L’azione per il clima è a rischio a causa della chiamata alle elezioni federali anticipate

4

Gli elettori canadesi preoccupati per l’ambiente e il cambiamento climatico si trovano davanti a una serie di dilemmi con le elezioni del 20 settembre alle porte.

L’ambiente è spesso una questione dimenticata una volta che i politici sono in campagna elettorale. Ma questa volta, spinto dai catastrofici incendi in British Columbia quest’estate e dalle terribili conclusioni del sesto rapporto di valutazione recentemente pubblicato dell’Intergovernmental Panel on Climate Change, il cambiamento climatico si trova in cima o vicino alla cima dell’elenco delle questioni più importanti per gli elettori . Eppure la chiamata alle elezioni anticipate di Justin Trudeau potrebbe aver posto le basi per una grave battuta d’arresto sull’azione per il clima.

L’appello elettorale è stato accolto con domande immediate sulla sua logica, dato un parlamento minoritario ma relativamente stabile e produttivo, la crisi in Afghanistan e una quarta ondata crescente di COVID-19.

À lire aussi : Controllo retorico: il Parlamento non era tossico — Justin Trudeau vuole solo la maggioranza

I sondaggi suggeriscono che, dopo un inizio debole, i liberali di Trudeau stanno solo raggiungendo i conservatori di Erin O’Toole.

Ciò è probabilmente dovuto al riposizionamento ampiamente riuscito di O’Toole del suo partito verso il centro politico, incluso un riconoscimento tardivo della realtà del cambiamento climatico e la necessità di una qualche forma di prezzo del carbonio.

Ma è importante guardare oltre il rebranding e considerare cosa potrebbe significare una vittoria dei conservatori per l’approccio del Canada al cambiamento climatico.

Azione per il clima in movimento

Gli elettori progressisti sono rimasti confusi e non poco infastiditi dall’appello elettorale di Trudeau. Il governo di minoranza liberale risultante dalle elezioni dell’ottobre 2019 dipendeva dal sostegno dell’NDP di Jagmeet Singh e, in misura minore, del Bloc Québécois di Yves-Francois Blanchet per sopravvivere. Il risultato è stato un’azione considerevole sul cambiamento climatico e su una serie di altre questioni.

Il governo liberale, sostenuto da una serie di decisioni giudiziarie culminate in una sentenza della Corte Suprema del Canada del marzo 2021 che ha confermato la validità del suo sistema di protezione dei prezzi del carbonio, aveva implementato il sistema federale, come promesso, in quelle province senza adeguati sistemi di tariffazione del carbonio di il loro.

À lire aussi : Cosa significa la sentenza della Corte Suprema sui prezzi nazionali del carbonio per la lotta al cambiamento climatico

In Ontario, Manitoba, Yukon, Alberta, Saskatchewan e Nunavut si applica ora la tassa federale di sostegno sui combustibili per riscaldamento e trasporto. In Ontario, New Brunswick, Manitoba, Isola del Principe Edoardo, Yukon, Nunavut e parzialmente in Saskatchewan è in vigore un sistema di prezzi basato sulla produzione per gli emettitori industriali.

Una persona fa benzina a un camion a Toronto. LA STAMPA CANADESE/Christopher Katsarov

Sebbene il sistema di tariffazione del carbonio vada molto oltre rispetto a qualsiasi precedente governo federale per attuare politiche climatiche sostanziali, non è privo di significative debolezze.

L’onere del sistema dei prezzi ricade in modo schiacciante sui singoli consumatori e sulle famiglie piuttosto che sull’industria. Oltre a tale iniquità, il costo effettivo per gli impianti industriali è troppo basso per influire in modo significativo sul loro comportamento. Inoltre, lo standard applicato dal governo federale alle province che chiedevano esenzioni sulla base dei propri sistemi è stato profondamente incoerente.

Impegni liberali sul clima

Allo stesso tempo, i liberali si erano impegnati a spostare il prezzo del carbonio a 170 dollari a tonnellata entro il 2030 e a rivedere il cosiddetto contributo determinato a livello nazionale per ridurre le emissioni nell’ambito dell’accordo sul clima di Parigi del 2015. I liberali si erano inizialmente impegnati a ridurre del 30% entro il 2030 e l’hanno aumentato a una riduzione del 45%. Ha inoltre adottato un obiettivo più ampio di emissioni nette zero per il 2050.

