La spesa aziendale in politica ed elezioni statali può influire su tutto, dal tuo portafoglio alla tua salute

88

La spesa politica delle multinazionali è un grande affare.

Come afferma un dirigente aziendale con esperienza nelle relazioni tra imprese e governo, “Un’azienda che dipende dal governo che non fa donazioni ai politici è coinvolta in negligenza aziendale”.

Il nostro gruppo di ricerca ha ascoltato questa dichiarazione durante una serie di interviste con addetti ai lavori del settore che abbiamo condotto per uno studio sulla strategia politica aziendale e sul coinvolgimento nella politica statale degli Stati Uniti.

Nel ciclo elettorale del 2020, gli interessi privati ​​hanno speso 486 milioni di dollari in contributi elettorali ai candidati alle elezioni federali statunitensi e oltre 7 miliardi di dollari per fare pressioni sul Congresso e sulle agenzie federali.

Il ciclo del 2022 potrebbe essere un periodo record se le tendenze recenti sono indicative. A livello federale, nove delle 10 gare al Senato più costose fino ad oggi si sono svolte durante il ciclo elettorale del 2020. In particolare, la Georgia è stata la sede dei due concorsi al Senato più costosi di tutti i tempi nel 2020, con candidati e gruppi esterni che hanno speso oltre $ 800 milioni per le due gare messe insieme.

I dati del monitoraggio del finanziamento della campagna del Center for Responsive Politics mostrano che le aziende più colpite dalla regolamentazione del governo spendono di più. Le operazioni del proprietario di Facebook Meta, ad esempio, potrebbero essere pesantemente influenzate dalla legislazione del governo, sia che si tratti di leggi sulla neutralità della rete, sulla privacy dei dati o sulla censura. Meta ha speso quasi $ 7,8 milioni in contributi e $ 36,4 milioni in attività di lobbying durante il ciclo del 2020.

Questo tipo di spesa politica è comune anche tra i governi statali. Dall’Alaska all’Alabama, le aziende spendono enormi somme di denaro per influenzare il processo decisionale perché dipendono dall’ambiente, dalle risorse e dalle normative locali.

I contributi ai candidati al governo e alle legislazioni statali hanno stabilito record durante il ciclo del 2020, avvicinandosi a 1,9 miliardi di dollari. Questo è aumentato da $ 1,57 miliardi durante il ciclo del 2016 e $ 1,4 miliardi durante il ciclo del 2012. I contributi nel ciclo 2020 hanno rappresentato un aumento di quasi il 21% rispetto al 2016. Entrambi i principali partiti politici tendono a ricevere all’incirca lo stesso livello di contributi, sebbene i numeri possano variare di anno in anno.

Con l’avvicinarsi delle prossime elezioni, è fondamentale comprendere il coinvolgimento delle aziende nella politica statale.

I tentativi delle aziende di gestire le normative statali hanno effetti importanti direttamente sulle loro operazioni, sulle entrate statali e sulla vita dei residenti statali. Le aziende possono influenzare l’aria che respiri, l’acqua che bevi e le tasse che paghi.

Le forze esterne stimolano le donazioni

Uno studio che abbiamo condotto con i colleghi Trey Sutton e Bruce Lamont fornisce informazioni dettagliate su quando e perché le società contribuiscono ai candidati al governo e alle legislativi statali.

Abbiamo esaminato i contributi politici delle società quotate in borsa alle elezioni per il governatore e la legislatura nei 50 stati degli Stati Uniti. Le società che abbiamo studiato (ad es. ExxonMobil e 3M) operano tutte in settori ad alta intensità ambientale: industrie petrolifere e del gas, chimiche, energetiche e manifatturiere. In particolare, le aziende di questi settori hanno processi di produzione industriale che creano rilasci tossici.

Abbiamo anche intervistato addetti ai lavori del settore, consulenti per gli affari politici e lobbisti per integrare i nostri risultati empirici.

ExxonMobil è una delle tante aziende che probabilmente spenderà molti soldi per le prossime elezioni. John Gress/Getty Images

Al centro, le aziende spendono quando dipendono dagli stati, il che significa che hanno interessi acquisiti e operazioni in uno stato soggetto a regolamentazione. La regolamentazione crea incertezza per i manager, cosa che a loro non piace. La spesa aiuta ad alleviare l’incertezza influenzando la regolamentazione che può essere imposta.

Il nostro studio è andato oltre questa osservazione e ha avuto quattro approfondimenti principali:

1. Le aziende spendono quando sono preoccupate per la copertura mediatica negativa che suggerisce quelle che percepiscono come normative potenzialmente dannose.

Come ci ha detto un dirigente, “Passiamo molto tempo a monitorare i media e i gruppi di difesa locali. Seguiamo [them] su base giornaliera e ricevo un rapporto ogni settimana”.

La copertura mediatica può guidare la percezione pubblica delle aziende e influenzare le opinioni dei politici. In particolare, la copertura dei media può amplificare i misfatti delle aziende in tutti gli stati, il che preoccupa i manager che non vogliono vedere nuove normative. In linea con questo, abbiamo scoperto che le società hanno speso il 70% in più negli stati in cui operavano quando la copertura mediatica nazionale era più negativa piuttosto che meno negativa.

Abbiamo scoperto che questo effetto era esclusivo della copertura mediatica nazionale in contrapposizione alla copertura mediatica locale. In particolare, quando la copertura mediatica locale è stata più negativa, non è sembrato influenzare la spesa politica.

