Le nostre scelte di oggi modellano le condizioni future per la vita sulla Terra

59

Gli anni ’70 lanciarono una resa dei conti ambientale negli Stati Uniti Spinti dalla crescente preoccupazione dell’opinione pubblica, le aziende e i leader nazionali si impegnarono a proteggere le risorse e crearono nuove leggi e agenzie per guidare tale sforzo.

In mezzo a queste discussioni, un gruppo di ricercatori del MIT ha affrontato una domanda di vasta portata: per quanto tempo l’umanità può continuare a crescere e consumare al ritmo attuale?

Usando la modellazione al computer, hanno trovato una risposta inquietante:

“Se le attuali tendenze di crescita della popolazione mondiale, dell’industrializzazione, dell’inquinamento, della produzione alimentare e dell’esaurimento delle risorse continueranno invariate, i limiti alla crescita su questo pianeta saranno raggiunti entro i prossimi cento anni. Il risultato più probabile sarà un calo piuttosto improvviso e incontrollabile sia della popolazione che della capacità industriale”.

Il loro rapporto, “The Limits to Growth”, ha generato ampie polemiche quando è stato pubblicato nel 1972. Era un’estensione intellettuale della tesi del biologo Paul Ehrlich nel suo bestseller del 1968 “The Population Bomb”, che prevedeva che la domanda mondiale aggregata di risorse, dalla crescita della popolazione, porterebbe alla futura fame. Alcune previsioni in “The Limits to Growth” erano straordinariamente accurate, mentre altre si sono rivelate lontane.

In qualità di economista ambientale, tendo a essere scettico sul fatto che qualsiasi modello possa spiegare come opera l’economia globale in un singolo momento, per non parlare delle condizioni globali nel 2100.

Tuttavia, credo che “The Limits to Growth” abbia ragione su un punto più ampio: gli esseri umani devono limitare e presto ridurre la loro produzione aggregata di emissioni di gas serra. Gli autori hanno anticipato il potenziale per l’economia mondiale di passare a fonti di energia più pulite, osservando che “se un giorno il fabbisogno energetico dell’uomo sarà fornito dall’energia nucleare anziché dai combustibili fossili, questo aumento dell’anidride carbonica atmosferica finirà per cessare, si spera prima che sia ha avuto un effetto ecologico o climatologico misurabile”.

Una cifra da “I limiti alla crescita”, con il consumo che continua al tasso del 1970. L’esaurimento delle risorse non rinnovabili porta a un crollo della produzione industriale, con l’arresto della crescita prima del 2100. YaguraStation/Wikipedia, CC BY-SA

Estrapolazione dell’uso delle risorse

Il team di ricerca del MIT che ha prodotto “The Limits to Growth” si è concentrato su cinque fattori di base che secondo loro hanno determinato, e quindi in definitiva limitato, la crescita sulla Terra: popolazione, produzione agricola, risorse naturali, produzione industriale e inquinamento.

Hanno ipotizzato che un’economia in crescita alla fine divori le sue limitate riserve di risorse naturali. Se la domanda aggregata di risorse come legno, petrolio, gomma, rame e zinco aumenta man mano che la popolazione mondiale cresce e il reddito pro capite aumenta, si prevede che il mondo finirà per esaurire queste preziose risorse.

In fondo, questo è un esercizio di estrapolazione. Se le nazioni in via di sviluppo come l’India raggiungeranno entro il 2035 il livello di reddito medio degli Stati Uniti nell’anno 2000, l’argomento è che la persona media in India nel 2035 consumerà la stessa quantità di risorse naturali dell’americano medio in 2000. Questo approccio presuppone che possiamo prevedere i modelli di consumo futuri di una nazione in via di sviluppo osservando i modelli di consumo in un paese ricco oggi.

La ricchezza pro capite varia ampiamente in tutto il mondo. Le nazioni più ricche hanno un consumo di risorse pro capite molto più elevato. Il nostro mondo di dati, CC BY-ND

Gli economisti rispondono

Gli economisti tendono ad essere più ottimisti sul fatto che la crescita economica in corso possa rallentare la crescita della popolazione, accelerare il progresso tecnologico e produrre nuovi beni che offrano ai consumatori i servizi che desiderano senza le conseguenze ambientali negative associate al consumo passato.

La mentalità Limits to Growth presuppone implicitamente che il nostro menu di scelte di consumo non cambi realmente nel tempo. Considera il mercato dei veicoli: nel 2000 non si poteva comprare una Tesla o una Chevy Volt per spostarsi senza consumare combustibili fossili.

Un tipico economista sosterrebbe che Elon Musk ha investito in Tesla perché prevedeva la crescente domanda di veicoli elettrici di alta qualità. In questo senso, la convinzione che potremmo rimanere senza petrolio ci aiuta ad adattarci alla prevista scarsità accelerando l’innovazione.

