La spinta del Kenya per un sistema di sementi puramente formale potrebbe essere dannosa per gli agricoltori

50

Il governo del Kenya vuole che gli agricoltori coltivino i raccolti solo da sementi autorizzate. Questi sono semi ibridi certificati privi di vari parassiti e malattie trasmesse dai semi. La legge sui semi e sulle varietà vegetali rende un crimine piantare e scambiare semi non certificati. Ma molti piccoli agricoltori fanno affidamento su scambi informali di semi con i loro vicini per assicurarsi l’approvvigionamento alimentare. Abbiamo parlato con Oliver Kirui, la cui ricerca si concentra sulle politiche di trasformazione agricola ed economica, per approfondire le implicazioni del divieto degli scambi informali di semi in Kenya.

Cosa sono gli scambi di semi formali e informali?

Nel canale formale degli scambi di semi, un’azienda sementiera registrata gestisce la produzione, la lavorazione e il confezionamento – e talvolta anche la distribuzione – dei semi. Questo canale fornisce un’idea di cosa aspettarsi dai raccolti.

Il Kenya ha circa 26 società di sementi registrate: 23 sono locali e tre multinazionali. I tre sono Syngenta, Monsanto e la East African Seed Company. La più antica società registrata del paese è la Kenya Seed Company, una società statale fondata nel 1956.

L’obiettivo di queste aziende è produrre e distribuire semi di qualità superiore per uso commerciale e domestico.

Si stima che due terzi dei semi di mais piantati nelle fattorie keniote provengano da fonti formali. Il mais è un alimento base per oltre l’85% della popolazione del paese.

La resa – o produttività – dei semi di mais migliorati o ibridi è spesso significativamente superiore rispetto alle varietà tradizionali. Gli agricoltori possono aspettarsi una resa media superiore dell’87% dai semi ibridi.

Il Kenya è uno dei paesi leader in Africa per quanto riguarda la distribuzione formale dei semi.

Il secondo canale di distribuzione dei semi è informale. Ciò comporta in gran parte la produzione e lo scambio di sementi tra i piccoli agricoltori. Questo sistema è caratterizzato dalla mancanza di test delle sementi, registrazione formale o controllo di qualità.

L’informalità rende difficile valutare la qualità delle sementi nelle aziende agricole e il loro potenziale di raccolta. Può potenzialmente diffondere semi contaminati e malattie delle piante. Potrebbe anche significare che gli agricoltori piantano continuamente semi con rese costantemente basse.

Perché esistono scambi di semi informali?

Esistono scambi di semi informali perché gli agricoltori non hanno accesso a sementi di qualità. Questo perché sono troppo costosi, non sono disponibili in aree remote o non sono disponibili al momento giusto.

Questo è stato un problema per generazioni. Di conseguenza, gli agricoltori spesso conservano una parte dei loro semi dopo il raccolto, che poi piantano o condividono con i loro vicini. A volte questo non comporta uno scambio di denaro.

La carenza di semi nel sistema formale colpisce particolarmente durante le stagioni di semina. Questa è una realtà in molte aziende agricole su piccola scala in Kenya ogni anno. Quindi l’informalità ha prosperato, non solo perché gli agricoltori preferiscono condividere i semi, ma anche per le sfide di distribuzione che devono affrontare.

À lire aussi : Cosa è cambiato quando gli agricoltori ugandesi hanno valutato la qualità degli input ei servizi dei fornitori locali

Con i sistemi informali, gli agricoltori sono sicuri di poter ottenere i semi di cui hanno bisogno e quando ne hanno bisogno.

L’informalità ha altri vantaggi. Ad esempio, consente agli agricoltori di preservare alcuni dei tratti genetici che vorrebbero in un seme.

Cosa cerca di affrontare la legge keniota?

Questa non è la prima volta che il governo ha cercato di utilizzare la legge per formalizzare completamente i sistemi di semi del Kenya.

