L'inquinamento da plastica negli oceani triplicherà entro il 2040 senza interventi drastici

0
5

L'inquinamento da plastica è un grosso problema. Ma quanto grande è rimasto un mistero fino a poco tempo fa, quando è stato pubblicato uno studio dettagliato che ha approfondito i numeri reali che guidano la crisi. Questo importante studio è stato il risultato di due anni di ricerca e analisi da parte di Pew Charitable Trusts e del think tank ambientale SYSTEMIQ, Ltd. che, insieme, hanno voluto quantificare il problema che dobbiamo affrontare per trovare soluzioni più efficaci. È stato pubblicato sia sotto forma di uno studio sottoposto a revisione paritaria su Science Journal sia come rapporto.

Ciò che lo studio ha rivelato è che l'inquinamento da plastica degli oceani triplicherà entro il 2040 se non si farà nulla per fermarlo. Ciò si traduce in un orribile 110 libbre (50 chilogrammi) di plastica per 3,2 piedi (1 metro) di costa. Il solito numero citato per l'inquinamento annuale da plastica degli oceani è di 8 milioni di tonnellate (una tonnellata è 2204,6 libbre), ma lo studio dice che è molto più vicino a 11 tonnellate e potrebbe facilmente raggiungere le 29 tonnellate in altri vent'anni – e questo non include nemmeno le enormi quantità di plastica che ogni anno vengono scartate sulla terra. Inoltre, anche se i governi e le imprese mantenessero tutte le loro promesse di ridurre i rifiuti di plastica, il flusso globale di plastica oceanica si ridurrebbe di appena il 7% entro il 2040, il che è tutt'altro che adeguato.

I ricercatori hanno creato e analizzato cinque scenari in cui i rifiuti di plastica vengono trattati in modo diverso da qui al 2040. Questi includono "Business As Usual" (che fornisce una linea di base con cui confrontare modelli alternativi), "Raccogli e smaltisci" (migliorando la raccolta e lo smaltimento infrastrutture), "Riciclaggio" (miglioramento ed espansione delle capacità di riciclaggio), "Riduci e sostituisci" (una soluzione a monte che sostituisce la plastica con altri materiali più ecologici) e "Cambio di sistema" (una revisione completa che include la riduzione della domanda di plastica, la sostituzione con materiali migliori e il miglioramento dei tassi di riciclaggio).

Ciò che i ricercatori hanno scoperto è che, se si verificasse un cambiamento totale del sistema – e i governi e le aziende fossero abbastanza coraggiosi da spingere per un remake dell'industria globale della plastica, utilizzando ogni singolo bit di tecnologia attualmente a loro disposizione – i rifiuti di plastica potrebbero essere ridotto dell'80% entro il 2040. Ma se questa revisione totale fosse ritardata di soli cinque anni, nel frattempo altri 500 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica mal gestiti verrebbero immessi nell'ambiente.

Una revisione totale non sarebbe a buon mercato. Costerebbe 600 miliardi di dollari, ma come riportato da National Geographic, "sono 70 miliardi di dollari in meno rispetto ai prossimi due decenni come al solito, principalmente a causa del ridotto uso di plastica vergine".

Non c'è davvero scelta, a meno che non vogliamo vivere su un pianeta soffocante nella plastica. Per citare Andrew Morlet, CEO della Ellen MacArthur Foundation che da anni sostiene un'economia circolare, "La scritta è sul muro. In realtà dobbiamo lasciare il petrolio nel terreno e mantenere il flusso dei polimeri esistenti nel sistema e innovare".

Il riciclaggio è una parte cruciale della soluzione, ma deve essere notevolmente migliorato rispetto al suo stato attuale sottosviluppato. I tassi di raccolta devono aumentare, considerando che attualmente due miliardi di persone non hanno accesso ai servizi di raccolta dei rifiuti e che il numero aumenterà fino a quattro miliardi entro il 2040, ma aumentare è un "compito monumentale", secondo il rapporto:

"[It] richiederebbe il collegamento di oltre un milione di famiglie in più ai servizi di raccolta dei rifiuti solidi urbani (RSU) a settimana dal 2020 al 2040; la maggior parte di queste famiglie non collegate si trova in paesi a reddito medio".

Come ha spiegato National Geographic, si tratta di una "prospettiva inconcepibile, ma inclusa nel rapporto per trasmettere l'enormità dei problemi legati al contenimento dei rifiuti su scala globale".

Un lavoratore pulisce la spazzatura di plastica lasciata in una piazza pubblica in Galles, giugno 2020.
Matthew Horwood /Getty Images

Cosa deve cambiare?

Il rapporto formula diverse raccomandazioni.

  • La produzione di nuova plastica deve diminuire immediatamente, il che significherebbe fermare la costruzione di nuovi impianti di plastica.
  • È necessario trovare e sviluppare alternative non plastiche, come carta e materiali compostabili.
  • I prodotti e gli imballaggi devono essere progettati per un migliore riciclaggio.
  • I tassi di raccolta dei rifiuti devono aumentare, estendendosi al 90% delle aree urbane e al 50% delle aree rurali; e la tecnologia di riciclaggio deve essere migliorata.
  • Devono essere sviluppati metodi che trasformino la plastica usata in nuova plastica, nonché modi di utilizzare questi prodotti.
  • È necessario costruire migliori strutture per lo smaltimento della plastica per gestire il 23% di plastica che non può essere riciclata economicamente.
  • Le esportazioni di plastica devono essere fermate nei paesi che hanno sistemi di raccolta inadeguati e alti tassi di perdita, non più delocalizzare la nostra spazzatura nei paesi in via di sviluppo che non possono gestirli.

Il rapporto ha un effetto sia deprimente che stimolante. Dipinge un quadro di una situazione terribile, che sembra quasi impossibile da risolvere; eppure mostra, usando dati economici concreti, che il cambiamento è possibile con la tecnologia che già esiste. E se il COVID-19 ci ha insegnato qualcosa, è che le catene di approvvigionamento possono ruotare rapidamente quando necessario. Non è necessario sviluppare soluzioni magiche per far sì che ciò accada, ma le persone devono unirsi per spingere per un cambiamento radicale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui