La produzione di cacao del Ghana dipende dall'ambiente, che necessita di una migliore protezione

0
5

La produzione di cacao è stata la spina dorsale dell'economia del Ghana sin dagli anni '70 dell'Ottocento. Domina il settore agricolo e contribuisce per circa il 30% ai proventi delle esportazioni del paese. Il cacao impiega direttamente circa 800.000 agricoltori. Supporta anche i mezzi di sussistenza di altri nei settori del commercio, dei servizi e dell'industria dell'economia ghanese. Questo lo rende un importante generatore di entrate.

La maggior parte degli studi sulla produzione di cacao si è concentrata sui suoi benefici economici. Meno attenzione è stata prestata ai suoi impatti ambientali. Ma la coltivazione del cacao ha enormi conseguenze ambientali. Questo perché può avvenire solo nella zona agroecologica forestale del Ghana. In questa zona le precipitazioni sono ideali per il cacao a 1500-2000 mm, con una stagione secca di circa quattro mesi. Inoltre, gli alberi di cacao prosperano all'ombra.

Ma con l'aumento della domanda di cacao sul mercato mondiale, vaste aree di copertura forestale sono state perse a causa della sua coltivazione.

L'espansione e la coltivazione di nuovi appezzamenti di terreno forestale, la sostituzione di vecchi alberi di cacao e l'abbandono di vecchi terreni coltivati ​​a cacao a causa della perdita di fertilità del suolo, hanno impoverito la copertura forestale del paese. Tra il 2010 e il 2015 sono stati abbattuti 117.240 ettari di foresta.

Questa perdita è una minaccia per l'industria stessa che la sta causando.

Nel corso degli anni ricercatori, responsabili politici e professionisti nei settori agricolo e ambientale del Ghana hanno sottovalutato gli impatti ambientali delle attività agricole come la produzione di cacao.

Il legame tra la bassa produttività nel settore del cacao e gli impatti ambientali contribuisce all'incertezza nella sostenibilità a lungo termine del settore. C'è, quindi, un urgente bisogno di ulteriori ricerche, politiche e strategie che aiuteranno a ridurre al minimo gli impatti ambientali della produzione di cacao.

Abbiamo intrapreso uno studio per valutare questi impatti ambientali. Ci siamo concentrati in particolare su pratiche come lo smantellamento di allevamenti di cacao e l'uso di insetticidi e fertilizzanti.

Cacao e ambiente

Ci sono ampie prove che dimostrano che in Ghana i guadagni ottenuti dall'industria del cacao possono essere sostenuti solo se l'ambiente naturale è protetto.

Nonostante i suoi enormi vantaggi economici, il settore è minacciato dal degrado delle risorse forestali. Il cacao è un raccolto basso; questo significa che cresce bene all'ombra nelle zone boschive. La struttura del suolo e la fertilità in queste aree supportano anche la produzione di cacao. Infine, i requisiti ideali di pioggia e temperatura possono essere trovati solo nelle zone forestali. Il degrado della zona forestale è una grave minaccia per la produzione di cacao in Ghana perché non può semplicemente spostarsi in un'altra area.

Le prove suggeriscono anche che le pratiche ambientali negative stanno riducendo la produttività del cacao sebbene siano intese ad aumentare la produttività.

Ad esempio, l'abbattimento di foreste vergini per creare terreni agricoli rappresenta una seria minaccia per la biodiversità.

Alcuni studi evidenziano le conseguenze dell'utilizzo di fertilizzanti chimici, insetticidi e pesticidi per aumentare i raccolti di cacao e per sbarazzarsi di malattie e parassiti. Queste sostanze chimiche possono distruggere gli organismi che migliorano la fertilità del suolo e inquinano i corpi idrici vicino alle fattorie di cacao. È necessario ridurre al minimo i costi ambientali di queste pratiche agricole.

Un'altra importante fonte di deforestazione dalla produzione di cacao è attraverso la costruzione di strade di alimentazione. La ricerca ha dimostrato che dal 1999 sono stati costruiti un totale di 3.000 km di nuove strade di alimentazione per collegare le fattorie di cacao ai punti vendita.

La strada davanti

Per produrre cacao in modo ecologicamente corretto, le autorità locali dovrebbero assumersi la responsabilità di far rispettare le normative in materia di disboscamento e applicazione agrochimica. I rappresentanti a livello locale, i leader tradizionali e le organizzazioni basate sulla comunità sono più vicini alle questioni dell'inquinamento chimico e dell'esaurimento delle risorse forestali. Sono nella posizione migliore per affrontare i problemi.

Ad esempio, questi gruppi e individui possono aiutare a monitorare le pratiche agricole degli agricoltori nelle loro aree locali. L'approccio comunitario alla gestione ambientale ha funzionato in America Latina e nella regione dei Caraibi.

Istituzioni come le assemblee distrettuali, la commissione forestale e l'Agenzia per la protezione ambientale devono ottenere le attrezzature tecnologiche necessarie per il monitoraggio e l'applicazione delle normative ambientali. Questa apparecchiatura può includere droni per il monitoraggio e dispositivi GPS per mappare la posizione delle aziende di cacao.

In collaborazione con l'Environmental Protection Agency, il Ghana Cocoa Board dovrebbe formare i coltivatori di cacao nell'uso responsabile degli agrochimici per prevenire la contaminazione dei corpi idrici. Gli agricoltori dovrebbero anche essere incoraggiati a utilizzare fertilizzanti organici come il letame di pollame, nonché il controllo biologico di parassiti e malattie perché questi approcci sono noti per essere eco-compatibili.

Gli impatti ambientali di alcune pratiche agricole non sostenibili possono essere affrontati anche applicando le normative sull'uso del suolo sull'agricoltura lungo i corpi idrici. Le linee guida per la zonizzazione e gli standard di pianificazione del Ghana richiedono un cuscinetto di almeno 100 piedi su entrambi i lati dei corpi idrici.

Una sfida è che il tasso di alfabetizzazione dei coltivatori di cacao in Ghana è basso. Le strategie ambientali sono più efficaci laddove i gruppi target hanno un alto livello di alfabetizzazione ambientale. Ciò significa che dovrebbero essere compiuti sforzi per migliorare l'alfabetizzazione ambientale dei coltivatori di cacao.