La spinta dell'Europa a ridurre i rifiuti di plastica si muove verso l'alto

11

In Europa, i bagnanti si sono abituati alla vista scoraggiante dei rifiuti di plastica sparsi lungo le coste. In effetti, l'85% delle spiagge e dei mari di acqua salata del continente supera gli standard di inquinamento sui rifiuti marini. Il Mar Mediterraneo è il più contaminato di tutti, con i ricercatori che raccolgono in media 274 pezzi di rifiuti di plastica per 100 metri di costa. E sotto le onde, le microplastiche hanno trasformato le acque costiere in "zuppe di plastica" tossiche.

In una spinta a tutto campo per ripulire le spiagge d'Europa – una tavola negli sforzi pionieristici dell'Unione Europea per affrontare i quasi 28 milioni di tonnellate statunitensi di rifiuti di plastica che genera ogni anno – un divieto entra in vigore il 3 luglio che interrompe la vendita nei mercati dell'UE di i 10 prodotti di plastica che più comunemente arrivano sulle coste del continente. Questi includono, tra gli altri articoli, tappi di bottiglia di plastica, posate, cannucce e piatti, nonché contenitori per alimenti e bevande in polistirolo.

Il divieto è il segno più visibile degli sforzi dell'Europa per ridurre l'inquinamento da plastica creando il primo regime di plastica circolare al mondo. Entro la fine di questo decennio, ciò porterà al divieto della plastica usa e getta, alla creazione di un sistema completo di riutilizzo per tutte le altre materie plastiche e alla creazione di un mercato europeo in espansione e potenzialmente redditizio per la plastica riciclata.

Una serie di misure dell'UE sta ora guidando gli investimenti e l'innovazione verso soluzioni circolari che, secondo esperti e funzionari dell'UE, definiranno l'economia europea a basse emissioni di carbonio e ne miglioreranno la competitività globale. Un'economia circolare è quella in cui i prodotti e i materiali vengono mantenuti in uso durante l'intero ciclo di vita, dalla progettazione e produzione al riutilizzo o al riciclaggio. A differenza dell'attuale sistema lineare, i prodotti non finiscono nella spazzatura, ma vengono reintrodotti nel processo produttivo.

"L'UE sta prendendo molto sul serio la creazione di un'economia circolare e la plastica ne è al centro".

Nell'ambito della strategia dell'UE sulla plastica, presentata nel 2018, le linee guida sui rifiuti modificheranno il modo in cui i prodotti in plastica sono progettati, utilizzati e riciclati. Tutti gli imballaggi in plastica sul mercato dell'UE devono essere riciclabili entro il 2030 e l'uso di microplastiche deve essere limitato.

Le misure sono le più severe al mondo e hanno già spinto i tassi di riciclaggio degli imballaggi in plastica nell'UE a un massimo storico del 41,5%, tre volte quello degli Stati Uniti. L'UE ha fissato un obiettivo per il riciclaggio del 50% degli imballaggi in plastica entro il 2025, un obiettivo che ora sembra a portata di mano. E nel 2025 sarà fissato un obiettivo di raccolta differenziata del 77% per le bottiglie di plastica, che aumenterà al 90% entro il 2029.

Nella più grande città dell'India, il divieto della plastica incontra grandi ostacoli. Leggi di più.

Questo regime generale si baserà sull'adozione diffusa di schemi di responsabilità estesa del produttore, il che significa che se un'azienda introduce imballaggi o merci confezionate nel mercato di un paese, tale azienda rimane responsabile dell'intero costo della raccolta, del trasporto, del riciclaggio o dell'incenerimento dei suoi prodotti. In pratica, chi inquina paga.

E da quest'anno, le aziende dell'UE non possono più scaricare rifiuti di plastica in paesi in via di sviluppo come Malesia, Vietnam, India e Indonesia. Esportando rifiuti di plastica, l'UE ha essenzialmente allontanato il flagello – circa 1,7 milioni di tonnellate statunitensi all'anno – una quantità considerevole delle quali è stata bruciata all'aperto, scaricata in discarica o semplicemente gettata in mare. Ora, l'Europa è costretta ad affrontare l'intero onere dei rifiuti.

