Le società idriche sono investimenti sicuri e troppo importanti per essere guidati dal profitto

0
5

L'attività delle società di gestione dell'acqua non è sempre così pura e chiara come molti di noi vorrebbero che fosse. È spesso un mondo pieno di sprechi, inquinamento dannoso e debiti.

Forse è per questo che il recente annuncio che una delle più grandi compagnie idriche del Regno Unito sarebbe stata "salvata" da una banca d'investimento australiana, è stato accolto da alcuni come un'opportunità per migliorare le cose con un'iniezione di denaro da 1 miliardo di sterline.

Ma dovremmo chiederci perché la Southern Water, che fornisce acqua e tratta la rete fognaria a 4,7 milioni di clienti nel Kent, nel Sussex, nell'Hampshire e nell'isola di Wight, abbia bisogno di essere salvata in primo luogo. La fornitura di acqua è sicuramente uno degli investimenti più sicuri che si possano immaginare: sono fornitori monopolistici di un servizio essenziale, all'interno di un regime normativo ben consolidato che garantisce flussi di cassa altamente prevedibili.

In breve, Southern Water non dovrebbe trovarsi in difficoltà finanziarie. Ma è stato uno dei più indebitati dei servizi idrici del paese e la sua situazione finanziaria è stata esacerbata da multe record per scarse prestazioni, dal rilascio di scarichi illegali nei fiumi e dalle acque costiere e dalla deliberata dichiarazione errata di informazioni.

I fallimenti di Southern Water dovrebbero essere motivo di un'importante inchiesta pubblica piuttosto che ignorati sotto il tappeto da un'acquisizione aziendale.

Anche la banca destinata ad assumere la società, Macquarie, ha un track record altamente discutibile. Come proprietario di Thames Water dal 2007 al 2017, ha rivoluzionato le finanze dell'azienda a vantaggio degli azionisti, che nel 2007 hanno ricevuto un dividendo speciale di 535 milioni di sterline nonostante i profitti di quell'anno fossero solo 190 milioni di sterline.

In effetti, durante il decennio del controllo di Macquarie, Thames Water ha pagato dividendi per oltre 2,5 miliardi di sterline. Nello stesso periodo, i debiti sono aumentati da circa £ 3,6 miliardi nel 2007 a £ 10,2 miliardi entro marzo 2016. La società è stata anche responsabile di diffuse perdite fognarie negligenti e di un forte aumento del deficit pensionistico aziendale. Quando Macquarie ha venduto la sua quota finale nel Tamigi nel 2017, le finanze dell'azienda erano gravemente esaurite.

Il regolatore del settore, Ofwat, fissa i prezzi massimi che possono essere applicati dai servizi idrici. Questi sono fissati ogni cinque anni in anticipo. All'interno di questo confine, le aziende sono libere di prendere le proprie decisioni su cose come i livelli di debito e il pagamento dei dividendi.

Ma la trasparenza normativa si perde nella densità del processo. L'ultima revisione dei prezzi, nel 2019, ha portato a centinaia di rapporti, alcuni dei quali lunghi migliaia di pagine. Sebbene il coinvolgimento del cliente sia visto come una parte importante della regolamentazione, questo è in gran parte inquadrato in termini di percezioni dei consumatori sui servizi idrici. Non vi è alcuna consultazione pubblica su questioni importanti come le acquisizioni societarie.

La trasparenza è inoltre compromessa da complesse strutture aziendali in parte detenute in giurisdizioni offshore. In alcuni casi, numerose holding si trovano tra il servizio idrico autorizzato regolamentato e la società madre finale. Non possiamo dire quali fondi stanno scorrendo dove, per quale scopo o chi ne sta beneficiando.

Acque tranquille, debito profondo

Infine, queste strutture di finanziamento dell'acqua contribuiscono alla disuguaglianza sociale e intergenerazionale. In definitiva, i consumatori di acqua sono l'unica vera fonte di reddito nel settore e l'accessibilità dell'acqua è diminuita negli ultimi due decenni. Quasi un quarto delle famiglie ha difficoltà a pagare le bollette dell'acqua.

Questo si traduce in reali difficoltà per le famiglie più povere. Eppure circa il 20% della bolletta media delle famiglie di £ 400 va sugli interessi della società idrica e sul pagamento dei dividendi. Nel 2021, i conti di Southern Water hanno mostrato un debito netto accumulato di 5,1 miliardi di sterline e un pacchetto retributivo per l'amministratore delegato del valore di oltre 1 milione di sterline (incluso un bonus di 550.900 sterline). Il pagamento medio annuo dei dividendi di Southern Water negli ultimi dieci anni è di 57 milioni di sterline.

Flusso di cassa affidabile.
Shutterstock/sirtravelalot

Mentre le finanze di Southern Water saranno inizialmente rafforzate dall'acquisizione di Macquarie, a lungo termine gli investitori cercheranno il rimborso con un profitto. In effetti, Macquarie descrive il fondo di investimento come "incentrato sul rendimento".

A più di 30 anni dalla privatizzazione, gli argomenti a favore della proprietà privata dell'acqua sono tutt'altro che convincenti. Ci sono poche prove di efficienza superiore, l'ingegneria finanziaria ha indebolito i bilanci aziendali e l'inquinamento ambientale è in aumento.

L'acqua non è come qualsiasi altra merce. È essenziale per tutta la vita e per la maggior parte dei processi sociali ed economici. Le società idriche non si limitano a fornire acqua, ma sono responsabili della protezione degli ecosistemi fragili. È fondamentale che le loro operazioni siano governate nell'interesse pubblico. La recente performance di Southern Water dovrebbe essere vista come un'opportunità per un'importante riconsiderazione del modo in cui viene gestita l'intera industria.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui