L’ambiente è la vittima silenziosa della crisi anglofona del Camerun

63

La maggior parte dell’analisi della crisi anglofona del Camerun è stata distorta verso le ramificazioni socioeconomiche, culturali e politiche del conflitto.

Ma, sulla base del mio lavoro sui rischi naturali, ambientali e sulla gestione dei disastri in Camerun negli ultimi due decenni, direi che l’ambiente nella regione anglofona è una vittima silenziosa del conflitto. Ed è stato in gran parte ignorato.

La nostra ricerca sulla crisi pubblicata di recente ha mostrato che oltre 900.000 persone sono state sfollate internamente. L’ottanta per cento degli abitanti dei villaggi che erano punti caldi del conflitto era fuggito nelle foreste adiacenti. La ricerca ha studiato le conseguenze della crisi anglofona del Camerun e ha stabilito che si tratta di un’emergenza acuta e complessa.

Questi sviluppi stanno lasciando enormi impronte ambientali e causando gravi danni. La situazione peggiorerà se il conflitto armato si trasformerà in una “emergenza catastrofica complessa”.

Ho identificato sei conseguenze ambientali della crisi anglofona del Camerun. Questi vanno dai fallimenti nella governance ambientale all’aumento della deforestazione, alle misure non soddisfatte nel piano d’azione per il clima del Camerun, alla cattiva gestione dei rifiuti urbani, agli effetti delle tattiche della terra bruciata e all’impatto di ordigni esplosivi improvvisati.

È necessario affrontare queste sviste ambientali e costruirle per risolvere la crisi. Ciò impedirebbe alle eredità ambientali del conflitto armato di perseguitare la popolazione della regione dopo la fine della crisi.

Le ricadute per l’ambiente

Uno degli effetti dei combattimenti dal 2016 è stato l’arresto delle attività di conservazione nei punti caldi della biodiversità del paese nelle regioni anglofone. Il Camerun ha circa 14 parchi nazionali, 18 riserve naturali, 12 riserve forestali e tre santuari della fauna selvatica che ospitano specie rare e minacciate.

Prima della crisi, molte di queste aree protette erano ancora in ottime condizioni perché il Camerun aveva meno turismo rispetto ad altre regioni dell’Africa.

Ma la crisi ha bloccato diversi progetti ambientali.

Ad esempio, la violenza ha costretto gli ambientalisti e le ONG che operano nel Santuario della fauna selvatica di Tofala Hill a Lebialem a fuggire. Il Tofala Hill Wildlife Sanctuary ospita i gorilla di Cross River in pericolo di estinzione e altri animali selvatici in via di estinzione come gli scimpanzé e gli elefanti africani.

Questi gorilla sono anche maggiormente minacciati dalle milizie come i “Draghi Rossi” che hanno allestito campi all’interno del santuario (vedi Figura 1).

Allo stesso modo, gli sforzi per proteggere il Parco Nazionale del Monte Camerun, che ospita primati in via di estinzione, sono stati ostacolati. Ciò rappresenta una minaccia per lo scimpanzé nigeriano-camerunense, che è già in via di estinzione.

Figura 1: Paesaggio degli altopiani di Lebialem che ospita il Santuario della fauna selvatica di Tofala Hill. GSAC (2022)

L’insicurezza nelle aree che ospitano la fauna selvatica ha portato a un aumento della caccia illegale incontrollata. Il bracconaggio di scimpanzé in via di estinzione (vedi figura 2) ed elefanti è aumentato nel Tofala Hill Wildlife Sanctuary e nei parchi nazionali di Takamanda e Korup dopo che i ranger statali e le guardie ecologiche sono fuggiti.

Figura 2: specie di scimmie in via di estinzione nelle riserve protette del Camerun. Foto di Julie Langford per gentile concessione del Limbe Wildlife Centre.

L’aumento del numero degli sfollati interni ha avuto una serie di conseguenze.

La deforestazione è aumentata poiché le comunità trasferite hanno abbattuto alberi per fornire riparo e legna da ardere.

Stanno anche mettendo pressione sull’accesso all’acqua. I servizi igienici sono inadeguati nelle aree che ospitano un gran numero di persone. Anche la perforazione di pozzi, a volte in ambienti poco igienici, e la defecazione nei corsi d’acqua sono responsabili della scarsa qualità dell’acqua nella regione.

La regione sud-occidentale ha recentemente sperimentato un’epidemia di colera.

In terzo luogo, le misure del piano d’azione per il clima del Camerun sono state bloccate dalla crisi. Le misure comprendono la fornitura di fertilizzanti e sementi migliorate agli agricoltori; installazione di energia rinnovabile nelle zone rurali; e il ripristino delle foreste di mangrovie lungo la costa del Limbe.

In quarto luogo, la crisi ha aggravato il problema della gestione dei rifiuti urbani.

I separatisti hanno minacciato di bruciare la società di raccolta dei rifiuti, HYSACAM. Alcuni dei suoi lavoratori sono stati attaccati. Ciò ha influito sulla raccolta dei rifiuti urbani a Bamenda e Buea, capoluoghi delle regioni anglofone nord-ovest e sud-ovest.

In quinto luogo, le forze militari stanno usando tattiche di terra bruciata che potrebbero creare gravi danni ambientali. I militari hanno distrutto case, raccolti e bestiame in diversi villaggi considerati roccaforti di gruppi di miliziani.

Allo stesso modo, le milizie hanno distrutto proprietà di proprietà dello stato e quella di civili sospettati di collusione con le forze di sicurezza.

Le immagini satellitari di febbraio e marzo 2021 confermano la distruzione di più villaggi nella regione nord-occidentale.

Infine, l’uso di ordigni esplosivi improvvisati da parte di gruppi di milizie contro i veicoli militari del Camerun è in aumento e sempre più sofisticato.

Residui esplosivi e munizioni possono rendere la terra inabitabile, danneggiare gravemente la fauna selvatica e contaminare il suolo e i corsi d’acqua. Lo sgombero dei dispositivi può anche causare inquinamento localizzato, degrado del suolo e conseguenze negative sull’uso del suolo.

Figura 5: Veicolo militare distrutto da IED. Foto per gentile concessione di SBBC (2022).

Prossimi passi

I piani di emergenza messi in atto dal governo del Camerun per una potenziale emergenza disastrosa complessa dovrebbero considerare gli aspetti ambientali del conflitto.

Innanzitutto è necessario diagnosticare empiricamente le ramificazioni ambientali e come possono essere risolte.

Quando cercano soluzioni politiche alla crisi, le parti interessate dovrebbero anche incorporare misure per mitigare le conseguenze ambientali.