Un impianto di trattamento dei rifiuti a Jenjarom, in Malesia. A partire da quest'anno, le aziende europee non sono più autorizzate a spedire rifiuti di plastica nei paesi in via di sviluppo.
Nandakumar S. Haridas / Greenpeace

"L'UE sta prendendo molto sul serio la creazione di un'economia circolare e la plastica è al centro di essa", ha affermato Henning Wilts, direttore dell'economia circolare presso l'Istituto tedesco per il clima, l'ambiente e l'energia di Wuppertal.

Altrove nel mondo, i governi e il settore privato stanno rispondendo all'ira pubblica per l'inquinamento da plastica, anche se con un effetto molto minore che in Europa. A livello mondiale, solo il 14-18 percento della plastica viene riciclato (meno della metà della media europea) e meno del 10 percento viene riciclato negli Stati Uniti Secondo Greenpeace, sebbene molti governi e aziende multinazionali si vantano di impegni di alto profilo per rendere i loro prodotti più circolare, in gran parte greenwashing.

"Molti tipi di imballaggi in plastica comunemente usati non sono riciclabili e vengono gettati in discarica, inceneriti o esportati senza verifica del riciclaggio", secondo un rapporto di Greenpeace.

Gli Stati Uniti, che generano la più grande quantità di rifiuti di plastica al mondo, sono inondati di rifiuti ora che la Cina, il più grande produttore di plastica, non accetta più rifiuti importati; molte città degli Stati Uniti finiscono per gettare rifiuti di plastica nelle discariche o bruciarli. Il Congresso ha incaricato le National Academies of Sciences di condurre un'ampia revisione del contributo degli Stati Uniti ai rifiuti di plastica, prevista per la fine di quest'anno.

Solo il 5% del valore degli imballaggi in plastica ora rimane nell'economia europea dopo il primo utilizzo

La battaglia dell'Europa contro i rifiuti di plastica aiuterà l'UE a raggiungere il suo ambizioso obiettivo climatico di ridurre le emissioni di gas serra del 55 percento rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030. L'UE stima che il calo della produzione di plastica a base di petrolio potrebbe ridurre di 3,4 milioni di tonnellate di CO2 equivalente al consumo europeo impronta di carbonio e danni ambientali preventivi che arriverebbero a 22 miliardi di euro entro il 2030.

“Il divieto di 10 articoli è grande. Non è greenwashing", ha affermato Clara Löw, analista dell'Öko-Institute, un think tank tedesco. “Ci sono molte altre misure in corso nell'ambito del Green Deal europeo per tenere a freno la plastica e stabilire la circolarità come principio cardine dell'economia europea della plastica. Persino la maggior parte degli europei non è consapevole di quanto stia accadendo in questo momento".

I critici notano, tuttavia, che il vistoso divieto di 10 articoli dell'UE copre solo l'1% della produzione di plastica europea. Sottolineano inoltre che la quantità totale di produzione di rifiuti di plastica in Europa non è diminuita, cosa che le nuove misure mirano a invertire.

Zero Waste Europe afferma che la produzione di rifiuti di plastica in Europa diminuirà solo quando sanzioni come il divieto di 10 articoli e altre misure avranno pieno effetto.

Carmine Trecroci, economista ed esperto di riciclaggio presso l'Università di Brescia in Italia, ha affermato che fattori esterni come il prezzo del petrolio hanno un impatto importante; finché il petrolio costa poco, come è stato negli ultimi anni, lo è anche la produzione di plastica, il che rende tutto più difficile da controllare. Il settore della plastica nell'UE è un grande business, impiega 1,5 milioni di persone e genera 350 miliardi di euro in 2019. Trecroci ha affermato che la potente lobby della plastica italiana ha combattuto ferocemente per bloccare il divieto di 10 articoli, quindi per rallentarlo e diluirlo. Alla fine, tuttavia, l'UE ha approvato il divieto.

I manifestanti fuori dal Parlamento europeo a Strasburgo, in Francia, in vista del voto per vietare gli articoli in plastica monouso il 23 ottobre 2018.
Federick Florin/AFP tramite Getty Images

Mentre i paesi dell'UE producono ancora grandi quantità di plastica, la quantità di rifiuti di plastica post-consumo avviati al riciclaggio è aumentata del 92 percento dal 2006, secondo PlasticsEurope, un'associazione europea di produttori di materie plastiche. Nel frattempo, la messa in discarica, di gran lunga l'opzione di trattamento dei rifiuti più sporca, è diminuita del 54%.