2. Le corporazioni spendono quando ci sono potenti organizzazioni di movimento sociale – per esempio, gruppi di protezione ambientale – all’interno di uno stato.

“Le società di pubbliche relazioni sono regolarmente impegnate a monitorare attivisti e media, perché se non li guardi, possono creare cambiamenti normativi. Devi andare avanti”, ha detto un dirigente.

Le organizzazioni dei movimenti sociali (ad es. Sierra Club e Rainforest Action Network) aiutano a plasmare l’opinione pubblica su questioni importanti, a perseguire il cambiamento istituzionale e possono anche promuovere una riforma legale, che è una preoccupazione per le aziende. La nostra ricerca ha indicato che negli stati in cui operavano, le aziende hanno speso il 102% in più di fronte a una maggiore opposizione delle organizzazioni dei movimenti sociali rispetto a quanto avrebbero fatto in media.

3. Le corporazioni spendono per ottenere un posto al tavolo legislativo per comunicare i propri interessi.

Un consulente per gli affari politici e lobbista ha affermato: “I regolamenti sono una negoziazione, non c’è una logica, non c’è stato di diritto, i lobbisti entrano qui…” In sostanza, i legislatori si affidano a esperti di politica e analisti, tra gli altri, quando elaborano una nuova legislazione, ma spesso, le soluzioni possono essere poco chiare con richieste e interessi contrastanti.

I nostri intervistati hanno condiviso con noi che le aziende diffondono i loro contributi a quei politici che credono ascolteranno le loro cause e preoccupazioni, indipendentemente dal partito.

Si sono descritti come desiderosi che la loro voce sia ascoltata su questioni particolari e come attori importanti negli stati in cui operano a causa dell’occupazione e della base imponibile che apportano agli stati.

Boeing, ad esempio, è stato per decenni il più grande datore di lavoro privato nello stato di Washington e di conseguenza è stata in grado di ottenere agevolazioni fiscali. Questo nonostante i problemi ambientali documentati che le operazioni di Boeing hanno avuto nello stato.

4. Le aziende spendono perché lo considerano coerente con la loro responsabilità nei confronti degli stakeholder.

“Le aziende vogliono principalmente la certezza, vogliono conoscere i profitti e il coinvolgimento può creare opportunità”, ha affermato un consulente per gli affari politici.

Le aziende hanno una responsabilità legale ed etica nei confronti dei loro stakeholder. I leader aziendali spesso credono di sostenere le proprie responsabilità nei confronti di azionisti, dipendenti, comunità, clienti e fornitori partecipando al processo politico.

I legislatori della California spesso stabiliscono politiche ambientali più rigorose rispetto alla maggior parte degli altri stati. Education Images/Universal Images Group tramite Getty Images

Quali sono le poste in gioco?

Ci possono essere enormi ripercussioni per le aziende nella regolamentazione statale. Come ci ha detto un consulente per gli affari politici, “[Regulation] è il piatto alla fine dell’arcobaleno che potrebbe creare infinite possibilità di guadagno. È l’unica cosa che si frappone tra loro e profitti infiniti…”

Il servizio di guida Uber, ad esempio, ha organizzato lunghe campagne politiche rivolte ai legislatori statali e ai governi locali per proteggere gli interessi dell’azienda. Un risultato: il servizio di guida è stato in grado di ottenere lo status di appaltatore indipendente per i propri conducenti in molti stati, il che significa che l’azienda non deve fornire un’assicurazione contro la disoccupazione, indennità per i lavoratori e altri benefici.

Il passaggio di normative in grandi stati come la California, ad esempio, può avere quasi lo stesso impatto di una normativa nazionale, rendendo il loro passaggio molto più significativo per le aziende che lavorano a livello nazionale.

Poiché la California stabilisce standard di emissioni per i veicoli più rigorosi rispetto alla maggior parte degli altri stati, i produttori che progettano automobili per il mercato statunitense devono assicurarsi che i loro veicoli possano superare questi standard. In questo modo, la California e altri stati che seguono il suo esempio rappresentano un ostacolo normativo più ampio per le case automobilistiche.

Dove ci lascia questo?

Il coinvolgimento delle imprese nella politica statale è un fenomeno importante. Le aziende forniscono prodotti e servizi necessari e portano anche posti di lavoro e maggiori investimenti agli stati, il che può rafforzare le comunità e le economie statali. Le loro operazioni possono anche comportare problemi di salute e ambientali per i residenti dello stato.

Come suggeriscono le gare del Senato degli Stati Uniti della Georgia del 2020, le donazioni della campagna per i candidati a cariche federali provengono sempre più dall’esterno dello stato. Sebbene questo modello non pervada ancora le elezioni statali, solleva interrogativi sulla reattività dei politici alle questioni più rilevanti per i loro collegi elettorali locali.

Dato il mutato panorama aziendale – e l’aumento dei costi operativi – causato dalla pandemia di coronavirus, prevediamo che le aziende in tutto il paese continueranno a essere interessate a influenzare le politiche che vanno dalla sicurezza sul lavoro alle agevolazioni fiscali locali e statali. Questo interesse si tradurrà probabilmente in una spesa significativa nelle prossime elezioni, sia per i principali partiti che per i loro candidati.

E quella spesa politica influenzerà tutto, dal tuo portafoglio alla tua salute.

Questa è una versione aggiornata di una storia originariamente pubblicata il 29 giugno 2020.