Le valutazioni di impatto ambientale in Nigeria non funzionano: ecco perché

64

Dal 1972, anno in cui si tenne la prima conferenza mondiale sull’ambiente, le risposte ai problemi ambientali sono state diverse. Uno di questi è l’introduzione delle valutazioni di impatto ambientale. Questi sono vitali nel processo decisionale ambientale. Garantiscono che le questioni ambientali e di sostenibilità siano integrate nella pianificazione dello sviluppo.

In Nigeria, queste valutazioni sono disciplinate principalmente dall’Environmental Impact Assessment Act 1992. In base a questa legge, è richiesta una valutazione dell’impatto ambientale per i progetti di sviluppo che possono avere effetti negativi significativi sull’ambiente.

Ma le valutazioni non vengono effettuate spesso. Si verificano ancora sviluppi chiaramente dannosi per l’ambiente. La bonifica dei terreni, ad esempio, avviene spesso senza una valutazione dei suoi impatti. Ciò ha portato alla perdita di zone umide in molte parti della Nigeria.

Di conseguenza, l’efficacia, la disponibilità, l’impatto e il processo delle valutazioni ambientali in Nigeria sono stati messi in discussione.

Ho esaminato le debolezze del sistema nigeriano per la mia ricerca di dottorato. Ho analizzato la legge sulla valutazione dell’impatto ambientale, nonché i rapporti di valutazione dell’impatto ambientale dei progetti di sviluppo, rispetto ai principi e alle politiche delle migliori pratiche internazionali. In particolare ho esaminato se la legge e la prassi garantiscano effettivamente il diritto delle persone all’informazione, alla partecipazione e alla giustizia.

I nigeriani ricevono poche o nessuna informazione sulla valutazione ambientale dei progetti di sviluppo, ho scoperto. Raramente partecipano alle decisioni sui progetti e in pratica non sono in grado di chiedere riparazione ai tribunali o ad altri organi amministrativi.

Questo mi ha portato a concludere che la legge e la pratica delle valutazioni di impatto ambientale in Nigeria non facilitano la giustizia ambientale procedurale. In altre parole, non garantiscono che le decisioni che incidono sull’ambiente siano prese in modo imparziale e trasparente.

I recenti sviluppi rendono necessario considerare anche le implicazioni della legge sulla valutazione dell’impatto ambientale sulla protezione dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile.

Debolezze della legge

La legge sulla valutazione dell’impatto ambientale vieta ai privati ​​e agli enti pubblici di intraprendere o autorizzare progetti senza tener conto dei loro effetti sull’ambiente.

In pratica, tuttavia, è normale che i progetti di sviluppo inizino senza una valutazione di impatto ambientale.

E anche nel caso di accertamento, possono sussistere comunque violazioni delle disposizioni in materia di diritto all’informazione e alla partecipazione. Il dragaggio del basso fiume Niger è un esempio calzante. La valutazione di impatto ambientale di questo progetto è stata effettuata nel corso dei lavori. E ad alcuni membri delle comunità colpite non è stato né consultato né fornito il rapporto di valutazione.

Forse una delle ragioni del mancato rispetto della legge risiede nella sua disposizione di applicazione. La sanzione pecuniaria prescritta è del tutto inadeguata. Le persone colpevoli sono passibili di una multa di 100.000 naira (circa US $ 238). Le aziende o le società possono essere multate tra 50.000 naira (circa $ 119) e un milione di naira (circa $ 2.384).

Non solo le sanzioni sono troppo basse per imporre il rispetto, ma non vengono quasi mai imposte ai trasgressori.

La mia ricerca ha mostrato che non è sufficiente che la normativa elenchi i fattori da considerare e le condizioni da soddisfare prima di prendere una decisione su un’attività proposta.

È necessario molto di più di questi requisiti di base.

I diritti delle persone interessate dai progetti di sviluppo devono essere riconosciuti.

In primo luogo, l’accesso alle informazioni sui progetti è fondamentale. La legge sulla valutazione dell’impatto ambientale richiede che le informazioni fornite nell’ambito del processo di valutazione dell’impatto ambientale siano messe a disposizione del pubblico. Ma ciò non garantisce che il pubblico sia effettivamente informato sulla valutazione.

Ad esempio, le informazioni ambientali sono spesso scritte in un linguaggio tecnico, che richiede un’interpretazione esperta. E non sono previste disposizioni per la condivisione delle informazioni in formati speciali come caratteri grandi e braille. Ciò significa che le persone non hanno un accesso sostanziale alle informazioni.

In secondo luogo, la partecipazione pubblica al processo decisionale lascia molto a desiderare. L’atto afferma che il pubblico ha il diritto di partecipare al processo decisionale in materia ambientale. Ma non prescrive come.

In pratica, la partecipazione del pubblico assume la forma di un’attività di diffusione delle informazioni e di raccolta di dati. Non funziona come un processo attraverso il quale il pubblico può influenzare il processo decisionale.

Inoltre, le opportunità di partecipazione pubblica sono spesso rese disponibili molto tardi nel processo, quando sono già state prese decisioni chiave sulla dimensione, l’ubicazione e il tipo di progetto. Il coinvolgimento del pubblico in una fase avanzata del progetto può essere solo una questione di pubbliche relazioni. Questo può essere utilizzato per giustificare decisioni già prese o evitare conflitti, ma non per tenere in debita considerazione il contributo pubblico.

Infine, l’Environmental Impact Assessment Act della Nigeria è problematico perché non garantisce l’accesso alla giustizia. Non prevede un riesame amministrativo delle decisioni dell’agenzia di regolamentazione. I membri del pubblico lesi possono chiedere riparazione solo nei tribunali. Ma questo è costoso e richiede tempo. A volte anche il contenzioso può fornire rimedi inadeguati.

Prossimi passi

La legge nigeriana sulla valutazione dell’impatto ambientale deve essere modificata per allinearla alle migliori pratiche internazionali. Le nuove politiche devono garantire che, oltre ai loro benefici economici, si tenga conto degli impatti ambientali e sociali dei progetti di sviluppo.

Infine, il diritto delle persone all’informazione, alla partecipazione e alla giustizia deve essere rispettato durante tutto il processo di valutazione dell’impatto ambientale.