Le città dovrebbero buttare via i divieti sui sacchetti di plastica? È complicato

75

I sacchetti di plastica monouso sono una piaga per l’ambiente. Gli americani da soli ne usano 100 miliardi ogni anno, secondo il Center for Biological Diversity (CBD), che afferma che i sacchetti di plastica impiegano 1.000 anni per degradarsi in una discarica. E anche allora, i sacchetti di plastica non si rompono completamente. Al contrario, si fotodegradano, diventando microplastiche che assorbono le tossine e continuano a inquinare l’ambiente. Nel frattempo, uccelli, tartarughe marine e pesci scambiano abitualmente i sacchetti di plastica scartati per cibo, che possono causare malattie e morte lungo la catena alimentare.

Per questi motivi e molti altri, le comunità attente all’ambiente in tutto il mondo hanno vietato a ristoranti e rivenditori di utilizzare sacchetti di plastica monouso. Invece, le imprese e i consumatori sono incoraggiati a utilizzare sacchetti di carta riciclabili o sacchetti di stoffa riutilizzabili, in base alla logica che sono migliori per la Terra.

La California è diventato il primo stato degli Stati Uniti ad approvare un divieto sui sacchetti di plastica nel 2014. Da allora, altri sei stati hanno seguito l’esempio con divieti in tutto lo stato e più di 500 comuni in 28 stati con divieti locali, riferisce PlasticBagLaws.org, un sito Web dedicato all’informazione sulle leggi che limitano l’uso dei sacchetti di plastica.

Senza dubbio, gli architetti dei divieti dei sacchetti di plastica ritengono di agire bene nei confronti dell’ambiente. Una nuova ricerca dell’Università della Georgia (UGA), tuttavia, suggerisce che i loro sforzi potrebbero effettivamente fare più male che bene.

Il motivo è semplice: i sacchetti di plastica monouso non sono in realtà monouso. Anche se i consumatori in genere non li riutilizzano quando fanno la spesa, li riutilizzano in altri modi, ad esempio come sacchetti per i cestini. Nelle comunità in cui non ricevono sacchetti di plastica nei negozi, i consumatori cercano quindi delle alternative. Spesso, ciò significa acquistare piccoli sacchetti di plastica per la spazzatura, che aumenta invece di diminuire la popolazione di sacchetti di plastica nelle discariche e l’ambiente.

“Sappiamo che c’è una richiesta di utilizzo di sacchetti di plastica e sappiamo che se queste politiche entreranno in vigore, alcuni sacchetti scompariranno o diventeranno più costosi da ottenere”, Yu-Kai Huang, ricercatore post-dottorato presso la UGA Warnell School of Foreste e risorse naturali, ha detto in un comunicato stampa. “Quindi, volevamo vedere l’efficacia di questa politica nel ridurre l’utilizzo della borsa in generale.”

Mentre studi precedenti hanno esaminato l’effetto dei divieti sui sacchetti di plastica sul consumo di sacchetti di plastica, Huang e il suo collega, Richard Woodward della Texas A&M University, hanno voluto guardare più a fondo. Quindi, hanno misurato le vendite di sacchi della spazzatura di plastica nelle contee che hanno divieti o tasse sui sacchetti di plastica, quindi le hanno confrontate con le vendite di sacchi della spazzatura di plastica nelle contee che non lo fanno. I loro risultati sono stati evidenti: in California, le vendite di sacchi della spazzatura da 4 galloni sono aumentate dal 55% al ​​75% nelle comunità con politiche sui sacchetti, mentre le vendite di sacchi della spazzatura da 8 galloni sono aumentate dall’87% al 110%. Nel frattempo, le vendite di sacchi della spazzatura da 13 galloni, le dimensioni tipicamente utilizzate nei bidoni della spazzatura da cucina, sono rimaste relativamente invariate.

L’aumento delle vendite è misurabile non solo in dollari ma anche in sterline. Ad esempio, le vendite extra di sacchi della spazzatura da 4 galloni hanno causato un aumento del consumo di plastica da 30 a 135 libbre per negozio al mese, hanno scoperto Huang e Woodward. Allo stesso modo, le vendite extra di sacchi della spazzatura da 8 galloni hanno causato un aumento del consumo di plastica tra 37 e 224 libbre per negozio al mese.

“I sacchetti della spesa per il trasporto sono stati sostituiti con sacchi della spazzatura di dimensioni simili prima di attuare i regolamenti”, ha scritto Huang nello studio. “Dopo l’entrata in vigore delle normative, la domanda di sacchetti di plastica dei consumatori è passata da sacchetti di plastica regolamentati a sacchetti non regolamentati”.

Uno studio del 2017 di Recyc-Québec, un’organizzazione ambientale con sede a Montreal, suggerisce anche che i divieti sui sacchetti di plastica potrebbero essere problematici. Non solo perché possono essere riutilizzati come cestini per la spazzatura, ma anche perché sono meno dispendiosi in termini di energia e materiale da produrre.

Eppure, le comunità non dovrebbero necessariamente affrettarsi ad abrogare i divieti sui sacchetti di plastica. Perché nei negozi ad alto volume, i divieti potrebbero ancora essere in grado di avere un impatto positivo. Per i negozi che generano almeno 326 sacchetti di plastica da asporto al giorno, ad esempio, quasi 10.000 al mese, i divieti sui sacchetti di plastica comportano l’invio di meno sacchetti di plastica alle discariche.

Non si può negare che la riduzione della domanda e della produzione di plastica sia la strada da percorrere per arginare il più ampio problema dell’inquinamento da plastica e il divieto dei sacchetti può essere una parte della soluzione più ampia. Tuttavia, questo studio mette in luce come politiche ben intenzionate possano avere inconvenienti imprevisti.

Ha concluso Huang, “Non c’è una risposta chiara per questo. Il riutilizzo dei sacchetti della spesa da asporto forniti gratuitamente è una chiave per determinare l’efficacia complessiva delle relative politiche sui sacchetti della spesa”.

L’analisi di Huang e Woodward, che include variabili come il reddito e la densità di popolazione, che possono entrambi influenzare la quantità di spazzatura generata dalle comunità, appare sulla rivista Environmental and Resource Economics.