Nel 2010 è stata pubblicata e lanciata la National Seed Policy. Mirava a migliorare la capacità del settore delle sementi di fornire agli agricoltori sementi di alta qualità.

Nel 2016 è entrata in vigore la legge sui semi e sulle varietà vegetali. Mira a sviluppare, promuovere e regolamentare un’industria delle sementi moderna e competitiva.

Le sementi e le aziende autorizzate dovrebbero garantire che gli agricoltori abbiano accesso a sementi di qualità, in particolare per mais e legumi, che sono alimenti fondamentali per il Kenya.

Quindi la preoccupazione per il governo, secondo me, è che il sistema formale possa assicurare al Paese che sul mercato circolano sementi di qualità. Con l’informalità, è impossibile sapere esattamente cosa si scambiano e piantano gli agricoltori.

Implicazioni della spinta per un sistema seme completamente formale?

Penso che il grande timore con un sistema completamente formale sia che possa portare all’ascesa di società sementiere monopolistiche.

Gli accesi dibattiti che hanno seguito lo sviluppo di semi geneticamente modificati e bioingegnerizzati includevano preoccupazioni sul fatto che i principali produttori come Bayer e Corteva avrebbero limitato il modo in cui gli agricoltori possono utilizzare le varietà che vendono.

Di solito, gli acquirenti di questi semi firmano accordi che vietano loro di salvare i semi dai loro raccolti per scambiarli o seminare. Tuttavia, se queste aziende dovessero imbattersi in problemi di distribuzione, la sicurezza alimentare delle famiglie ne risentirebbe.

Prendi in considerazione il mais, per esempio. Oltre il 75% della produzione totale di mais del Kenya è prodotto da piccoli agricoltori. Se non fossero in grado di assicurarsi semi di mais, piantarli e raccoglierli, ci sarebbe il caos nel mercato.

Per evitare questo scenario, molti agricoltori hanno visto negli anni la necessità di conservare alcuni semi per coltivare la stagione di raccolto successiva. Dà loro un certo controllo.

Oltre ad affrontare le sfide della distribuzione, gli agricoltori dovrebbero anche effettuare investimenti finanziari anticipati in un sistema completamente formale. Avranno bisogno di soldi per acquistare semi e fertilizzanti certificati. Sebbene siano disponibili strutture di microcredito, sono inaccessibili alla maggior parte dei piccoli agricoltori.

Se gli agricoltori non possono permettersi di acquistare varietà superiori e non hanno accesso a un’alternativa, significa che tra sei o sette mesi il paese può aspettarsi una carenza di raccolto. Ciò ha enormi implicazioni per la sicurezza alimentare a livello familiare.

È fattibile un sistema completamente formale?

Penso che formalizzare i sistemi di semi sia una buona cosa perché rende i raccolti più prevedibili. Ma vietare il sistema informale non è la strada da percorrere.

A mio avviso, il paese dovrebbe lavorare verso un sistema decentralizzato che offra un mix di sistemi di distribuzione delle sementi formali e informali. Il governo dovrebbe incoraggiare il miglioramento delle sementi e sostenere le comunità locali nella creazione di attività di sementi. Ma gli agricoltori dovrebbero avere una scelta.

Leggi anche: Perché più agricoltori ugandesi non stanno adottando mais tollerante alla siccità

Se il governo può garantire che ci sia abbastanza seme certificato e che i costi abbiano un senso, l’informalità si ridurrà naturalmente a lungo termine.

L’altra questione da considerare è come il governo attuerà questa politica. È una cosa molto difficile da mettere in funzione e monitorare, ed è improbabile che il governo disponga delle infrastrutture per farlo. Questa mossa ricorda lo sforzo del paese del 2013 per vietare il falco del latte crudo. Il governo non è stato in grado di attuare il divieto e alla fine è stato sospeso. Oggi, l’85% del latte consumato in Kenya è crudo e venduto in modo informale.