Le radici della nostra attuale crisi ambientale risalgono a 12.000 anni fa

9

La nostra civiltà globale potrebbe dubitare della sua padronanza della Terra mentre chiudiamo temporaneamente le imposte su molte delle nostre società a causa del COVID-19. Tra gli studiosi di ecologia, una conversazione è stata su come la distruzione della fauna selvatica e dell'habitat e la destabilizzazione dell'ecosistema potrebbero essere collegate alla nostra attuale pandemia. Alcuni addirittura sostengono – come ha scritto di recente lo studioso di ecologia Vijay Kolinjivadi su Uneven Earth – il coronavirus è un prodotto del capitalismo stesso.

Il capo del programma ambientale delle Nazioni Unite e altri esperti affermano che l'attuale pandemia è un segnale di avvertimento della natura. Credono che questo possa essere l'inizio della diffusione di altre malattie infettive.

Questo non è un nuovo sviluppo, tuttavia. La storia di come si è formato il nostro attuale stato ambientale ha più di 12.000 anni.

Siamo noi il virus?

Sulla scia del nostro recente ritiro al chiuso, gli animali hanno iniziato a reclamare gli spazi dominati dall'uomo. La nostra economia in stallo ha portato a una migliore qualità dell'aria nelle principali città. Gli effetti immediati della nostra contrazione sociale sono evidenti.

Ciò ha portato in superficie una narrativa perenne e la paura, rapidamente respinta, che gli esseri umani siano il vero virus e che il COVID-19 sia il vaccino della Terra. Tuttavia, le persone hanno avuto ragione a sottolineare che una piccola minoranza di attori – grandi aziende e governi – è responsabile della stragrande maggioranza della distruzione ecologica e delle emissioni di carbonio.

Mentre discutiamo delle proposte su come dovrebbe essere il mondo dopo il virus, dobbiamo discutere le radici di ciò che ci ha portato qui. Fare questo ci aiuterà a cambiare in modo sistemico, piuttosto che solo in superficie.

Storie delle origini e dell'Antropocene

Abbiamo cambiato il pianeta così tanto che può essere rilevato nella crosta stessa della Terra. Ciò ha portato alcuni a chiamare la nostra epoca attuale come la nostra specie, chiamandola Antropocene.

Quando è iniziato l'Antropocene? Una risposta spesso suggerita è l'inizio della Rivoluzione Industriale, quando alcuni umani iniziarono a cambiare il pianeta a un ritmo notevole. Ciò include il pompaggio delle prime emissioni significative di gas serra.

Un telaio in una fabbrica meccanizzata nel 1835: il tessile era l'industria trainante della Rivoluzione Industriale.
(T. Allom/'Storia della manifattura del cotone in Gran Bretagna, di Sir Edward Baines')

Tuttavia, non tutti gli esseri umani hanno partecipato a questo processo. Questo è il motivo per cui alcuni hanno sostenuto di chiamare la nostra epoca con il nome degli accordi sociali ed economici che l'hanno creata. Lo sviluppo del capitalismo è spesso indicato come la caratteristica distintiva della nostra epoca.

Ma dobbiamo guardare più indietro alla genesi della nostra attuale serie di crisi: ambientale, disuguaglianza e dominio e malattie epidemiche che colpiscono sia noi che gli animali domestici, incluso il COVID-19. Tutti hanno le loro radici nei primi terreni lavorati.

Terreni fertili (per malattie)

La rivoluzione agricola è iniziata circa 12.000 anni fa e ha innescato un cambiamento a cascata nelle relazioni uomo-ambiente tra alcuni popoli che deve ancora finire. L'addomesticamento dei cereali e del bestiame, su cui si basa questa rivoluzione, ha creato le dimensioni e le densità della popolazione che forniscono la base per le malattie epidemiche.

A ventaglio da quei centri iniziali, la rivoluzione agricola arrivò nelle Americhe (sebbene anche qui fosse già iniziata), portata e attuata dai coloni europei, con risultati disastrosi.

Continua nella foresta pluviale amazzonica mentre la foresta viene disboscata, estratta e piantata. I popoli indigeni sono nuovamente a maggior rischio di malattie introdotte.

Società, non specie

L'agricoltura iniziò non molto tempo dopo la fine dell'ultima grande era glaciale. Le condizioni climatiche stabili hanno reso possibile la semina dei cereali. L'agricoltura è germogliata in più località in tutto il mondo in un momento simile.

Tuttavia, dei circa 300.000 anni di esistenza degli esseri umani moderni, il nostro attuale stile di civiltà agricola comprende al massimo il 4% del tempo dell'umanità sul pianeta. Questa è l'era che viene insegnata agli studenti nelle scuole. Ma questo è solo un filone della storia umana.

Questa narrazione è la storia delle origini della nostra cultura. Non c'è da stupirsi che sia così difficile per noi pensare che ci siano alternative praticabili. L'idea dell'Antropocene fonde la definizione stessa della nostra intera specie con un unico modo di vivere che è stato esso stesso uno sviluppo relativamente recente.

La stragrande maggioranza del tempo dell'umanità è stata di noi che viviamo in un modo completamente diverso. Alcuni popoli indigeni, dall'Amazzonia al Golfo del Bengala, continuano a vivere in una certa approssimazione di quel diverso modo di vivere fino ad oggi.

Nell'idea dell'Antropocene è implicito non solo che tutte queste società non siano importanti, ma anche, in un certo modo, che non siano nemmeno realmente umane. Inoltre conferisce un senso di inevitabilità al nostro presente. Sembra dire che la nostra distruzione del pianeta è, purtroppo, solo una parte inevitabile della nostra natura. Suona come "noi siamo il virus" – non è vero?

Civiltà e sopravvivenza

Forse abbiamo bisogno di una nuova cornice e di un nome per la nostra era attuale invece dell'Antropocene. Questo potrebbe permetterci di vedere futuri alternativi.

Ciò non significa che dobbiamo smantellare le nostre strutture moderne per vivere come cacciatori-raccoglitori. Né significa che i cacciatori-raccoglitori vivano senza difficoltà, o che il resto dell'umanità sia caduto in disgrazia, sebbene la destabilizzazione del clima possa alla fine rendere impossibili le attuali pratiche agricole.

Grandi aziende e governi sono responsabili della stragrande maggioranza della distruzione ecologica e delle emissioni di carbonio. Qui una foto aerea di una cava nella Barossa Valley, in Australia.
(Dion Beetso/Unplash)

Ci sono molti aspetti e conquiste della civiltà agricola come la medicina moderna, Internet e i progressi scientifici, che se dovessimo perderli, ci sminuirebbero. Contiamo su molti dei medici e logistici più sviluppati durante questa pandemia.

Dopo la pandemia – e se vogliamo sopravvivere a questa era geologica – dobbiamo ristabilire relazioni reciprocamente migliorative con la Terra e gli uni con gli altri. Potrebbe non esserci modo migliore per farlo che rivolgersi alle società che hanno avuto successo, come le società di cacciatori-raccoglitori che hanno generalmente scoraggiato la gerarchia e mantenuto relazioni sostenibili e fiorenti con la terra.

Le risposte alla pandemia di COVID-19 vengono rifratte attraverso la disuguaglianza, la proprietà privata, le strutture di classe e il potere statale, tutte eredità agricole. C'è la tentazione, ad esempio, per gli Stati di rafforzare il controllo sulle popolazioni umane e non umane.

Questi modelli si sono ripetuti in crisi negli ultimi 12.000 anni e ci sono segni preoccupanti che stanno già accadendo in tutto il mondo.

Dobbiamo resistere con forza a questa inclinazione. Dobbiamo invece sforzarci di utilizzare questo momento, e le nostre migliori eredità di civiltà, nell'attenuazione delle nostre peggiori, e al servizio di culture giuste e sostenibili. In tal modo potremmo vivere non in modi vecchi, ma in modi completamente nuovi.