L'isola del Principe Edoardo ha rimosso milioni di sacchetti di plastica dal suo flusso di rifiuti

0
7

È passato un anno da quando l'Isola del Principe Edoardo ha vietato i sacchetti di plastica monouso e i risultati sono impressionanti. La provincia marittima canadese raccoglieva annualmente tra i 15 e i 16 milioni di sacchetti di plastica per lo smaltimento, ma grazie al divieto entrato in vigore il 1° luglio 2019, questi sono tutti scomparsi.

Gerry Moore, CEO dell'Island Waste Management Corporation, ha dichiarato alla CBC: "Probabilmente spediremmo nelle vicinanze di un carico di un trattore-rimorchio di quel materiale probabilmente ogni due o tre settimane. Questo è stato completamente … eliminato".

Ai rivenditori è stato ordinato di offrire invece sacchetti di carta e riutilizzabili, entrambi acquistati dai clienti a un prezzo minimo prestabilito; i sacchetti di plastica non potevano assolutamente essere messi a disposizione nei negozi, nemmeno quelli biodegradabili o compostabili. Alcune città hanno sostituito i sacchetti di plastica convenzionali con quelli biodegradabili, citando preoccupazioni ambientali, ma questo ottiene poco; nonostante il loro nome, le plastiche biodegradabili non si decompongono così efficacemente come si potrebbe sperare.

La cosa rinfrescante del divieto delle borse di PEI è che il suo obiettivo non era sostituire la plastica con la carta, ma fare tutto il possibile per incoraggiare gli acquirenti a portare le proprie borse. Dal sito del governo provinciale: "I consumatori sono incoraggiati a utilizzare sacchetti riutilizzabili di qualità superiore che generalmente contengono di più, sono più durevoli e producono meno rifiuti, o sacchetti di carta".

Ed è proprio quello che è successo. Moore ha detto che si aspettava di vedere un picco nel numero di sacchetti di carta usati e scartati, ma invece il supplemento ha agito come deterrente e ha aiutato le persone a ricordarsi di portare i propri bagagli. Alle aziende è stato concesso tutto il tempo per esaurire le scorte di sacchetti di plastica e prepararsi al cambiamento. L'intero processo ha avuto un tale successo che Jim Cormier, direttore della divisione Atlantic del Canada's Retail Council, lo ha descritto come "senza soluzione di continuità":

"È un buon esempio di ciò che può accadere se il governo si prende effettivamente il tempo per consultarsi, ma si prende anche il tempo per dare un po' di tempo prima di attuare una delle loro iniziative".

Quando il COVID-19 ha colpito e le aziende di tutto il Nord America hanno iniziato a ritrattare i loro impegni per eliminare la plastica monouso, PEI ha detto ai rivenditori che potevano rinunciare alla tassa per i sacchetti di carta, poiché alcune aziende erano preoccupate per il potenziale di contaminazione con materiali riutilizzabili. Ha funzionato bene, mantenendo tutti al sicuro e felici senza creare cumuli di rifiuti di plastica.

@gigibunny via Twenty20

L'atteggiamento generale è meravigliosamente positivo. Cormier disse: "Per la maggior parte [the Retail Council has] sentito solo cose positive dal pubblico in generale." Un altro rappresentante del governo ha detto alla CBC che la risposta dei residenti dell'isola è stata "fantastica". La CBC ha riferito che le aziende potrebbero essere multate di $ 10.000 e i clienti $ 500 per non aver seguito l'atto, ma che, "nel primo anno dall'attuazione dell'atto, non sono state emesse multe".

Il PEI è diventato il simbolo del successo dei divieti sui sacchetti di plastica e ora altre province si stanno rivolgendo per chiedere consigli su come implementare i propri.

È fantastico ascoltare una storia di successo ambientale come questa, per non parlare del fatto che potrebbe, in teoria, essere replicata da ogni altra città del mondo. PEI ha mostrato cosa è possibile quando le priorità sono chiare come il cristallo, le regole sono stabilite con largo anticipo e le conseguenze per il mancato rispetto sono dure. Potremmo farlo tutti anche noi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui