L'Argentina si è iscritta per diventare la discarica mondiale

0
6

Un nuovo decreto ha aperto la porta alle esportazioni globali di rifiuti e all'inquinamento dilagante.

L'Argentina ha firmato per diventare la discarica non ufficiale del mondo, con il presidente Mauricio Macri che approva un decreto che consentirebbe l'importazione di scarti di plastica di basso valore e potenzialmente tossici. L'Argentina ha firmato la Convenzione di Basilea, insieme a 180 paesi (esclusi gli Stati Uniti), che sovrintende alle esportazioni di rifiuti e ha definizioni chiare di ciò che può essere "recuperato" attraverso gli sforzi di riciclaggio e di ciò che deve essere smaltito tramite incenerimento; ma questo nuovo decreto 591 limita notevolmente l'elenco degli articoli da incenerire, "consentendo così a molti rifiuti destinati al riciclaggio o all'incenerimento di sfuggire al controllo".

È un tentativo di aggirare un recente emendamento alla Convenzione di Basilea, proposto dalla Norvegia, che afferma che i paesi sviluppati non possono "esportare rifiuti di plastica di bassa qualità verso i paesi in via di sviluppo senza ottenere il loro consenso esplicito e garantire che i rifiuti possano essere gestiti in modo appropriato" (via il guardiano). Ciò impedisce alle nazioni sviluppate di trarre vantaggio da paesi meno regolamentati e di utilizzarli come discariche, garantendo al contempo che "anche i paesi che si astengono, come gli Stati Uniti, seguano le regole della convenzione di Basilea quando inviano rifiuti di plastica ai paesi più poveri".

La mossa di Macri ha fatto infuriare molte persone, dall'osservatore globale del commercio di rifiuti Basel Action Network, che afferma che il decreto è illegale e deve essere abrogato, agli attivisti ambientali preoccupati per i problemi di salute legati all'aumento dell'incenerimento in Argentina, ai raccoglitori di rifiuti della nazione. loro stessi, che hanno detto ai giornalisti del Guardian: "Non abbiamo abbastanza rifiuti qui?"

L'Argentina probabilmente vuole sostituire la Cina come destinazione di riferimento per i rifiuti difficili da riciclare. Da quando la Cina ha chiuso le porte alle importazioni internazionali di rifiuti nel gennaio 2018, i riciclatori hanno lottato per trovare un posto dove inviare i loro rifiuti. Le spedizioni sono state spostate in Vietnam, Thailandia e Malesia, ma dopo che questi paesi hanno rafforzato le normative, sono arrivate in Ghana, Etiopia, Senegal, Laos e Cambogia.

E l'Argentina sarà la prossima, ma è una decisione così sfortunata e dannosa. Come ha detto Jim Puckett, direttore esecutivo del Basel Action Network, "Sono disposti a diventare un paese sacrificale dove il resto del mondo potrebbe inviare i loro rifiuti e loro potrebbero trarne profitto".

Non è che l'Argentina abbia già una buona gestione dei propri rifiuti, per non parlare di quelli del resto del mondo. Cecilia Allen, sostenitrice di Global Alliance for Incenerator Alternatives a Buenos Aires, ha detto al Guardian che è improbabile che qualsiasi plastica mista ricevuta dall'Argentina venga riciclata.

"Abbiamo molti rifiuti qui e non stiamo riducendo, non stiamo riciclando, non stiamo effettuando il compostaggio. E non ha senso per noi aprire la porta per altri a venire".

Ancora una volta, ribadisco la linea che ho sempre fatto: che i paesi devono iniziare a gestire la propria spazzatura, non esternalizzarla. Solo quando non c'è nessun altro posto dove i rifiuti possono andare, i governi emaneranno politiche che impongono riprogettazione degli imballaggi e tagliano la produzione di plastica alla fonte. Fino ad allora, questo problema non scomparirà.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui