L'approccio di Vancouver allo spreco di tazzine da caffè è troppo debole

11

Le tazze monouso non necessitano di ulteriore smistamento. Devono essere eliminati.

Vancouver sta cercando di diventare verde. La città del Canada occidentale ha fatto più progressi rispetto alla maggior parte delle altre nel paese, con il divieto di contenitori per alimenti e bevande in schiuma e cannucce di plastica, restrizioni sui sacchetti della spesa in plastica e un obiettivo ambizioso di essere zero rifiuti entro il 2040. Forse la cosa più impressionante è che è ha evitato le plastiche compostabili, rifiutandosi di vederle come una valida alternativa alla plastica a base di petrolio, a causa dei danni che causano alla fauna selvatica. (Solo San Francisco ha fatto lo stesso con le cannucce, mentre altre città adottano i compostabili come un modo per portare avanti gli affari come al solito.)

Ma Vancouver si illude quando si parla di tazzine da caffè. La città pensa di poter ridurre il numero di bicchieri che vanno in discarica – attualmente stimato a 2,6 milioni ogni settimana – insegnando agli impiegati a smaltire i bicchieri monouso in modo diverso. Ha collaborato con Return-It, l'organizzazione senza scopo di lucro che gestisce il programma di riciclaggio delle bevande della provincia e, per i prossimi sei mesi, avrà cinque cestini per il riciclaggio di prova in centro.

Questi contenitori sono diversi dagli altri contenitori per il riciclaggio perché suddividono il processo di riciclaggio in tre fasi: Copri il coperchio. Liquidi vuoti. Coppa e manica di scarico. È possibile smaltire qualsiasi tipo di bicchiere usa e getta di qualsiasi marca, che si tratti di plastica, multistrato o carta rivestita di plastica. Return-It raccoglierà le tazze ei coperchi vuoti e li trasformerà in "nuovi prodotti riciclati", anche se non è specificato quali saranno. Dal comunicato stampa dell'azienda:

"Gestito da Return-It, il progetto pilota valuterà i mercati finali del riciclaggio per gli articoli raccolti, testerà la commerciabilità di diversi materiali per tazze da caffè usa e getta (come le tazze laminate), incoraggerà la partecipazione del pubblico e determinerà la fattibilità di un programma più ampio e permanente. "

Mentre l'obiettivo di insegnare alle persone come riciclare meglio è ben intenzionato e aiuta ad eliminare il wishcycling (la pratica dannosa di desiderare qualcosa di non riciclabile potrebbe essere riciclata, e quindi contaminando un intero carico di prodotti altrimenti riciclabili), non affronta il problema principale di creare così tanti rifiuti in primo luogo. Come abbiamo discusso molte volte su TreeHugger, la cultura del caffè deve cambiare ed evolversi se speriamo di smettere di generare così tanta spazzatura. Il riciclaggio non risolverà questo problema. È solo una soluzione cerotto.

Anche la Ellen MacArthur Foundation, nel suo piano per un'economia circolare, afferma che la progettazione di rifiuti e inquinamento è un principio fondamentale. Ciò non significa riciclaggio maggiore o addirittura migliore; significa implementare programmi e iniziative che eliminano in primo luogo una tazza monouso.

Incentivi finanziari per portare la propria tazza di caffè e tariffe enormi per l'acquisto di una tazza usa e getta farebbero molto per motivare le persone a ricordare la propria. Una selezione di tazze in porcellana interne o programmi per tazze riutilizzabili in tutta la città con contenitori di ritorno su ogni blocco potrebbe essere rivoluzionaria. Vancouver dovrebbe sforzarsi di essere più simile a Friburgo, in Germania, con la sua brillante tazza riutilizzabile da 1 € che viene fornita alle imprese dalla città, viene riutilizzata fino a 400 volte e può essere restituita in 100 diversi negozi nel centro della città. Questa è una vera innovazione verde.

È tempo che i leader della città pensino al di fuori del modello standard per il consumo di caffè, piuttosto che cercare di perpetuarlo attraverso cestini per il riciclaggio fantasiosi che la maggior parte delle persone probabilmente si stancherà di usare entro poche settimane.