La proposta di legge affronterebbe il problema dell'inquinamento da plastica negli Stati Uniti

0
7

Sapevi che ogni giorno gli Stati Uniti inviano 225 container pieni di spazzatura ai paesi in via di sviluppo per il "riciclaggio"? Naturalmente, questi paesi riceventi difficilmente dispongono di strutture adeguate per trattare un volume così grande di rifiuti e di solito finiscono per bruciarne o gettarne gran parte in discarica.

Non è esagerato suggerire che non sia etico per gli Stati Uniti scaricare i propri rifiuti di riciclaggio nei paesi più poveri con normative più lassiste. In effetti, ricorda sgradevolmente il colonialismo, con un potere più grande e dominante che esporta un prodotto che provoca consapevolmente danni al destinatario ma è troppo scomodo (o antiestetico) per essere gestito a casa.

Una nuova legislazione spera di arrivare alla radice di questo problema. Il Break Free From Plastic Pollution Act è stato reintrodotto al Congresso la scorsa settimana come versione ampliata e migliorata di un disegno di legge che non è riuscito a passare poco più di un anno fa. Ma ora che la situazione politica è cambiata, c'è più speranza di successo. Kate Melges, leader del Greenpeace Plastic Project, ha detto a Treehugger,

"Con il controllo democratico della Casa Bianca, della Camera e del Senato, affrontare il problema dell'inquinamento da plastica diventa una priorità degli Stati Uniti in un modo che non è mai stato prima. Questa legislazione affronterebbe la crisi nel modo più completo possibile, tenendo inquinatori responsabili dei loro rifiuti, riducendo la plastica non necessaria e dando priorità alla salute delle comunità in prima linea. Rimaniamo molto fiduciosi in un'azione globale per affrontare l'inquinamento da plastica quest'anno sia attraverso il Break Free From Plastic Pollution Act sia assicurando il sostegno dell'amministrazione per un trattato globale sulla plastica".

Il Break Free From Plastic Pollution Act è sponsorizzato dal senatore Jeff Merkley (D-OR) e dal rappresentante Alan Lowenthal (D-CA) e si sforza di mettere l'onere di trattare i rifiuti di plastica esattamente dove appartiene – sulle spalle dei produttori dei rifiuti di plastica, piuttosto che i contribuenti, i comuni e le comunità danneggiate dalla produzione e dall'incenerimento della plastica. Propone le seguenti modifiche:

  • Per ritenere le società responsabili del loro inquinamento e richiedere ai produttori di prodotti in plastica di progettare, gestire e finanziare programmi di riciclaggio e di rifiuti.
  • Mettere in pausa le strutture in plastica nuove e in espansione fino a quando non saranno messe in atto le tutele critiche per l'ambiente e la salute.
  • Incentivare le aziende a realizzare prodotti riutilizzabili che possano essere effettivamente riciclati.
  • Ridurre e vietare alcuni prodotti in plastica monouso che non sono riciclabili.
  • Creare un programma di rimborso dei contenitori per bevande a livello nazionale e stabilire requisiti minimi di contenuto riciclato per contenitori per bevande, imballaggi e prodotti per la ristorazione.
  • Generare massicci investimenti nel riciclaggio domestico e nelle infrastrutture di compostaggio.

Il senatore Merkley ha dichiarato in un comunicato stampa: "A molti di noi sono state insegnate le tre R – ridurre, riutilizzare e riciclare – e hanno pensato che finché avessimo messo i nostri articoli di plastica in quei bidoni blu, avremmo potuto tenere sotto controllo il nostro uso di plastica e proteggere il nostro pianeta. Ma la realtà è diventata molto più simile alle tre B: sepolti, bruciati o portati in mare. Gli impatti sulla salute degli americani, in particolare nelle comunità di colore e nelle comunità a basso reddito, sono gravi. L'inquinamento da plastica è una crisi ambientale e sanitaria in piena regola, ed è ora che passiamo questa legislazione per tenerla sotto controllo".

Solo il 9% della plastica viene riciclato; il restante 91% viene scartato, lasciato contaminare aria, suolo e acqua. Ciò è in parte dovuto alla mancanza di capacità. La plastica non è un materiale che favorisce il riciclaggio o il riutilizzo in alcun modo ampiamente applicabile. Si degrada quando viene riciclato e deve sempre essere trasformato in una versione minore di se stesso fino a quando non viene gettato in discarica.

Le aziende non dovrebbero essere autorizzate a continuare a sfornare prodotti che non hanno un piano completo per la fine del ciclo di vita e che sono noti per causare danni alla salute umana e ambientale. Se gli Stati Uniti sono seriamente intenzionati a fare progressi nelle loro promesse sul clima, smettere di essere il più grande esportatore di rifiuti del mondo è un punto di partenza logico.

Il Paese (anzi, il mondo intero) si sta ricostruendo dopo un anno devastante. È un buon momento per riformare il sistema di gestione dei rifiuti affinché sia ​​più equo e responsabile. In effetti, un comunicato stampa di Greenpeace afferma che "i sistemi zero waste creano oltre 200 volte il numero di posti di lavoro delle discariche e degli inceneritori, ottenendo sia i maggiori benefici ambientali che il maggior numero di posti di lavoro di qualsiasi approccio alla gestione dei rifiuti".

Ora è quando dovremmo ricominciare da capo e chiedere di più, quando dovremmo iniziare come intendiamo andare avanti. Il Break Free From Plastic Pollution Act 2021 è la migliore soluzione che abbiamo a disposizione a questo punto e potrebbe creare l'ondata di cambiamento di cui abbiamo così disperatamente bisogno.

Istruisci te stesso imparando a conoscere l'Atto e guardando questo breve video intitolato "Breathe This Air: A #PlasticJustice Film". Mostra supporto contattando il tuo rappresentante locale e firmando questa lettera. E già che ci sei, leggi l'eccellente e informativo articolo di Lloyd Alter, "Come la plastica si aggiunge alla crisi climatica".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui