente disparità regionale è la causa principale dell'aumento della politica populista, che è particolarmente diffusa nelle regioni in declino.

Questi squilibri spaziali e la negligenza della produzione (che è un grande motore della crescita della produttività) hanno anche rallentato la performance economica nazionale del Regno Unito. La produttività britannica è ben al di sotto di quella di altre importanti nazioni europee come Germania e Francia.

Trascuratezza a parte, la produzione è di vitale importanza per la forza economica di una nazione. Nel Regno Unito, le industrie manifatturiere avanzate ad alta intensità di capitale come l'aerospaziale, la chimica e la produzione di energia forniscono posti di lavoro altamente qualificati e supportano le industrie fornitrici. Inoltre, i settori manifatturieri sono particolarmente importanti per l'entroterra regionale del paese, dove sono le principali fonti di innovazione e crescita.

Allora come può la politica industriale rivitalizzare la produzione e promuovere oggi una crescita inclusiva e più equilibrata? Questa domanda è particolarmente attuale data la portata del cambiamento tecnologico in corso.

Le nuove tecnologie come l'intelligenza artificiale, l'apprendimento automatico e l'automazione, riunite in quella che viene definita "Industria 4.0", presentano grandi sfide e opportunità per l'industria. Ci sono richieste per una politica industriale trasformativa
affrontare questioni quali competenze, infrastrutture, accesso delle imprese alle nuove tecnologie, ricostruzione di catene di approvvigionamento localizzate e molto altro ancora.

Quindi, in contrasto con il passato, la politica industriale di oggi può svolgere un ruolo chiave nel plasmare il processo di trasformazione industriale. Invece di scegliere i vincitori, la politica industriale odierna può concentrarsi sulla costruzione di una scuderia di organizzazioni innovative potenzialmente di successo.

L'innovazione al centro dell'industria

Tuttavia, un approccio regionale è essenziale per farlo. È spesso a livello regionale che le specializzazioni e le capacità esistenti sono più evidenti e hanno maggiori possibilità di connettersi con le tecnologie emergenti in modi nuovi. A tale riguardo, la politica industriale deve riunire settori, tecnologie e luoghi in un approccio autenticamente "basato sul territorio".

À lire aussi:
Come far funzionare una strategia industriale "basata sul luogo"

La regione italiana dell'Emilia Romagna ha utilizzato a lungo questa tattica per sviluppare nuove specializzazioni, aprendo mercati in settori quali piastrelle, abbigliamento, scarpe, macchinari per la cucina e la sua celebre industria del confezionamento di macchine.

Emilia Romagna al lavoro.
Shutterstock / Giorgio Morara

Negli Stati Uniti, un'iniziativa federale che investe in nuove tecnologie, la National Network of Manufacturing Institutes (NNMI), sta cercando di collegare sviluppo tecnologico e capacità industriale con l'obiettivo di creare nuovi posti di lavoro e innovazioni.

Allo stesso modo, collaborazioni pubblico-privato ben progettate possono identificare e supportare pacchetti di competenze che possono essere adattati alle circostanze in risposta alle esigenze del settore. Il modello di flessicurezza della Danimarca protegge i lavoratori dalla perdita di posti di lavoro durante i periodi di cambiamento tecnologico utilizzando i fondi legati all'assicurazione contro la disoccupazione per sostenere l'apprendimento continuo. In tal modo, aiuta a evitare la perdita di posti di lavoro e promuove la riqualificazione dei lavoratori.

Nel Regno Unito, un nuovo programma "Made Smarter" è attualmente in fase di sperimentazione nel nord-ovest. Il suo scopo è testare i modi più efficaci per interagire con i produttori per incoraggiarli ad adottare nuove tecnologie.

Sebbene il programma Made Smarter sia un'iniziativa promettente, vi è preoccupazione per l'impegno del governo britannico e la mancanza di scala. Oltre al progetto pilota, ci sono solo 121 milioni di sterline per il Regno Unito nel suo complesso affinché le imprese adottino nuove tecnologie digitali. Questo non andrà molto lontano e non compensa la demolizione da parte del governo del servizio di consulenza sulla produzione alcuni anni fa, che è stato un grave errore politico.

Fondamentalmente, la politica industriale può e deve affrontare la sfida del cambiamento climatico. Può promuovere lo sviluppo di tecnologie per le energie rinnovabili, attraverso finanziamenti e finanziamenti adeguati per la ricerca e lo sviluppo.

In breve, la politica industriale è tornata all'ordine del giorno – a cui appartiene. Questa volta, dovrebbe mirare a costruire sulle competenze e capacità esistenti e collegarle a nuove tecnologie radicali. In tal modo, può aiutare le persone, le aziende e i luoghi a realizzare il loro pieno potenziale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui