Le nuove stoviglie monouso si biodegradano completamente in 60 giorni

0
4

È bello sognare un mondo a rifiuti zero, in cui le persone si ricordino sempre di portare i loro contenitori riutilizzabili nei negozi che li riempiono allegramente, e non ci sono cumuli di riciclaggio della plastica da mettere sul marciapiede ogni settimana. Anche se non dovremmo smettere di lottare per questo ideale, non è realistico pensare che prenderà presto il controllo del mondo. Ci sarà ancora bisogno di contenitori monouso e usa e getta ancora per molto tempo, sia per motivi di igiene (ciao, COVID-19) che per comodità in movimento.

Ecco dove l'innovazione può aiutare. Progettare contenitori veramente biodegradabili realizzati con materiali naturali è una buona soluzione che potrebbe ridurre i rifiuti di plastica, e un gruppo di scienziati della Northeastern University di Boston ha fatto proprio questo. Guidato da Hongli (Julie) Zhu, il team ha ideato un set di stoviglie verdi realizzato con polpa di canna da zucchero e bambù.

La polpa di canna da zucchero, nota anche come bagassa, è il residuo fibroso rimasto dopo aver schiacciato la canna da zucchero per estrarre il succo. È un sottoprodotto dell'industria alimentare e spesso va sprecato, quindi questo gli dà un nuovo scopo. I ricercatori lo hanno intrecciato con fibre di bambù per creare un materiale che sia meccanicamente stabile e completamente biodegradabile. Da un comunicato stampa:

"Le nuove stoviglie verdi non sono solo abbastanza resistenti da contenere liquidi come fa la plastica e più pulite di quelle biodegradabili [containers] realizzati con materiali riciclati che potrebbero non essere completamente disinchiostrati, ma iniziano anche a decomporsi dopo essere stati nel terreno per 30-45 giorni e perde completamente la forma dopo 60 giorni."

Zhu ha confermato con Treehugger che le stoviglie si romperanno in una compostiera da cortile e non richiederanno il calore intenso di un impianto di compostaggio industriale, come fanno molti cosiddetti contenitori biodegradabili.

Le stoviglie contengono anche alchilchetene dimero (AKD), una sostanza chimica ecologica ampiamente utilizzata nell'industria alimentare per migliorare la resistenza all'olio e all'acqua e per garantire robustezza quando è bagnata. "Con l'aggiunta di questo ingrediente, le nuove stoviglie hanno superato i contenitori per alimenti biodegradabili commerciali, come altre stoviglie a base di bagassa e cartoni delle uova, in termini di resistenza meccanica, resistenza al grasso e non tossicità".

Ruby Wallau/Northeastern University (usato con permesso)

Quando è stato chiesto se si fosse verificato un ammorbidimento dopo un'esposizione prolungata o ripetuta a una bevanda, Zhu ha detto a Treehugger che le stoviglie sono rimaste completamente intatte dopo due ore. Per i primi 30 minuti ha tenuto acqua bollente, ma questa si è raffreddata nel tempo, come farebbe qualsiasi bevanda calda.

Ancora più impressionante è la bassa impronta di carbonio di queste stoviglie. Il suo processo di produzione "emette il 97% in meno di CO2 rispetto ai contenitori di plastica disponibili in commercio e il 65% in meno di CO2 rispetto ai prodotti di carta e alla plastica biodegradabile". È anche sostanzialmente più economico da produrre, con un costo di $2,333/ton rispetto alla plastica biodegradabile a $4,750/ton. L'ultimo ostacolo è renderlo più conveniente rispetto ai bicchieri di plastica convenzionali, che costano solo $2,177/ton, ma non è troppo lontano da questo obiettivo.

Zhu ha detto a Treehugger che le stoviglie sono adatte a una vasta gamma di usi una tantum, da caffetterie, supermercati e punti ristoro dei centri commerciali, a feste private e uso domestico. Ha detto nel comunicato stampa: "È difficile vietare alle persone di utilizzare contenitori monouso perché è economico e conveniente. Ma credo [a] una buona soluzione è utilizzare materiali più sostenibili, utilizzare materiali biodegradabili per realizzare questi contenitori monouso".

Potrebbe non essere un mondo perfetto a zero rifiuti, ma avere contenitori che possono rompersi completamente nella propria compostiera domestica si sta avvicinando molto.

I dettagli sulle nuove stoviglie verranno pubblicati il ​​12 novembre sulla rivista Matter.