Come mai? Se l’ipotesi dei limiti alla crescita è corretta, i prezzi futuri del gas aumenteranno poiché la domanda aggregata divora la nostra offerta limitata di risorse. E con l’aumento dei prezzi del gas, aumenterà anche la domanda futura di veicoli elettrici.

Questo punto si applica a qualcosa di più delle auto. In una rivalutazione del 1992 de “I limiti della crescita”, il premio Nobel William Nordhaus ha affermato che l’aumento della domanda aggregata di risorse naturali scambiate nei mercati, come petrolio, legno e rame, porterà a un aumento dei prezzi. Questo segnale di scarsità incoraggerà gli acquirenti a sostituire altri prodotti con risorse sempre più costose.

Gli economisti tendono ad essere ottimisti sul fatto che possiamo sempre trovare sostituti per risorse che stanno diventando sempre più scarse. “The Limits to Growth” presupponeva implicitamente che tali possibilità fossero limitate.

Le aziende a scopo di lucro progettano costantemente nuovi prodotti per attirare i consumatori. Alcuni beni, come gli smartphone, possono esaurire le risorse naturali. Ma altri hanno un’impronta ambientale inferiore rispetto ai prodotti che sostituiscono e questi vantaggi ecologici possono aiutare ad attirare i clienti.

Ad esempio, le persone benestanti oggi scelgono di mangiare meno carne rossa per migliorare la propria salute. Le aziende innovative stanno progettando “carne finta” per soddisfare quei consumatori. Se un numero maggiore di consumatori sostituisce la carne finta con la carne, gli impatti ambientali perversi dell’assunzione calorica globale diminuiscono.

“The Limits to Growth” ha sottolineato la crescita della popolazione e del reddito come determinanti chiave del collasso delle risorse. Ma in tutto il mondo, man mano che le persone si trasferiscono nelle città e i loro guadagni aumentano, tendono a sposarsi più tardi e ad avere meno figli. Il premio Nobel Gary Becker sostiene che scegliere di avere meno figli significa dare la priorità alla qualità rispetto alla quantità di bambini. Tali scelte domestiche aiutano a ridurre la crescita della popolazione aggregata e a disinnescare la “bomba demografica”.

Copenaghen offre un modello per lo sviluppo urbano sostenibile, con l’obiettivo della neutralità del carbonio entro il 2025.

I limiti che contano oggi

Oggi, scienziati e responsabili politici concordano ampiamente sul fatto che il cambiamento climatico sia una sfida prioritaria in tutto il mondo. Ma il rischio non sta esaurendo le risorse. Piuttosto, sta riscaldando la Terra in modo abbastanza drastico da produrre ondate di calore, incendi, inondazioni e altri impatti su scala catastrofica.

La prescrizione standard della politica economica per ridurre le emissioni di gas serra che guidano il cambiamento climatico è l’adozione di una tassa sul carbonio. Ciò offre ai consumatori un incentivo a utilizzare meno combustibili fossili e alle imprese un incentivo a produrre migliori tecnologie a basse emissioni di carbonio, come i veicoli elettrici e l’energia verde.

Se ogni nazione adottasse una tassa sul carbonio che aumenta nel tempo, gli economisti sarebbero fiduciosi che potremmo evitare i più gravi effetti negativi della crescita economica globale. Come mai? Si svilupperebbe una grande corsa, con le emissioni di carbonio per dollaro di prodotto interno lordo globale in calo più velocemente di quanto aumenterebbe la crescita economica e le emissioni globali in calo.

La stragrande maggioranza degli economisti ritiene che la crescita economica sia essenziale per migliorare la vita di miliardi di persone nei paesi in via di sviluppo. Poiché le persone investono nell’istruzione e si urbanizzano, la logica economica prevede che la crescita della popolazione rallenterà. E l’efficienza energetica aumenterà se i prezzi dell’energia aumenteranno nel tempo, a causa dell’innovazione indotta.

I bambini fanno la fila per ricevere acqua gratuita distribuita dal governo keniota a Nairobi, 7 aprile 2020. Gordwin Odhiambo/AFP tramite Getty Images

Gli scienziati del clima stanno analizzando quanto le nazioni devono ridurre le loro emissioni aggregate per evitare il cambiamento climatico su scala catastrofica. Idealmente, le politiche di mitigazione del clima possono essere messe a punto per bilanciare la crescita del reddito pro capite globale in corso rimanendo entro i limiti di emissioni aggregate prescritti dalla ricerca scientifica sul clima.

Poiché non sono noti i costi pieni del cambiamento climatico incontrollato, molti economisti hanno abbracciato l’idea di ridurre le emissioni di carbonio come assicurazione contro i rischi climatici estremi. Chiamalo un “limite alla crescita del carbonio”. Gli sforzi in corso per investire nell’adattamento ai cambiamenti climatici e gli sforzi nascenti per esplorare il potenziale della geoingegneria, forniscono all’umanità strategie aggiuntive per far fronte alle conseguenze della nostra passata crescita del carbonio.