Le acque sotterranee sono una "bomba a orologeria ambientale"

0
54

Gli esseri umani hanno bisogno dell'acqua. Ne abbiamo bisogno per coltivare, fare il bagno, lavare i panni e, naturalmente, bere. Dopotutto, non siamo tardigradi. (Possono senz'acqua per 10 anni; possiamo andare solo per tre giorni.)

Il cambiamento climatico sta rimodellando il nostro mondo e i suoi effetti sull'acqua sono disastrosi, comprese le siccità più lunghe, l'aumento delle precipitazioni e rendendo più difficile l'accesso all'acqua. Circa 2 miliardi di persone prendono l'acqua dal suolo, ma il modo in cui il cambiamento climatico influisce su quella fonte d'acqua non è stato studiato così tanto.

Tale accesso potrebbe essere minacciato, tuttavia, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature Climate Change, che ha rilevato che più della metà dei sistemi di acque sotterranee del mondo potrebbero impiegare 100 anni per rispondere ai cambiamenti nell'ambiente. Ciò potrebbe avere ripercussioni drastiche sul modo in cui viviamo, dalla difficoltà di localizzare l'acqua da bere alla riduzione dell'offerta alimentare globale.

Una risorsa vitale

Alcune falde acquifere sono vicine alla superficie, come questa.
sheris9 / Shutterstock

Le acque sotterranee sono, come suggerisce il nome, l'acqua dolce immagazzinata sottoterra nelle falde acquifere. È arrivato a questi contenitori di stoccaggio sotterranei dopo essere gocciolato attraverso il suolo e la roccia nel corso di migliaia di anni. Le piogge e lo scioglimento della neve contribuiscono alla ricarica, o al rifornimento, delle acque sotterranee, ma una parte di quest'acqua va nei laghi, nei fiumi e negli oceani prima di essere pompata in superficie. Ciò aiuta a mantenere l'equilibrio delle falde acquifere e del sistema idrico nel suo complesso.

Alcuni di questi acquiferi impiegano un tempo incredibilmente lungo per ricaricarsi. Tecnicamente, l'acqua sotterranea è una risorsa rinnovabile, ma non dovremmo trattarla come tale, secondo uno studio del 2015 di Nature Geoscience, perché solo il 6% delle acque sotterranee in tutto il mondo viene reintegrato nel corso di una vita umana.

Le acque sotterranee sono un aspetto importante dell'approvvigionamento alimentare globale.
Fotografia di PK / Shutterstock

Miliardi di persone fanno affidamento sulle acque sotterranee. Lo portiamo in superficie tramite pompe o lo raccogliamo dai pozzi. Lo beviamo, annaffiamo i raccolti con esso e molto altro ancora. L'acqua che preleviamo da più vicino alla superficie è più fresca dell'acqua da più in profondità nel terreno, ma l'acqua più vicina alla superficie è più soggetta alla contaminazione e più vulnerabile alla siccità. Questi sono due fattori di rischio che sono aumentati con il cambiamento climatico.

E con l'aumentare della nostra popolazione, aumenta anche la domanda sulla catena alimentare, che si basa anche sulle acque sotterranee. L'approvvigionamento di acque sotterranee è già sotto stress. Lo studio del 2015 ha rilevato che alcune comunità in Egitto e nel Midwest degli Stati Uniti stanno già attingendo a quelle falde acquifere più profonde per ottenere l'acqua di cui hanno bisogno.

"Le acque sotterranee sono fuori dalla vista e lontano dalla mente, questa enorme risorsa nascosta a cui la gente non pensa molto, eppure è alla base della produzione alimentare globale", ha detto ad Agence France-Presse Mark Cuthbert della School of Earth and Ocean Sciences dell'Università di Cardiff. Cuthbert è uno degli autori dello studio Nature Climate Change.

Gli acquiferi impiegano molto tempo per adattarsi

Cuthbert e i suoi colleghi ricercatori hanno utilizzato i risultati dei modelli delle acque sotterranee e i set di dati idrologici per capire come le riserve di acqua sotterranea stavano rispondendo ai cambiamenti del clima.

Quello che hanno scoperto è che il 44% delle falde acquifere avrebbe lottato per ricaricarsi nei prossimi 100 anni a causa delle piogge influenzate dai cambiamenti climatici. I loro modelli hanno dimostrato che le falde acquifere più basse, quella su cui facciamo più affidamento, sarebbero state colpite particolarmente duramente da questi cambiamenti. In generale, le acque sotterranee in luoghi più umidi reagiscono ai cambiamenti su una scala temporale più breve rispetto alle regioni più aride, come i deserti. Nelle zone più umide, il tempo di risposta è molto più lungo, almeno dal punto di vista umano.

Questo può sembrare strano, ma cose come la siccità e le inondazioni possono avere effetti più immediati sulle aree più umide perché quelle falde acquifere sono più vicine al suolo di quelle nelle aree aride. Queste aree subiscono le fionde e le frecce del cambiamento climatico molto più rapidamente e in modo molto più evidente. Le falde acquifere in alcuni deserti, tuttavia, stanno ancora subendo gli effetti dei cambiamenti climatici di decine di migliaia di anni fa.

Le falde acquifere del Sahara non rispondono rapidamente ai cambiamenti.
astudio / Shutterstock

"Alcune parti delle acque sotterranee che si trovano sotto il Sahara attualmente stanno ancora rispondendo ai cambiamenti climatici di 10.000 anni fa, quando era molto più umido lì", ha detto Cuthbert ad AFP. "Sappiamo che ci sono questi enormi ritardi".

Questo ritardo significa che le comunità nelle aree aride non subiranno gli effetti dei cambiamenti climatici contemporanei sulle loro falde acquifere fino a generazioni da oggi.

"Questo potrebbe essere descritto come una bomba a orologeria ambientale perché qualsiasi impatto del cambiamento climatico sulla ricarica che si verifica ora avrà un impatto completo sul flusso di base verso i fiumi e le zone umide molto tempo dopo", ha detto Cuthbert.

I ricercatori concludono che le regioni devono fare piani per le acque sotterranee che tengano conto sia del presente che del futuro – il cambiamento che i creatori del piano non saranno vivi per vedere.

"Potrebbero anche esserci impatti inizialmente 'nascosti' sul futuro dei flussi ambientali necessari per sostenere i corsi d'acqua e le zone umide in queste regioni", hanno scritto. "È quindi fondamentale che le strategie di adattamento ai cambiamenti climatici che spostano la dipendenza dalle acque sotterranee rispetto alle acque superficiali tengano conto anche dei ritardi nell'idrologia delle acque sotterranee e includano orizzonti di pianificazione adeguatamente lunghi per il processo decisionale sulle risorse idriche".

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui