Le cupe prospettive di siccità per il 2022 per gli Stati Uniti occidentali offrono avvertimenti per il futuro poiché il cambiamento climatico porta un’atmosfera più calda e più assetata

253

Gran parte degli Stati Uniti occidentali è stata in preda a una siccità incessante dall’inizio del 2020. La siccità ha coinciso con incendi da record, ondate di calore intense e di lunga durata, flussi di torrenti bassi e forniture d’acqua in diminuzione nei bacini idrici che milioni di persone attraversano la regione fa affidamento.

Dirigendosi verso l’estate, le prospettive sono piuttosto cupe.

Un fattore determinante della siccità occidentale sono state le condizioni persistenti di La Niña nel Pacifico tropicale dall’estate del 2020. Durante La Niña, le acque tropicali più fresche del Pacifico aiutano a spingere la corrente a getto verso nord. Ciò tende a portare meno tempeste al livello meridionale degli Stati Uniti e produrre impatti pronunciati di siccità nel sud-ovest.

L’altra e forse più importante parte della storia è l’atmosfera più calda e assetata, causata da un clima in rapido riscaldamento.

Come scienziato del clima, ho osservato come il cambiamento climatico stia peggiorando le condizioni di siccità, in particolare negli Stati Uniti occidentali e centrali. Gli ultimi due anni sono stati più di 2 gradi Fahrenheit (1,1 Celsius) più caldi del normale in queste regioni. Ampie zone del sud-ovest sono state ancora più calde, con temperature superiori di oltre 3 F (1,7 C). Gli studi suggeriscono che la siccità in corso da 20 anni nel sud-ovest è la più grave in almeno 1.200 anni, in base a quanto sono asciutti i suoli.

Un’atmosfera più calda aspira più umidità dal suolo

Un’atmosfera più frizzante tende a estrarre più acqua dalla terra. Esacerba lo stress evaporativo sulla terra, in particolare quando una regione sta vivendo precipitazioni al di sotto del normale. Un elevato stress evaporativo può esaurire rapidamente l’umidità del suolo e portare a temperature più calde, poiché l’effetto di raffreddamento evaporativo è diminuito. Tutto ciò crea stress idroclimatico per le piante, causando crescita limitata, secchezza e persino morte.

A causa del riscaldamento climatico, il sud-ovest degli Stati Uniti ha visto un aumento dell’8% di questa domanda di evaporazione dagli anni ’80. Questa tendenza si sta generalmente verificando in altre parti del paese.

L’atmosfera di questo livello sta trasformando quelle che altrimenti sarebbero condizioni quasi normali o moderatamente secche in siccità più gravi o estreme. Man mano che il clima si riscalda ulteriormente, la crescente sete atmosferica continuerà ad intensificare lo stress da siccità, con conseguenze sulla disponibilità di acqua, stress da caldo intenso e di lunga durata e trasformazione dell’ecosistema su larga scala.

I modelli climatici proiettano prospettive minacciose di un clima più arido e di siccità più gravi nel sud-ovest e nelle Grandi Pianure meridionali nei prossimi decenni.

Oltre agli impatti diretti dell’aumento delle temperature sulla siccità futura, si prevede che queste regioni vedranno anche meno tempeste e più giorni senza precipitazioni. I modelli climatici proiettano costantemente uno spostamento verso i poli nelle tracce delle tempeste di media latitudine durante questo secolo mentre il pianeta si riscalda, il che dovrebbe comportare un minor numero di tempeste nella fascia meridionale del paese.

Aspettatevi siccità improvvise anche nelle zone più umide

La natura mutevole della siccità è motivo di preoccupazione anche in alcune parti degli Stati Uniti che dovrebbero avere un aumento netto delle precipitazioni annuali durante il 21° secolo. In un futuro più caldo, a causa dell’elevata domanda di evaporazione sulla terra, periodi prolungati con settimane o mesi di precipitazioni al di sotto del normale in queste aree possono portare a una siccità significativa, anche se la tendenza generale è di maggiori precipitazioni.

Grandi parti delle pianure settentrionali, ad esempio, hanno visto aumentare le precipitazioni del 10% o più negli ultimi tre decenni. Tuttavia, la regione non è immune da gravi condizioni di siccità in un clima più caldo.

Alla fine di quello che è stato il decennio più piovoso mai registrato nella regione, le pianure settentrionali hanno subito un’intensa siccità improvvisa nell’estate del 2017 che ha provocato perdite agricole superiori a 2,6 miliardi di dollari e incendi su milioni di acri. La domanda record di evaporazione ha contribuito alla gravità della siccità improvvisa, oltre a un grave deficit di precipitazioni a breve termine. Una siccità lampo è una siccità che si intensifica rapidamente nell’arco di poche settimane e spesso coglie di sorpresa i meteorologi. Si prevede che la probabilità di siccità improvvise che possono causare gravi impatti sull’agricoltura e sugli ecosistemi e promuovere grandi incendi boschivi aumenterà con un’atmosfera più calda e assetata.

Durante la siccità improvvisa del 2017, un contadino del Nord Dakota si trova in un campo di grano che a quel punto avrebbe dovuto essere due volte più alto. Foto di AP/Blake Nicholson

Anche le siccità improvvise stanno emergendo come una preoccupazione crescente nel nord-est. Nel 2020, gran parte del New England ha subito un’estrema siccità idrologica, con bassi flussi di flusso e livelli delle acque sotterranee e perdite di raccolto diffuse tra maggio e settembre. Aiutata da condizioni atmosferiche molto calde e secche, la siccità si è sviluppata molto rapidamente in quel periodo da quelle che erano state condizioni di umidità al di sopra del normale.

Man mano che l’umanità entra in un futuro più caldo, periodi prolungati da settimane a mesi di precipitazioni al di sotto del normale saranno una preoccupazione maggiore quasi ovunque.

Dirigersi in un territorio sconosciuto

Stanno emergendo anche altre forme di siccità.

Il riscaldamento atmosferico sta causando la siccità della neve poiché più precipitazioni cadono quando la pioggia piuttosto che la neve e la neve si scioglie prima. Le stagioni della neve più brevi e le stagioni di crescita più lunghe a causa delle temperature più calde stanno cambiando i tempi delle risposte ecologiche.

L ‘”anello della vasca da bagno” sul lago Powell, uno dei più grandi bacini idrici della nazione, attesta il calo del livello dell’acqua in due decenni di siccità in Arizona. Il bacino idrico del fiume Colorado è fondamentale per l’approvvigionamento idrico e l’energia idroelettrica. Justin Sullivan/Getty Images

La terra sta inverdindosi prima e causa una perdita precoce di acqua dalla superficie terrestre a causa dell’evapotraspirazione, la perdita di acqua dalle piante e dal suolo. Ciò potrebbe comportare terreni più asciutti nella seconda metà della stagione di crescita. Di conseguenza, parti degli Stati Uniti centrali e occidentali potrebbero vedere in futuro sia un aumento dell’inverdimento che dell’essiccazione, che sono stagionalmente separati durante la stagione di crescita.

Con un clima in rapido cambiamento, stiamo entrando in un territorio sconosciuto. Il mondo avrà bisogno di nuovi modi per anticipare meglio le future siccità che potrebbero trasformare i sistemi naturali e umani.

À lire aussi : Il futuro dell’energia idroelettrica è offuscato da siccità, inondazioni e cambiamenti climatici: è essenziale anche per la rete elettrica statunitense