L'analisi mostra come i Verdi abbiano cambiato il linguaggio del dibattito economico in Nuova Zelanda

65

Quando il ministro della Salute Chris Hipkins ha recentemente scherzato sul fatto che il Partito dei Verdi è "in una certa misura la coscienza del Partito laburista", non si riferiva semplicemente ai sondaggi che suggerivano che i laburisti potrebbero aver bisogno del sostegno dei Verdi per formare un governo.

Hipkins ha anche suggerito che le politiche verdi aiutano a mantenere il lavoro onesto sulle questioni ambientali e sociali. Allora, che differenza ha realmente fatto il Partito dei Verdi nel dibattito politico neozelandese?

Basandosi su uno studio di 57 milioni di parole pronunciate in parlamento tra il 2003 e il 2016, la nostra analisi mostra che la presenza di un partito dei Verdi ha cambiato il discorso politico su economia e ambiente.

Nel recente dibattito dei leader di Newshub, sia Jacinda Ardern che Judith Collins hanno convenuto che "far crescere l'economia" fosse il modo migliore per rispondere alla crisi economica guidata dal COVID-19.

Le loro risposte variavano solo sulle tradizionali linee sinistra-destra. Ardern ha affermato che aumentare i redditi e investire nella formazione farebbe crescere l'economia. Collins ha suggerito che la crescita economica dovrebbe essere avanzata aumentando la spesa dei consumatori attraverso tagli fiscali temporanei.

Al contrario, i partiti verdi in Nuova Zelanda e altrove hanno a lungo messo in dubbio l'impatto della crescita incessante sulle risorse naturali di un pianeta finito. Il pensiero verde è informato dall'economia ecologica, che mira a realizzare forme più sostenibili di prosperità collettiva che soddisfino i bisogni sociali entro i limiti del pianeta.

"La coscienza del lavoro": Jacinda Ardern e James Shaw firmano l'accordo di fiducia e fornitura che ha portato i Verdi nella coalizione nel 2017.
GettyImages

Il linguaggio della crescita economica

L'impatto di questa visione radicalmente diversa può essere osservato nei dibattiti parlamentari della Nuova Zelanda. Quando i parlamentari nazionali e laburisti usavano la parola "economia", ne parlavano comunemente nel contesto di "crescita" ("crescita" / "crescita" / "crescita").

In media, i parlamentari nazionali hanno detto "crescita" una volta ogni quattro citazioni di "economia". I parlamentari laburisti hanno detto "crescita" una volta ogni sei menzioni.

À lire aussi:
Il governo di Ardern e la politica climatica: nonostante una legge a zero emissioni di carbonio, la Nuova Zelanda è semplicemente un seguace piuttosto che un leader?

I parlamentari verdi hanno usato "crescita" una volta ogni 20 menzioni di "economia". Quando hanno menzionato la crescita, è stato principalmente mettere in discussione l'idea e presentare idee alternative su un'economia sostenibile.

La nostra analisi della legislatura più recente (2017-2020) è in corso.
Tuttavia, mentre il Labour ha recentemente introdotto il "benessere" nelle discussioni sull'economia, è sorprendente come la crisi COVID abbia rinvigorito la tradizionale attenzione del partito all'economia della crescita.

La ricerca mostra anche che i parlamentari verdi menzionano l '"economia" principalmente in relazione all'ambiente, ai cambiamenti climatici, alla sostenibilità e alle persone, piuttosto che in relazione alla crescita. La loro attenzione è focalizzata sulle connessioni tra il sistema economico e l'ambiente.

Non solo un partito ambientalista: i parlamentari verdi Marama Davidson, Chlöe Swarbrick e Jan Logie arrivano a Ihumātao ad Auckland per sostenere i manifestanti che occupano la terra Māori contesa.
GettyImages

Dal lavoro ai Verdi

Nonostante le critiche sul fatto che i Verdi non si siano concentrati abbastanza sulle preoccupazioni "ambientali", i parlamentari verdi hanno usato parole relative all'ambiente, al clima e alla conservazione più frequentemente rispetto ai parlamentari laburisti o nazionali durante il periodo di studio di 13 anni.

Ad esempio, dopo aver controllato il numero di parole pronunciate dai parlamentari di ogni partito in parlamento, i parlamentari verdi hanno menzionato il "cambiamento climatico" quattro volte di più rispetto ai parlamentari nazionali o laburisti.

À lire aussi:
Elezioni neozelandesi 2020: il sondaggio mostra che gli elettori sono divisi sulla politica climatica e sull'urgenza di agire

Questo rappresenta qualcosa di un cambiamento storico. Il riscaldamento atmosferico e la CO₂ furono discussi per la prima volta in parlamento dal deputato laburista Fraser Coleman nel 1979. E il laburista Geoffrey Palmer fu il primo primo ministro a inserire il cambiamento climatico nell'agenda del parlamento.

Ma sono stati i Verdi che hanno mantenuto lo slancio, sfruttando le loro opportunità di parlare alla Camera per chiedere ai governi di rendere conto, compresa la legislazione in corso sulla legge di emendamento 2019 per la risposta ai cambiamenti climatici (zero emissioni di carbonio).

Far sentire la voce delle donne

Anche il Partito dei Verdi ha fatto la differenza per chi parla. Istituzionalizzando l'equilibrio di genere nella leadership e nell'organizzazione del partito e nel modo in cui selezionano la lista dei partiti per ogni elezione, i Verdi hanno costantemente eletto una percentuale più alta di parlamentari donne rispetto agli altri partiti.

Storicamente, le donne parlamentari verdi hanno contribuito in modo significativo ai dibattiti e all'azione politica su disuguaglianza, povertà infantile, questioni del trattato di Waitangi, uguaglianza di genere e azione sulla violenza domestica.

À lire aussi:
Il clima ha spiegato: i consumatori sono disposti a pagare di più per prodotti rispettosi del clima?

Questo è significativo. L'analisi del linguaggio politico a livello globale, in particolare sui social media, ha dimostrato che i politici che si identificano come donne e persone di colore sono soggetti a tassi molto più elevati di abusi verbali rispetto ai loro colleghi maschi. Questa è anche l'esperienza delle donne parlamentari in Nuova Zelanda, comprese le donne che rappresentano i Verdi.

"Quantità di vita o qualità della vita?" Annuncio elettorale del 1972 del Partito dei Valori, antenato politico dei Verdi.

Una storia di sconvolgimenti

I partiti di minoranza spesso lottano per mantenere la loro identità in accordi di coalizione con partiti più grandi, ma i Verdi hanno mantenuto una posizione unica in Nuova Zelanda.

Nel 1972 il Values ​​Party è diventato il primo partito "verde" a contestare un'elezione nazionale in qualsiasi parte del mondo. Gli ex attivisti dei Valori, compresi i primi co-leader del Partito dei Verdi Jeanette Fitzsimons e Rod Donald, sono riusciti in seguito a portare i Verdi in parlamento.

Il linguaggio della politica verde in Nuova Zelanda e la messa in discussione della crescita possono essere ricondotti a queste origini. Il linguaggio e le parole sono significativi come veicoli per articolare nuove idee e provocare azioni di trasformazione.

L'analisi linguistica mostra quindi quanto sia stato influente il Partito dei Verdi nel presentare alternative all'idea che la crescita economica basata sull'uso illimitato delle risorse naturali della Nuova Zelanda sia un'opzione sostenibile.

Se Chris Hipkins ha ragione ei Verdi sono la coscienza del Labour, è perché
hanno effettivamente interrotto un quasi consenso storico tra i principali partiti sul fatto che la crescita economica è l'unico motore della prosperità.