Dal 1 gennaio i produttori di plastica nell'UE hanno dovuto pagare una tassa di 800 euro per tonnellata di rifiuti di imballaggio in plastica non riciclati. La pressione di Bruxelles ha portato anche a misure volontarie nel settore privato: Coca-Cola Europe, ad esempio, è sulla buona strada per produrre il 50 percento delle sue bottiglie e lattine di plastica da materiale riciclato.

Secondo l'UE, solo il 5% del valore degli imballaggi in plastica rimane attualmente nell'economia dopo il primo utilizzo. Questo, secondo le stime, costa all'economia europea tra i 70 ei 105 miliardi di euro l'anno.

“Un circuito chiuso”, ha detto Löw, “è quando ogni materiale, ogni prodotto e i suoi componenti saranno utilizzati il ​​più a lungo possibile, riparati o ricondizionati se rotti, [and] riciclato più volte in materia prima secondaria senza perdere la qualità del materiale”.

Wilts del Wuppertal Institute ha aggiunto: "L'Europa è un continente con poche materie prime, come petrolio e metalli, quindi un'industria del riciclaggio che elude la necessità di materie prime vergini è una strategia industriale tanto quanto un programma ambientale". Lui e altri affermano che gli impianti di riciclaggio e recupero stimoleranno il riciclaggio in Europa man mano che i rifiuti di plastica diventano più preziosi, l'incenerimento dei rifiuti in energia è adeguatamente tassato e più prodotti sono standardizzati per la riciclabilità. "Ci sarà un raddoppio delle strutture di smistamento e riciclaggio nei prossimi cinque anni", ha detto Wilts.

Un minimo obbligatorio sulla quantità di plastica riciclata nelle bottiglie aggiunge valore ai rifiuti, poiché i produttori hanno bisogno di plastica e la pagheranno.

La nuova economia della plastica in Europa risale alla metà degli anni '90, quando il principio della responsabilità estesa del produttore è stato sancito dal diritto dell'UE. La responsabilità estesa del produttore (EPR), sostiene un documento Zero Waste Europe, è "fondamentale per incentivare la riprogettazione dei prodotti tenendo conto della circolarità… Garantire che i produttori sostengano il 100% dei costi di pulizia incoraggerà il produttore a collaborare con i comuni per garantire un'elevata raccolta di i loro prodotti."

Trecroci rileva che l'EPR su scala significativa è già una realtà nell'Europa settentrionale e centrale. In Germania, le aziende pagano tasse per un totale di 1,5 miliardi di euro all'anno che finanziano il trasporto, lo smistamento e il riciclaggio dei loro materiali finali di scarto. "Nel sud dell'Europa, siamo in una fase precedente, ma l'EPR si applicherà integralmente anche qui, tra qualche anno", ha affermato Trecroci.

Inoltre, nel 2019 l'UE ha adottato una direttiva che entro il 2025 tutti i paesi dell'UE integreranno il 25% di plastica riciclata in bottiglie di plastica trasparente e il 30% in tutte le bottiglie di plastica per bevande entro il 2030. Questo minimo obbligatorio, già in vigore in Germania, Danimarca e Norvegia, aggiunge valore ai rifiuti di plastica, poiché i produttori di plastica ne hanno bisogno e pagheranno per questo.

"Questo crea una domanda di materiale di riciclaggio di alta qualità", ha detto Wilts. Presto, lo stesso principio – quantità minime di contenuto di riciclaggio – si applicherà ai settori automobilistico e dell'edilizia, ha affermato.

In che modo la pavimentazione con la plastica potrebbe intaccare il problema globale dei rifiuti. Leggi di più.

La vasta rete del settore privato necessaria per creare questa nuova economia circolare sta guadagnando slancio solo ora, secondo Wilts. "Alla fine, l'industria del riciclaggio produrrà i materiali di base per la produzione industriale", ha affermato. "Ma non siamo ancora arrivati."