È stata accelerata l’eliminazione graduale a livello nazionale dell’elettricità a carbone e sono in corso o proposti nuovi programmi per il finanziamento del trasporto pubblico, dei veicoli elettrici e delle ristrutturazioni a basso consumo energetico degli edifici.

Una donna si prepara a collegare il suo veicolo elettrico a Markham, Ontario. LA STAMPA CANADESE/Frank Gunn

In un’inversione rispetto alla precedente posizione contraddittoria del governo di perseguire sia la riduzione delle emissioni di gas serra sia l’espansione delle esportazioni di combustibili fossili, Trudeau ha riaffermato l’impegno implicito nel documento politico sul clima dei liberali del dicembre 2020 di limitare e ridurre le emissioni del settore dei combustibili fossili .

Oltre all’ambiente, il governo ha anche adottato una legislazione che riconosce la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni (UNDRIP) e ha portato avanti un piano nazionale per l’infanzia.

À lire aussi : Elezioni canadesi 2021: il piano nazionale per l’infanzia sopravviverà?

Bassa affluenza alle urne?

I rischi in questo contesto sono enormi. L’appello elettorale impopolare e sgradito, in combinazione con la continua minaccia di COVID-19, è una potenziale ricetta per una bassa affluenza alle urne. Sotto il sistema elettorale canadese first-past-the-post, c’è il potenziale per risultati elettorali irregolari.

Il principale elettore conservatore è generalmente leale e affidabile, dando a O’Toole un vantaggio significativo in uno scenario del genere.

Anche altri fattori possono favorire i conservatori, compreso il potenziale di crescita del Bloc Québécois in Québec. Sebbene i Verdi federali siano diminuiti come fattore al di fuori di alcune specifiche cavalcature, esistono i rischi di una divisione dei voti tra liberali e NDP.

La situazione potrebbe portare a una vittoria dei conservatori e persino alla maggioranza.

O’Toole, finora, ha svolto un abile lavoro spostando il suo partito dalla destra al centro moderato, ma resta ancora da porsi domande importanti su quale tipo di governo avrebbe effettivamente guidato. Sebbene riconosca la realtà del cambiamento climatico, le politiche climatiche del suo partito, in particolare sul prezzo del carbonio, rimangono ombre deboli di ciò che viene proposto dai liberali, NDP, Blocco e Verdi.

Il leader conservatore Erin O’Toole e sua moglie Rebecca passano davanti a un murale sul suo autobus della campagna a Whitby, nell’Ont. LA STAMPA CANADESE/Frank Gunn

I conservatori più popolari in Occidente

I conservatori possono vedere alcuni guadagni in Ontario e Québec, ma sono ancora fondamentalmente radicati in Alberta e Saskatchewan, dove molti elettori sono ostili all’azione per il clima e dipendono dalle industrie per lo sviluppo delle risorse.

Un gabinetto conservatore includerebbe probabilmente più di qualche residuo dell’era di Stephen Harper, che è stata definita dall’abbandono degli impegni internazionali del Canada sul cambiamento climatico, in particolare del protocollo di Kyoto.

Un nuovo governo federale conservatore probabilmente attingerebbe pesantemente al governo di Jason Kenney in Alberta ea quello di Doug Ford in Ontario, per il personale politico e i consiglieri.

Un uomo cavalca il suo risciò con un cartello Recall Kenney durante una protesta a sostegno degli ordini sanitari COVID-19. LA STAMPA CANADESE/Jason Franson

Entrambi i governi non sono stati disposti ad agire sui cambiamenti climatici e sono stati criticati per la loro cattiva gestione della pandemia di COVID-19. Rimangono prevalentemente favorevoli all’industria, ad alta intensità di carbonio e favorevoli allo sviluppo.

À lire aussi : L’Ontario di Doug Ford: chi sta vincendo e cosa significa per il futuro della provincia

Tutto ciò rende alcune scelte molto difficili per gli elettori preoccupati per il cambiamento climatico. Molti preferirebbero un governo di minoranza liberale dipendente dall’NDP, dal Bloc Québécois e/o dai Verdi per il sostegno.

Tali risultati, tuttavia, sono notoriamente difficili da progettare dal punto di vista dei singoli elettori.

Il recente inciampo di O’Toole sul controllo delle armi potrebbe indebolire in modo significativo l’appello del suo partito agli elettori moderati, in particolare in Québec e nelle aree urbane.

Ma i canadesi devono ancora affrontare elezioni indesiderate, che hanno messo a rischio il progresso climatico.