Le spiagge di Lagos hanno un problema di inquinamento microplastico

0
7

I detriti di plastica sono ovunque e hanno attirato l'attenzione dei responsabili delle politiche ambientali e dei regolatori. Quando questa plastica si rompe in particelle più piccole, di dimensioni inferiori a 5 mm, vengono chiamate microplastiche. In alcuni casi, possono essere visti solo al microscopio.

Esistono due tipi di microplastiche: primaria e secondaria. Le microplastiche primarie sono prodotte con dimensioni pari o inferiori a 5 mm. Gli esempi includono microperle utilizzate nei cosmetici e nei prodotti per la casa e pellet di resina utilizzati nella sabbiatura abrasiva.

Le microplastiche secondarie si formano dalla rottura di materiali plastici più grandi a causa di processi fotochimici, meccanici e biologici nell'ambiente.

Le fonti di microplastiche nei fiumi e negli oceani includono rifiuti, cattiva gestione dei rifiuti, impianti di trattamento delle acque reflue, trabocco dell'acqua piovana, effluenti industriali e persino solidi organici ottenuti dai processi di trattamento delle acque reflue.

La presenza di piccoli frammenti di plastica nell'ambiente marino è stata evidenziata per la prima volta negli anni '70. Ma con rinnovato interesse negli ultimi dieci anni, le microplastiche sono ora considerate un importante contaminante emergente.

Le microplastiche raccolgono e trasportano metalli pesanti e inquinanti organici come i bifenili policlorurati e gli idrocarburi aromatici policiclici. Questi inquinanti possono essere tossici. Possono essere cancerogeni, cioè hanno il potenziale di provocare il cancro e possono anche essere mutageni, possono portare a cambiamenti nella composizione genetica degli organismi.

Le microplastiche rilasciano anche additivi plastici nell'ambiente marino. Questi possono contaminare il suolo, l'aria, l'acqua e il cibo. Possono danneggiare le creature che vivono nel mare bloccando il loro tratto digerente, modificando i loro schemi di alimentazione, diminuendo la loro risposta immunitaria e alterando le attività riproduttive. Possono anche essere trasferiti lungo la catena alimentare all'uomo quando vengono ingeriti da organismi marini.

La minaccia delle microplastiche

Le microplastiche sono semplicemente ovunque. Studi hanno segnalato la loro presenza nelle viscere di uccelli, pesci e mammiferi marini. Sono stati segnalati anche in aree remote delle Alpi e dell'Artico.

La maggior parte degli studi sulle microplastiche sono stati condotti al di fuori dell'Africa. Attualmente, i dati sulla presenza di microplastiche nell'Africa subsahariana sono pochi o nulli.

Abbiamo esaminato i sedimenti superficiali di quattro spiagge di Lagos alla ricerca di microplastiche. Questo è stato il primo tentativo di indagare i livelli di microplastica nell'ambiente costiero nigeriano.

Abbiamo trovato microplastiche in tutti i campioni di sedimenti raccolti dalle spiagge. Abbiamo scoperto che i frammenti di plastica hanno dominato tutti i campioni che abbiamo esaminato. Questo è stato seguito da pellet e poi fibre. L'elevato numero di frammenti suggerisce la scomposizione di oggetti di plastica più grandi a causa dello smaltimento dei rifiuti e della cattiva gestione dei rifiuti come la fonte più significativa di microplastiche nelle spiagge.

I polimeri plastici confermati erano polipropilene, polietilene e polistirene. Questi polimeri vengono utilizzati, tra le altre cose, per produrre contenitori rigidi per la ristorazione (contenitori di polistirolo), bicchieri usa e getta, bottiglie, nonché involucri e sacchetti di plastica.
Questo studio conferma anche la natura onnipresente delle microplastiche nell'Atlantico, come riportato in studi provenienti da diverse regioni e località.

Andando avanti

Altri paesi stanno già adottando misure per ridurre al minimo l'inquinamento da microplastiche. Circa 127 hanno implementato politiche per regolare la produzione e l'utilizzo della plastica. La Nigeria non dovrebbe essere un'eccezione.

Il paese deve adottare una serie di politiche per gestire la plastica.

Il governo nigeriano – a tutti i livelli – dovrebbe incoraggiare i cittadini e le organizzazioni ad abbracciare la "nuova economia della plastica" dove la plastica non diventa mai un rifiuto. I materiali plastici privi di valore post-utilizzo – plastica monouso – come le lastre di polistirolo e le onnipresenti bustine d'acqua dovrebbero essere gradualmente eliminati.

Gli individui possono anche agire riducendo la loro impronta di plastica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui